Raikkonen: "Gara noiosa, non sono mai riuscito ad attaccare Lewis"

condividi
commenti
Raikkonen:
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
27 mag 2018, 15:57

Il finlandese della Ferrari è giunto al traguardo nella stessa posizione di partenza, la quarta, dopo aver disputato una gara regolare con qualche brivido nel finale nel contenere un velocissimo Bottas su Supersoft.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, precede Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H

Soltanto dodici mesi fa Kimi Raikkonen saliva sul secondo gradino del podio con l'umore sotto i tacchi per aver perso una gara che sembrava ormai sua, ma ad un anno di distanza la situazione è totalmente cambiata.

Raikkonen, così come i tre piloti che lo precedevano in griglia, ha concluso nella stessa posizione di partenza, la quarta, senza mai regalare un acuto e senza essere in grado di tenere lo stesso ritmo di Lewis Hamilton.

Kimi, inoltre, nella seconda fase di gara ha dovuto guardare più volte negli specchietti per controllare la posizione di un Valtteri Bottas velocissimo dopo aver montato le Pirelli Supersoft in occasione della sosta.

Poche, in ogni caso, le emozioni vissute dal finlandese della Ferrari sul tracciato del Principato e lo stesso Raikkonen ha confermato di aver preso parte ad una gara priva di brio condizionata dal ritmo dei piloti di testa.

"Non è successo praticamente nulla durante la gara, è stata una corsa piuttosto noiosa. Ci siamo limitati a seguire chi stava davanti. Chi si trovava al comando ha dettato il ritmo e su questo tracciato non c'è stato modo di superare".

Raikkonen si è trovato per tutta la gara distante da Lewis Hamilton nonostante il quattro volte campione del mondo oggi fosse un lontano parente del pilota implacabile visto a Barcellona. Kimi ha affermato di aver fatto il possibile per stare vicino alla Mercedes numero 44, ma questo non è bastato per tentare un sorpasso ad Hamilton.

"Non sono mai riuscito ad attaccare Hamilton. Abbiamo provato a fare del nostro meglio, ma questo credo che valga per tutti i piloti in gara".

Dopo la delusione vissuta nell'ultimo round di Barcellona, quando è stato costretto al ritiro a seguito di un problema elettrico accusato sulla sua power unit, Raikkonen ha comunque accolto con moderata soddisfazione il quarto posto di oggi affermando come anche oggi il team abbia imparato qualcosa di più sulla SF71H.

"Noi cerchiamo sempre di imparare da ogni gara e qui non è stato diverso".

Articolo successivo
Mondiale Piloti F1 2018: Vettel a -14 da Hamilton, terzo c'è Ricciardo

Articolo precedente

Mondiale Piloti F1 2018: Vettel a -14 da Hamilton, terzo c'è Ricciardo

Articolo successivo

Verstappen: "La lezione più grande è di stare lontano dai muri"

Verstappen: "La lezione più grande è di stare lontano dai muri"
Carica i commenti