Elkann: "La prima Ferrari elettrica si vedrà nel 2025"

Il presidente del Cavallino guarda al futuri con fiducia tanto nel prodotto che nel Motorsport. John Elkann ha dato il resoconto di un anno 2020 nel quale sono state consegnate 9.119 vetture, circa il 10% in meno rispetto all’anno precedente ma in linea con il piano di produzione del secondo semestre. Quest'anno verranno lanciati tre modelli nuovi, mentre i tecnici stanno studiando la prima vettura elettrica. Nel frattempo ci sarà il ritorno a Le Mans.

Elkann: "La prima Ferrari elettrica si vedrà nel 2025"

John Elkann ci crede molto. Il presidente della Ferrari nell’assemblea degli azionisti ha fatto il punto della situazione facendo un bilancio di un anno difficile come il 2020 che ha regalato più soddisfazioni nel prodotto di quante siano arrivate dalla Formula 1.

“Nonostante tutte le difficoltà, nel 2020 sono stati presentati con grande successo 3 nuovi modelli in modalità digitale; la Ferrari Portofino M, la SF90 Spider e la 488 GT Modificata. Questo significa che oggi abbiamo la gamma di prodotti più bella, innovativa e ampia di tutta la nostra storia”.

“I risultati 2020 sono stati conseguiti grazie a una performance molto forte nel quarto trimestre. Questo è stato possibile grazie alla solidità del nostro core business, al miglioramento dei ricavi di Formula 1, alle azioni di contenimento dei costi messe in atto nel corso dell’anno e a un andamento dei cambi favorevole rispetto alle nostre proiezioni”.

I numeri sono in calo, ma in linea con le previsioni dovute alla pandemia del COVID 19…
“Le consegne sono state 9.119 unità, circa il 10% in meno rispetto all’anno precedente ma in linea con il nostro piano di produzione del secondo semestre”.

I ricavi netti del Gruppo sono stati pari a 3,460 miliardi di euro, in calo dell’8,1% rispetto all’esercizio precedente, a seguito di minori consegne e minori ricavi di Formula 1 e del marchio, ma il bilancio permette una distribuzione dei dividendi…
“Grazie alla solida performance del 2020, il Consiglio di Amministrazione ha proposto agli azionisti una distribuzione di dividendi di circa 160 milioni di euro e ha inoltre approvato il riavvio del nostro programma pluriennale di riacquisto di azioni”.

Il presidente ammette che arriveranno tre nuovi modelli nei prossimi mesi…
“Sì e continuiamo a mettere in atto la nostra strategia di elettrificazione in modo estremamente rigoroso. E la nostra interpretazione e applicazione di queste tecnologie sia nel motorsport sia nelle auto stradali è una grande opportunità per trasmettere l’unicità e la passione del Cavallino Rampante alle nuove generazioni”.

“Siamo molto entusiasti della nostra prima Ferrari completamente elettrica, che abbiamo in programma di presentare nel 2025 e potete esserne certi: tutto quello che nel vostro immaginario gli ingegneri e i designer di Maranello sono in grado concepire per un simile punto di riferimento della nostra storia, verrà realizzato”.

Dalle corse arriveranno maggiori soddisfazioni?
“Nel 2021 crescono le nostre ambizioni nel motorsport, e non solo in Formula 1, dove la nostra formazione di piloti giovani ed eccezionalmente talentuosi ha già portato tanta nuova energia positiva al team”.

“A febbraio abbiamo annunciato il nostro ritorno a Le Mans nel 2023, una gara in cui sono stati scritti tanti importanti capitoli della nostra storia nelle corse automobilistiche. Questa è un’altra opportunità per competere ai massimi livelli, testando le ultime innovazioni tecnologiche in pista e trasferendo successivamente le nostre conoscenze all’ineguagliabile pedigree e all’esperienza di guida di una nuova generazione di auto stradali Ferrari”.

Per quanto riguarda il nuovo CEO il presidente ha detto:
“Il Consiglio ha istituito un comitato di ricerca che ha supervisionato il processo per identificare il nuovo CEO della nostra società, una figura con le competenze giuste per guidarci in questo decennio. Stiamo facendo buoni progressi nella creazione di una short list di candidati molto forti che hanno tutte le qualità, fra le quali in particolare le capacità tecnologiche, per guidare la nostra società”.

condividi
commenti
Il BSB lancia un canale dedicato su Motorsport.tv
Articolo precedente

Il BSB lancia un canale dedicato su Motorsport.tv

Articolo successivo

Motorsport Network Italia acquisisce GPOne.com

Motorsport Network Italia acquisisce GPOne.com
Carica i commenti