Mazepin: "Quest'anno non sarò aggressivo come in F2"

Il pilota russo, spesso protagonista di episodi controversi nelle categorie minori, ha dichiarato che adotterà uno stile di guida più conservativo in questa stagione non potendo lottare per il titolo.

Mazepin: "Quest'anno non sarò aggressivo come in F2"

L’arrivo in Formula 1 di Nikita Mazepin è stato preceduto da una serie infinta di polemiche per via dei suoi comportamenti inopportuni lontano dalla pista, ma nel corso delle passate stagioni il pilota russo è stato aspramente criticato anche per il suo atteggiamento sul tracciato.

Soltanto lo scorso anno, in occasione della sua seconda stagione in Formula 2, Mazepin ha raccolto ben 11 punti di penalità e soltanto per un punto non è stato costretto a saltare una gara.

Basti ricordare le difese estreme messe in scena nell’ultimo round in Bahrain quando ha costretto prima Tsunoda e poi Drugovich ad andare oltre il limite del tracciato dopo aver chiuso in modo durissimo la porta in entrambe le occasioni pur di non cedere la posizione.

Prima del debutto ufficiale in Formula 1, Nikita si è detto consapevole di essere finito troppe volte nel mirino dei commissari, ma ha sottolineato che adotterà uno stile di guida differente in questa stagione.

"Posso dire con certezza che non vedrete quel mio stile di guida in F1 nei prossimi anni. Quando lotti per un campionato devi avere un approccio diverso rispetto a quando ti trovi a combattere nelle zone meno nobili della griglia”.

Il russo ha poi affermato di aver studiato con attenzione il regolamento sportivo per capire cosa sarà consentito e cosa no in pista

"Ho preso del tempo per esaminare i regolamenti, studiarli e capire dov'è il limite”.

"Come ha detto uno dei grandi piloti da corsa, se non ti infili in uno spazio che esiste non sei più un pilota, e penso che questo concetto sia applicabile a tutti coloro che corrono in F1”.

“Per arrivarci devi essere disposto a cogliere ogni opportunità, perché se non lo farai tu, lo farà qualcun altro. Ovviamente a volte si oltrepassa questa linea”.

Sicuramente il 2021 sarà una stagione d’inferno per il russo. La Haas, per bocca di Gunther Steiner, ha fatto sapere che non svilupperà la VF-21 preferendo concentrare tutte le risorse sulla monoposto del prossimo anno.

Mazepin, però, non sembra scoraggiato da tutto ciò ed ha speso parole di elogio per il team.

"Non sono assolutamente preoccupato perché ho un'enorme fiducia nel vedere l'incredibile lavoro che Ferrari e Haas stanno facendo sia per quel che riguarda il motore che per quel che riguarda la vettura".

"Ho avuto la fortuna di incontrare i membri del team di recente, e posso dire che con la loro etica del lavoro e la quantità di ore che stanno trascorrendo in fabbrica meritano davvero un risultato migliore di quello che hanno ottenuto in passato. Sono fiducioso che il lavoro dei prossimi anni aiuterà a raggiungere quei risultati".

condividi
commenti
Williams: ecco il piano per tornare a essere un top team

Articolo precedente

Williams: ecco il piano per tornare a essere un top team

Articolo successivo

Podcast: 1995, la scelta che cambiò il destino della Ferrari

Podcast: 1995, la scelta che cambiò il destino della Ferrari
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Nikita Mazepin
Team Haas F1 Team
Autore Marco Di Marco