Ningbo, Libere 2: ancora le Hyundai davanti, Björk precede Tarquini e Michelisz

condividi
commenti
Ningbo, Libere 2: ancora le Hyundai davanti, Björk precede Tarquini e Michelisz
Di: Francesco Corghi
28 set 2018, 08:49

Le i30 N continuano a dettare il passo con lo svedese che si tiene dietro il piloti BRC e le Audi di Vervisch e Berthon. Bene Guerrieri, Ma in Top10, migliorano le Alfa Romeo di Ceccon e Giovanardi, contatto fra Vernay e Oriola sotto la lente d'ingrandimento. Male le Peugeot e le Volkswagen.

Thed Björk continua a dettare legge a Ningbo, dove il pilota della Yvan Muller Racing ha ottenuto il miglior tempo anche nelle Prove Libere 2 abbassando ulteriormente il limite da lui fatto registrare già nella prima sessione.

Al volante della sua Hyundai i30 N, lo svedese ha fermato il cronometro sull'1'51"514 lungo i 4,010km della pista cinese, precedendo per pochi decimi quelle del BRC Racing Team condotte da Gabriele Tarquini e Norbert Michelisz, con il "Cinghiale" che ha migliorato sensibilmente nel finale, mentre l'ungherese si conferma in forma dopo il buon secondo posto delle FP1.

In Top5 abbiamo anche le Audi RS 3 LMS della Comtoyou Racing guidate da Frédéric Vervisch e Nathanaël Berthon, seguite dalla Honda Civic Type R della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport di Esteban Guerrieri (che non ha avuto problemi dopo l'uscita di pista della sessione precedente) e dalla Cupra dell'ottimo Zsolt Dávid Szabó (Zengő Motorsport), presentatosi in palla in Estremo Oriente.

Ottavo tempo per Jean-Karl Vernay, sul quale però pende una Spada di Damocle per via di un contatto avvenuto con la Cupra di Pepe Oriola. Il francese del Leopard Lukoil Team WRT ha colpito il posteriore della macchina dello spagnolo rompendogli la sospensione sinistra; i meccanici del Team OSCARO by Campos Racing hanno lavorato a lungo per rimandarlo in pista, ma Oriola non è andato oltre il 23° tempo e si è mostrato visibilmente infuriato con il collega. Vedremo se i giudici prenderanno provvedimenti.

Tornando alla classifica dei tempi, nono c'è l'idolo locale Ma Qing Hua, sempre intento a conoscere bene pista e la Honda Civic Type R affidatagli dalla Boutsen Ginion Racing, con Yann Ehrlacher che chiude la Top10 sulla Honda della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport. Il suo nuovo compagno di squadra, Timo Scheider, è diciottesimo.

Buon miglioramento per le Alfa Romeo Giulietta del Team Mulsanne-Romeo Ferraris: Kevin Ceccon, visto attorno alla settima piazza nei minuti conclusivi, alla fine è undicesimo a quasi 0"8 dalla vetta, mentre Fabrizio Giovanardi si ritrova quattordicesimo.

Yvan Muller ha completato i primi giri a bordo della sua Hyundai i30 dopo i problemi al servosterzo accusati nella prima sessione, con l'alsaziano che è dietro a Ceccon.

Più in difficoltà le Peugeot 308 della DG Sport Compétition dato che Aurélien Comte è quindicesimo e Mat'o Homola in fondo alla graduatoria, così come le Volkswagen Golf GTI dei ragazzi della Sébastien Loeb Racing, Mehdi Bennani e Rob Huff, sedicesimo e diciassettesimo.

Prossimo articolo WTCR
Ningbo, Libere 1: le Hyundai di Björk e Michelisz al comando

Articolo precedente

Ningbo, Libere 1: le Hyundai di Björk e Michelisz al comando

Articolo successivo

Thed Björk centra per un soffio la pole position di Gara 1 a Ningbo

Thed Björk centra per un soffio la pole position di Gara 1 a Ningbo
Carica i commenti