WTCR: Monteiro vince Gara 1 al Nurburgring beffando Muller

Con una grande mossa all'ultimo giro, il pilota Honda batte il francese della Lynk & Co, con Urrutia terzo davanti a Guerrieri, Michelisz e Tarquini, il quale ha commesso due errori quando era balzato al comando. Mesto ottavo posto per Ehrlacher, disastrose le Cupra.

WTCR: Monteiro vince Gara 1 al Nurburgring beffando Muller

Tiago Monteiro ha centrato una grandissima vittoria in una spettacolare Gara 1 del FIA WTCR al Nürburgring Nordschleife.

Il portacolori della ALL-INKL.DE Münnich Motorsport non ha sbagliato nulla lungo i 25,378km dell'Inferno Verde, attendendo con pazienza il suo momento e beffando proprio negli ultimi metri Yvan Muller.

Il francese era partito benissimo dalla Pole Position della Top10 invertita, tenendosi alle spalle la Lynk & Co 03 del suo compagno di squadra Yann Ehrlacher, incalzato alla prima curva dall'ottimo Gabriele Tarquini, con Santiago Urrutia e Monteiro ad inseguire tirandosi dietro le Honda Civic Type R di Esteban Guerrieri e Néstor Girolami (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport).

Muller non è riuscito a staccare i rivali, mentre Ehrlacher ha avuto parecchi grattacapi con Tarquini alle spalle. La nuovissima Hyundai Elantra N del veterano di BRC era nettamente più veloce dei due francesi, specialmente nella terza e quarta parte della pista.

Al secondo giro, con una grandissima mossa alla "Kesselchen", Tarquini ha sfilato Ehrlacher (poco prima toccato nel posteriore, ma bravissimo a controllare il suo mezzo in controsterzo) poi si è fatto sotto sul lunghissimo rettilineo "Döttinger Höhe" a Muller, che lo ha dovuto lasciare passare.

Il "Cinghiale" ha però sbagliato alla successiva "Tiergarten", dunque sul rettilineo principale è stato risuperato da Muller e attaccato all'esterno da Ehrlacher, con Urrutia pronto ad approfittarne all'interno buttandosi alla prima staccata.

Qui Tarquini ha cercato di resistere all'uruguagio della Cyan Performance, ma è andato lungo di nuovo a ruote fumanti facendo finire larghissimo anche Ehrlacher, con Monteiro, Urrutia, Guerrieri e il suo compagno di squadra Norbert Michelisz a metterseli alle spalle.

L'ultimo giro è stata una sofferenza per Muller, che ha visto Monteiro avvicinarsi sempre più fino a quando il portoghese non ha sfruttato a pieno la velocità della Honda costruita dalla JAS Motorsport sul "Döttinger Höhe" per affiancare e scavalcare l'alsaziano, andando a prendersi una emozionante vittoria che gli mancava da Vila Real 2019.

Muller mastica amaro, ma ottiene quello che era un risultato alla sua portata visti i valori in campo, con Urrutia a conquistare l'ultimo gradino del podio davanti a Guerrieri e alle Hyundai di Michelisz e Tarquini.

Ehrlacher alla fine chiude ottavo, passato pure dall'Audi RS 3 LMS di Tom Coronel (Comtoyou-DHL), con Top10 completata da Girolami e dalla Hyundai di Jean-Karl Vernay (Team Engstler).

A punti vanno anche Nathanaël Berthon con la seconda Audi della Comtoyou-DHL, Attila Tassi sull'altra Honda della ALL-INKL.DE Münnich Motorsport, Thed Björk (Cyan Performance Lynk & Co), Luca Engstler (Hyundai Team Engstler) e Gilles Magnus (Audi Comtoyou-RACB), facendo restare a mani vuote Frédéric Vervisch con l'ultima Audi-Comtoyou.

Gara da dimenticare per le Cupra Leon Competición griffate Zengő Motorsport: Mikel Azcona è solo 17° dopo essere stato toccato in avvio da Engstler riportando danni sul posteriore, Jordi Gené e Bence Boldizs concludono alle spalle dello spagnolo, mentre Rob Huff si è ritirato al secondo giro dopo aver lottato ruota a ruota per la zona punti con Björk.

Fanalini di coda Andreas e Jessica Bäckman sulle Hyundai della Target Competition.

Cla # Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari Ritirato Punti
1 18 Portugal Tiago Monteiro
Honda 3 27'18.961 168.4 25
2 100 France Yvan Muller
Lynk & Co 3 27'19.475 0.514 0.514 168.0 20
3 12 Uruguay Santiago Urrutia
Lynk & Co 3 27'19.707 0.746 0.232 168.2 16
4 86 Argentina Esteban Guerrieri
Honda 3 27'19.906 0.945 0.199 168.2 13
5 5 Hungary Norbert Michelisz
Hyundai 3 27'20.371 1.410 0.465 168.3 11
6 3 Italy Gabriele Tarquini
Hyundai 3 27'20.902 1.941 0.531 167.7 10
7 32 Netherlands Tom Coronel
Audi 3 27'22.068 3.107 1.166 168.1 9
8 68 France Yann Ehrlacher
Lynk & Co 3 27'22.740 3.779 0.672 167.2 8
9 29 Argentina Néstor Girolami
Honda 3 27'22.958 3.997 0.218 167.8 7
10 69 France Jean-Karl Vernay
Hyundai 3 27'24.113 5.152 1.155 167.7 6
11 17 France Nathanaël Berthon
Audi 3 27'24.301 5.340 0.188 168.2 5
12 9 Hungary Attila Tassi
Honda 3 27'24.523 5.562 0.222 168.5 4
13 11 Sweden Thed Björk
Lynk & Co 3 27'26.283 7.322 1.760 168.4 3
14 8 Germany Luca Engstler
Hyundai 3 27'26.844 7.883 0.561 168.0 2
15 16 Belgium Gilles Magnus
Audi 3 27'28.903 9.942 2.059 168.3 1
16 22 Belgium Frédéric Vervisch
Audi 3 27'29.948 10.987 1.045 168.5
17 96 Spain Mikel Azcona
CUPRA 3 27'30.098 11.137 0.150 168.5
18 28 Spain Jordi Gene
CUPRA 3 27'43.974 25.013 13.876 166.5
19 55 Bence Boldizs
CUPRA 3 27'50.679 31.718 6.705 166.1
20 19 Sweden Andreas Bäckman
Hyundai 3 27'50.943 31.982 0.264 166.2
21 26 Jessica Bäckman
Hyundai 3 27'53.594 34.633 2.651 165.8
dnf 79 United Kingdom Robert Peter Huff
CUPRA 2 18'59.113 1 Lap 1 Lap Ritirato
condividi
commenti
WTCR: Girolami è un missile, Pole del Nurburgring a Honda-JAS
Articolo precedente

WTCR: Girolami è un missile, Pole del Nurburgring a Honda-JAS

Articolo successivo

WTCR: Engstler frenato, Vernay vince Gara 2 nell'1-2 Hyundai

WTCR: Engstler frenato, Vernay vince Gara 2 nell'1-2 Hyundai
Carica i commenti