Sam Bird vince il secondo Diriyah E-Prix con la bandiera rossa

Il pilota Jaguar trionfa al termine di una lotta stupenda contro Frijns, anche se l'olandese mastica amaro per l'interruzione anzitempo dovuta ad un incidente. Podio per Vergne che batte con le cattive Da Costa, Cassidy in Top5 beffando Sette Câmara e Müller. Rimonta di Rast, Mercedes a secco.

Sam Bird vince il secondo Diriyah E-Prix con la bandiera rossa

Sam Bird ha vinto il secondo Diriyah E-Prix al termine di una gara molto concitata e terminata anzitempo con l'esposizione della bandiera rossa.

L'interruzione è stata causata da una collisione avvenuta al giro 26 tra la BMW di Maximilian Günther e la NIO 333 di Tom Blomqvist, colpita dal tedesco che stava guardando principalmente negli specchietti per difendersi dall'attacco di Oliver Rowland (Nissan e.dams), e franato addosso all'incolpevole rivale.

A ruota è giunta la Mahindra di Alex Lynn capottata, probabilmente per un contatto con la Jaguar di Mitchell Evans. Lynn è stato trasportato in ospedale per accertamenti, ma dal team fanno sapere che è cosciente.

 

In quel mentre, erano appena state esposte le bandiere gialle per l'uscita di scena anche da parte di Sébastien Buemi, fermatosi lungo il tracciato con la Nissan e.dams, dunque tra detriti e vetture da recuperare, i commissari hanno preferito porre fine alla contesa quando sul cronometro mancavano ancora 2'40".

In realtà Bird si stava ampiamente meritando il successo dopo aver combattuto strenuamente contro il poleman Robin Frijns, che era partito molto bene dalla prima casella, ma a lungo tallonato dall'inglese della Jaguar, con cui si è scambiato più volte la posizione fino a quando non si è ritrovato secondo con un Attack Mode reso inutilizzabile da un Full Course Yellow causato dal ritiro di Jake Dennis, la cui BMW è stata spedita a muro dalla Porsche di Pascal Wehrlein, poi punito con un Drive Through.

A quel punto, Frijns ha solamente potuto sfruttare la potenza extra per tornare davanti a Bird al giro 20, ma quest'ultimo gli ha risposto un paio di tornate dopo e allungato guadagnando un paio di secondi che poi sono risultati preziosi per mantenere la testa della corsa.

Dietro a Bird e al delusissimo Frijns abbiamo le DS Teechetah degli scatenati Jean-Éric Vergne ed António Félix Da Costa. Il francese alla fine beffa il suo collega completando il podio, ma entrambi gli alfieri della scuderia franco-cinese hanno compiuto una fantastica rimonta risalendo rispettivamente dal 7° e 9° posto in griglia, scambiandosi le posizioni anche con contatti piuttosto cattivi.

Chi poteva ambire a qualcosa di più è Sérgio Sette Câmara, sesto con la Dragon-Penske dopo aver ceduto la Top5 nel finale a Nick Cassidy, autore di un bel recupero con la Virgin Racing scavalcando sia il sudamericano che il compagno di quest'ultimo, Nico Müller.

Sperava in un piazzamento migliore anche Oliver Turvey, che è ottavo e migliore dei piloti NIO 333, con la Top10 completata da Rowland e dall'Audi di René Rast, bravo a risalire la china dal 19° posto.

Restano a bocca asciutta entrambe le Mahindra perché Alexander Sims è undicesimo e Norman Nato quindicesimo, così come l'Audi di un Lucas Di Grassi opaco e le Mercedes di Nyck De Vries e Stoffel Vandoorne.

L'olandese e il belga della Stella sono riusciti ad avere l'ok per partire dopo i problemi avuti dal powertrain Mercedes verificatisi sulla Venturi di Edoardo Mortara (che alla fine non ha corso per i danni alla monoposto), visto che in precedenza la FIA gli aveva negato le Qualifiche per motivi di sicurezza.

Cla # Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco km orari Ritirato Punti
1 10 United Kingdom Sam Bird
Jaguar Racing 29 39'50.836
2 4 Netherlands Robin Frijns
United Kingdom Virgin Racing 29 39'53.030 2.194 2.194
3 25 France Jean-Éric Vergne
China Techeetah 29 39'55.682 4.846 2.652
4 13 Portugal António Félix Da Costa
China Techeetah 29 39'57.736 6.900 2.054
5 37 New Zealand Nick Cassidy
United Kingdom Virgin Racing 29 39'59.915 9.079 2.179
6 7 Brazil Sergio Sette Camara
DRAGON / PENSKE AUTOSPORT 29 40'03.653 12.817 3.738
7 6 Switzerland Nico Müller
DRAGON / PENSKE AUTOSPORT 29 40'04.760 13.924 1.107
8 8 United Kingdom Oliver Turvey
United Kingdom NIO Formula E Team 29 40'06.359 15.523 1.599
9 22 United Kingdom Oliver Rowland
France DAMS 29 40'07.225 16.389 0.866
10 33 Germany René Rast
Germany Audi Sport Team ABT 29 40'09.090 18.254 1.865
11 29 United Kingdom Alexander Sims
India Mahindra Racing 29 40'10.721 19.885 1.631
12 11 Brazil Lucas Di Grassi
Germany Audi Sport Team ABT 29 40'11.448 20.612 0.727
13 88 United Kingdom Tom Blomqvist
United Kingdom NIO Formula E Team 29 40'12.344 21.508 0.896
14 17 Netherlands Nyck De Vries
Mercedes-EQ Formula E Team 29 40'13.318 22.482 0.974
15 71 France Norman Nato
Monaco Venturi 29 40'15.028 24.192 1.710
16 99 Germany Pascal Wehrlein
Germany Porsche Team 29 40'16.231 25.395 1.203
17 36 Germany André Lotterer
Germany Porsche Team 29 40'18.093 27.257 1.862
18 5 Belgium Stoffel Vandoorne
Mercedes-EQ Formula E Team 29 40'19.948 29.112 1.855
dnf 28 Germany Maximilian Gunther
United States Andretti Autosport 26 32'35.218 3 Laps 3 Laps Ritirato
dnf 20 New Zealand Mitch Evans
Jaguar Racing 26 32'38.574 3 Laps 3.356 Ritirato
dnf 94 United Kingdom Alex Lynn
India Mahindra Racing 26 32'44.395 3 Laps 5.821 Ritirato
dnf 23 Switzerland Sébastien Buemi
France DAMS 26 32'44.705 3 Laps 0.310 Ritirato
dnf 27 United Kingdom Jake Dennis
United States Andretti Autosport 16 19'43.653 13 Laps 10 Laps Ritirato
dns 48 Switzerland Edoardo Mortara
Monaco Venturi 0
condividi
commenti
Mortara ha sbattuto per un problema ai freni e al software
Articolo precedente

Mortara ha sbattuto per un problema ai freni e al software

Articolo successivo

Evans: "Ho visto Lynn volare sopra di me, è stato tremendo!"

Evans: "Ho visto Lynn volare sopra di me, è stato tremendo!"
Carica i commenti