Stoffel Vandoorne
Topic

Stoffel Vandoorne

La colonna di Vandoorne: "In Russia che bello vedere la bandiera a scacchi"

Il pilota belga ha concluso il primo GP 2017 nonostante abbia patito una penalizzazione in griglia per l'uso della quinta power unit. Vandoorne si augura che con gli aggiornamenti che si vedranno in Spagna la McLaren possa iniziare la risalita.

La colonna di Vandoorne: "In Russia che bello vedere la bandiera a scacchi"
Stoffel Vandoorne, McLaren
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren, Eric Boullier, Racing Director, McLaren
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32, in the pits
Stoffel Vandoorne, McLaren
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Helmet of Stoffel Vandoorne, McLaren
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32

Vedere la bandiera a scacchi alla fine del Gran Premio di Russia è stata una piccola soddisfazione per me e per tutta la McLaren-Honda. Ovviamente i nostri obiettivi sono altri, ma è stato un segnale di incoraggiamento. Considerando i problemi che abbiamo avuto in questo inizio di stagione è positivo avere concluso la corsa, perché in questo momento la notizia migliore è quella di macinare chilometri senza imprevisti. Nel Gran Premio di Russia ci siamo riusciti, ed il quattordicesimo posto finale si carica di un significato importante su questo fronte.

Il mio weekend di Sochi è stato migliore dei precedenti, sono riuscito a passare più tempo in pista ed abbiamo raccolto dei dati importanti per il lavoro della squadra. Purtroppo abbiamo visto che nel caso che Fernando non è riuscito a schierarsi al via della corsa, e questo conferma che c'è ancora molto lavoro da fare sull'affidabilità.

Nel test del Bahrain il giorno migliore

Siamo arrivati ​​in Russia sull’onda positiva del buon test disputato in Bahrain dopo il weekend di gara. Il giorno conclusivo delle prove è stato il migliore per noi dall’inizio dell’anno, con una percorrenza molto buona che ci ha dato molte speranze in vista di Sochi.

Le prove, però, non sono state lineari come speravamo. Sulla mia monoposto si è verificato un problema che ha richiesto la sostituzione della power unit, operazione costata una penalità che mi ha costretto a partire dall’ultima posizione della griglia. Questo imprevisto ha compromesso un po’ il nostro programma del weekend, perché eravamo concentrati maggiormente sulla gara più che sulla qualifica. Ci siamo comunque focalizzati sulla gestione degli pneumatici, che è stato poi l’elemento chiave del fine settimana di Sochi.

Penalizzato per evitare un incidente!

L'inizio della mia gara è stato abbastanza buono. Ho guadagnato un paio di posizioni dallo spegnersi del semaforo fino alla frenata della curva 2, ma poi ho dovuto evitare l'incidente tra Jolyon Palmer e Romain Grosjean, passando nella via di fuga e beccandomi così una penalità di cinque secondi. Non certo un dramma nell’economia della mia gara, era decisamente più importante non essere coinvolti in incidenti e proseguire la corsa senza problemi.

Durante i primi giri il passo è stato molto buono, sono riuscito a seguire una Williams, le Toro Rosso e le Haas che mi precedevano, senza perdere terreno e girando su buoni tempi. Poi sono stato costretto a ridurre il mio ritmo a causa degli elevati consumi di carburante, ed ho perso contatto da chi mi precedeva retrocedendo in classifica.

Sappiamo che il nostro pacchetto al momento non è ancora abbastanza competitivo, ed il risultato di Sochi rispecchia quello che possiamo fare in questo momento. Siamo abbastanza lenti sui rettilinei, e in molte fasi della corsa questo aspetto ci penalizza, soprattutto quando siamo in bagarre con avversari.

In Spagna un nuovo pacchetto aerodinamico

Nel team conosciamo molto bene i nostri problemi, e stiamo aspettano che arrivino degli aggiornamenti importanti per sperare di poter ambire a qualcosa in più. Nel weekend del Gran Premo di Spagna avremo delle novità sul fronte aerodinamico, e dovrebbero esserci anche alcuni miglioramenti anche al motore, ma al momento non conosco ancora l’entità di queste novità.

Sono certo, invece, che tutto il team sta davvero facendo il massimo possibile per migliorare questa situazione, e spero l’atteso salto in avanti arrivi quanto prima anche per ripagare il grande lavoro che vedo fare a tutti i componenti del squadra.

condividi
commenti
Cesare Fiorio in gravi condizioni all’ospedale di Brindisi

Articolo precedente

Cesare Fiorio in gravi condizioni all’ospedale di Brindisi

Articolo successivo

Renault: l'upgrade alla power unit in ritardo per motivi di affidabilità

Renault: l'upgrade alla power unit in ritardo per motivi di affidabilità
Carica i commenti