Gerhard Berger sul futuro delle corse: “I fan vogliono vedere un'auto che sia una sfida”

Sono passati 30 anni da quando Gerhard Berger era compagno di squadra di Ayrton Senna in McLaren Honda in Formula 1 e oggi l'austriaco è molto attivo nel motorsport come capo del DTM. La serie ha subito un'enorme trasformazione quest'anno, con un cambio di regolamento in GT3. Berger sta anche supervisionando un programma ambizioso per creare un'auto DTM elettrica da 1.000 cavalli come una possibile strada per il futuro.

Per questa edizione del #ThinkingForward abbiamo parlato con il 10 volte vincitore del Gran Premio sulla sua visione del DTM e su cosa pensa della direzione della Formula 1. Iniziamo con la F1, che ora è gestita dall'ex collega di Berger dai tempi della Ferrari, Stefano Domenicali.

"Mi piace la Formula 1, è ancora molto competitiva. Ma a volte vedo che ha perso un po' la strada", dice Berger, che evidenzia le spettacolari auto degli anni '80 come punto di riferimento per ciò che la F1 dovrebbe essere.  Per quanto riguarda la gestione della serie, afferma: "Chase (Carey, ex CEO F1, ndr) non aveva mai visto la Formula 1 prima di ricoprire il suo ruolo. Come americano, è molto difficile capire la vera filosofia e le cose reali dietro il nostro sport. Per quanto lo apprezzi come manager, non è ancora la scelta giusta, perché hai bisogno di qualcuno che capisca questo business, che abbia passato del tempo in questo business e che sia in grado poi di fare quello che Bernie ha fatto per molti anni. Quindi penso che Stefano sia la scelta migliore in questo senso.  Ma tutti noi conosciamo anche questa specialità che Bernie aveva, questo modo di affrontare i diversi problemi. E dobbiamo vedere se Stefano potrebbe seguire questo modo, ma penso che sia stato sicuramente la scelta giusta per Liberty. E penso che sarà molto buono per questo sport".

Gerhard Berger, McLaren

Gerhard Berger, McLaren

Photo by: Motorsport Images

Così come Domenicali sta tracciando la rotta per la F1, anche Berger sta facendo lo stesso per il DTM, una serie che è stata scossa dagli addii dei costruttori sotto il vecchio regolamento e aveva bisogno di un aggiornamento importante. Per il 2021 correrà secondo i regolamenti GT3, ma Berger insiste che il DTM rappresenta ancora gli stessi valori.

"Il DNA del DTM non cambierà affatto, quello che sta cambiando è il regolamento tecnico – afferma – Forse le auto hanno un aspetto ancora migliore come auto GT3 perché sembrano davvero una Mercedes, una BMW, un'Audi, cosa che prima mancava. E poi la grande cosa per molti anni è stata che dovevamo avere più marchi, produttori sulla nostra piattaforma. Avevamo a che fare sempre con due o tre produttori e semplicemente non era abbastanza buono per i fan e per i partecipanti. Le auto sembrano più spettacolari. I fan vedranno concetti di auto che conoscono dalla strada: motore centrale, motore anteriore, motore posteriore. E l'unico aspetto negativo che dobbiamo affrontare è il Balance Of Performance, ma sono abbastanza sicuro che lo gestiremo in modo molto trasparente e buono. Il resto, è tutto uguale: lo stesso formato sprint, la stessa TV, gli stessi circuiti di gara.

"Il DTM non è legato ad un regolamento tecnico. Il DTM è una categoria di piloti professionisti seduti nelle macchine. Quindi hai il più alto livello di piloti, hai i migliori team. Abbiamo un format sprint, quindi non cambiamo i piloti; la maggior parte delle altre serie GT hanno piloti misti, forse un professionista e uno che paga".

Gerhard Berger, ITR Chairman

Gerhard Berger, ITR Chairman

Photo by: Alexander Trienitz

Una delle più grandi sfide che ogni CEO di una serie deve affrontare oggi è decidere quale sarà il powertrain del futuro. La Formula 1 e il WRC stanno raddoppiando i motori a combustione interna ibridi e i carburanti sostenibili, molte altre serie stanno diventando elettriche.

"Nessuno sa ancora dove andrà a finire la tecnologia della trasmissione finale anche su una vettura stradale – dice Berger – Abbiamo dei messaggi molto chiari dai politici, ma sono sorpreso di questo grande passo. Abbiamo deciso di vedere se possiamo mettere insieme un prodotto racing completamente elettrico, che potrebbe essere interessante per i fan, ma in parallelo stiamo ancora tenendo il motore a combustione, con biocarburanti o carburante sintetico e Hybrid”.

Gerhard Berger, Ferrari 412T2

Gerhard Berger, Ferrari 412T2

Photo by: Motorsport Images

È una decisione importante. Berger è molto chiaro sul fatto che i fan devono essere quelli che decidono come vogliono che la serie che amano sia alimentata, ma è altrettanto chiaro quale sia il punto di partenza: "Quando ci si allontana dallo sport, allora si perde. Perché bisogna essere uno sport che mostra persone, piloti che possono gestire le situazioni in modo diverso dai normali esseri umani. E penso che questo debba essere la forza trainante, tutte le altre cose vengono dopo”.

"Come pilota non mi interessa da dove viene la potenza, se viene da una trasmissione elettrica a idrogeno o da un motore a combustione. Non ha importanza. Quello che mi piacerebbe avere come pilota, sono 1.000 cavalli o più. Quello che i fan vorrebbero vedere è un'auto che sia una sfida, perché altrimenti non sei una star. Quello che è venuto fuori è stata la nostra auto di prova a Hockenheim con 1200 cavalli a trazione integrale, incredibilmente veloce e spettacolare. Così ora stiamo andando a costruire da questa auto demo, un prototipo di auto, con questa tecnologia molto simile, come abbiamo già mostrato, ma con un look diverso. E speriamo che quando la porteremo in parallelo, daremo ai fan la possibilità di scegliere. E poi vedremo come si sviluppa il mondo. Se non metti il fan al centro non funzionerà".

Per quanto riguarda il futuro a lungo termine, Berger è ottimista sul fatto che il motorsport avrà una rilevanza ancora maggiore mentre l'industria automobilistica subisce il suo più grande sconvolgimento in un secolo.

"Penso che sarà interessante nei prossimi cinque anni anche quello che l'industria delle auto stradali troverà come soluzione finale. Perché alla fine, ci deve essere una connessione tra auto da strada e auto da corsa. E penso che forse una volta che questo sarà chiaro, allora sarà di nuovo una grande possibilità per il motorsport di essere il banco di prova per queste nuove tecnologie per auto da strada".

Gerhard Berger, ITR Chairman with Rene Rast, Audi Sport Team Rosberg

Gerhard Berger, ITR Chairman with Rene Rast, Audi Sport Team Rosberg

Photo by: ITR eV

condividi
commenti
L'automobilismo che si fa arredo: l'idea di un appassionato designer toscano

Articolo precedente

L'automobilismo che si fa arredo: l'idea di un appassionato designer toscano

Articolo successivo

FDA rinnova la partnership con la FIA per "Girls on Track"

FDA rinnova la partnership con la FIA per "Girls on Track"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Speciale
Autore James Allen