WTCR: rinviata Adria, si attende ancora l'omologazione

Alla pista veneta sono stati chiesti ulteriori messe a punto del layout modificato e quindi non si correrà a fine mese, ma probabilmente dopo l'estate, dato che le gare asiatiche sono a forte rischio.

WTCR: rinviata Adria, si attende ancora l'omologazione

Il FIA WTCR non sarà di scena in Italia come previsto il weekend del 31 luglio-1 agosto.

Dopo una ispezione dell'Adria International Circuit svolta nella giornata di lunedì 12 luglio, è emerso che i lavori per l'omologazione a Grado 3 FIA dell'ampliamento del tracciato richiederanno più tempo rispetto alla data dell'evento precedentemente fissata.

Onde evitare di sforare col tutto, il promoter Eurosport Events e l'Adria International Raceway nella giornata di mercoledì 14 hanno deciso che era meglio trovare una nuova data più avanti, in modo da sottoporla al Consiglio Mondiale FIA.

"Questa non è ovviamente una decisione facile da prendere in quanto riconosciamo il problemi che i cambiamenti del calendario causano all'ultimo momento. Ma la sicurezza è sempre al primo posto e semplicemente non potevamo rischiare che i lavori essenziali tardassero, con lo spauracchio della cancellazione della gara all'ultimo minuto", ha detto François Ribeiro, responsabile di Eurosport Events (promoter del WTCR).

"E' stato fatto ogni sforzo per completare le modifiche il più presto possibile per emettere la certificazione necessaria. Questo permetterà a tutti di continuare nella loro preparazione, consentendo agli addetti ai lavori di prepararsi al meglio in vista della WTCR Race of Italy".

"Come novità del nostro calendario, un tracciato con questo layout rende le gare di Adria una prospettiva intrigante e non abbiamo dubbi che la prima WTCR Race of Italy sarà un grande successo. Per ora, possiamo guardare indietro coi tre round disputati in Germania, Portogallo e Spagna che hanno regalato sei diversi vincitori di quattro Case, con auto gestite da sei team differenti. Ora pensiamo con entusiasmo alla WTCR Race of Hungary del mese prossimo".

Mario Altoè, proprietario e direttore dell'Adria International Raceway, ha aggiunto: "A seguito dell'ispezione della FIA del 12 luglio sono stati richiesti lavori di adeguamento della pista; considerando il limitato arco di tempo e in accordo con il promoter del WTCR, Eurosport Events, è stato deciso di posticipare la WTCR Race of Italy. Ma siamo fiduciosi nella riuscita dell'evento all'Adria International Raceway e attendiamo la conferma della nuova data".

La prossima tappa del WTCR sarà quindi l'Hungaroring il 20-22 agosto, mentre per Adria si prospetta la possibilità di correre dopo l'estate. Pare infatti che le date di Corea, Cina e Macao siano a fortissimo rischio cancellazione per i noti problemi pandemici, dunque è possibile che la massima serie turismo rimanga per la seconda stagione di fila in Europa con tutte le sue tappe.

Ad Adria i lavori di modifica al layout con allungamento di esso erano già partiti con forte ritardo nel 2020, motivo per cui nella passata stagione non vi si era potuti andare.

Ad oggi il circuito veneto sta ospitando sessioni di test anche dei partecipanti al WTCR, ma ci sono alcune sezioni - come le vie di fuga - ancora al vaglio dei responsabili di FIA ed ACI Sport, che in collaborazione con la famiglia Altoè (proprietaria della pista) dovranno trovare l'intesa definitiva in modo da poter disputare un evento della Federazione Internazionale.

condividi
commenti
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Articolo precedente

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Articolo successivo

Cupra ci porta dietro le quinte del Pure ETCR

Cupra ci porta dietro le quinte del Pure ETCR
Carica i commenti