Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni
Ben Keating
Ben Keating
1/10
Nato il 18 agosto 1971. Quest'anno spegnerà le 50 candeline qualche giorno prima della 24h di Le Mans dopo una vita tra GT e prototipi. Il suo 2021 è cominciato con un doppio ruolo alla 24h di Daytona, guidando sia una Oreca LMP2 che la Aston Martin in GTD. Con la 07 di PR1/Mathiasen Motorsports si è imposto nella Qualifying Race, senza riuscire a ripetersi nella gara della settimana seguente. Escluse un paio di stagioni, ha sempre portato a casa qualche successo e podio; sarà ancora in azione tra FIA WEC ed IMSA, sicuramente a caccia di ulteriori soddisfazioni.

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Emmanuel Collard
Emmanuel Collard
2/10
Nato il 3 aprile 1971. Un altro che tra poco taglierà il traguardo del mezzo secolo, ma da Campione del Mondo in carica della Classe LMGTE Am del FIA WEC, grazie al primato raggiunto al termine della SuperSeason 2019-2020 con la Ferrari #83 di AF Corse, condivisa con François Perrodo e Nicklas Nielsen. La sua ormai lunga carriera vanta 2 successi e altri 5 podi a Le Mans, ma pure un secondo Mondiale LMGTE Am con la 458 Italia GT2, sempre griffata AF Corse, nel 2016. Il 2021 lo vedrà impegnato nuovamente con la 488 della medesima scuderia, ma in European Le Mans Series, per far crescere anche il nostro Alessio Rovera.

Foto di: JEP / Motorsport Images

Nasser Al-Attiyah
Nasser Al-Attiyah
3/10
Nato il 21 dicembre 1970. Una carriera dedicata ai rally per il qatariota, che nel 2012 si è pure tolto la soddisfazione di vincere la Medaglia di Bronzo alle Olimpiadi di Londra nel Tiro al Piattello. Ma tornando alle auto, le sue gesta nel WRC si distinguono per il titolo Produzione conquistato nel 2006, cui ha fatto seguito un doppio iride in WRC2 tra 2014 e 2015. Grande protagonista del campionato Middle-East, le ultime perle le ha regalate alla Dakar, con successi tra le auto nelle edizioni 2011, 2015 e 2019. Da notare che a parte tre ritiri, negli ultimi 10 anni del Rally Raid il suo peggior piazzamento è stato un terzo posto. Lo smalto c'è ancora, eccome!

Foto di: A.S.O.

Yvan Muller
Yvan Muller
4/10
Nato il 16 agosto 1969. Può essere considerato una sorta di alter ego di Gabriele Tarquini (di cui parleremo dopo) nel WTCC/WTCR perché è l'altro "vecchietto terribile" della massima serie turismo. A differenza dell'abruzzese, però, il transalpino Muller a fine 2016 aveva detto basta dopo 4 titoli WTCC messi in bacheca e una avventura in Citroën terminata con meno gioie del previsto. La Cyan Racing l'ha riportato in pista nel 2019 dopo avergli fatto fare il consulente per Volvo e Lynk & Co; quest'ultima è l'auto con la quale è tornato a trionfare nel WTCR, dove ha dato una mano al nipote Yann Ehrlacher a prendersi l'iride 2020. Ma un vecchio volpone come Yvan non si tirerà indietro se avrà l'occasione di fare cinquina...

Foto di: WTCR

Bill Auberlen
Bill Auberlen
5/10
Nato il 12 ottobre 1968. Fra i mille problemi del 2020, lo statunitense non ha avuto quello di firmare il record di 62 vittorie in IMSA grazie ai trionfi con la BMW della Turner Motorsport in Classe GTD. Rimane la chimera del titolo, visto che al massimo si è piazzato secondo (in tre occasioni), così come nelle cinque apparizioni a Le Mans, dove ha sfiorato solo due volte il podio. A Daytona ha invece trionfato in due edizioni nell'ormai lontano biennio '97-'98, sempre da portacolori BMW e nel 2021 si ritrova nuovamente in una formazione competitiva per provare a raggiungere l'ambito titolo.

Foto di: Art Fleischmann

Paul Dalla Lana
Paul Dalla Lana
6/10
Nato l'1 febbraio 1966. Il simpaticissimo canadese non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo e anche con il cambio di programmi GTE di Aston Martin Racing, avrà sempre una Vantage in Classe Am tra le mani nel FIA WEC 2021. Più volte a podio nella medesima categoria, ha in bacheca il titolo del 2017, che aggiunge a quello IMSA Grand Sport del 2011, mentre nel 2019 ha trionfato alla 12h di Bathurst in Classe A-GT3 Pro-Am. Gli manca l'affermazione a Le Mans (specialmente per il botto a mezz'ora dalla fine nel 2015), ma non il contagioso sorriso e buon umore che presenta ogni qual volta indossi casco e tuta.

Foto di: JEP / Motorsport Images

Stéphane Peterhansel
Stéphane Peterhansel
7/10
Nato il 6 agosto 1965. Pilota a tutto tondo della Dakar che inizia sulle moto e prosegue con le auto. Si regala 6 successi nel Rally Raid con le 2 ruote Yamaha fino al 1998, decidendo quindi di... raddoppiare passando alle 4. Servono quattro anni di apprendistato, poi cominciano ad arrivare le affermazioni anche qui. L'ottava giunge da pilota Mini X-Raid proprio quest'anno, battendo il compagno di squadra Sainz e ribadendo che anche a 55 anni si può essere un riferimento in una competizione di livello globale.

Foto di: Red Bull Content Pool

Carlos Sainz
Carlos Sainz
8/10
Nato il 12 aprile 1962. Il nome Sainz spopola nel motorsport mondiale non solo per l'approdo in Ferrari di Carlos Junior, ma specialmente per le gesta di papà Carlos Senior, che da coetaneo di Tarquini non si sottrae da sfide durissime con trionfi alla Dakar. In una carriera dedicata soprattutto ai rally, il madrileno è Re del WRC in due occasioni, aggiungendo podi e successi a ripetizione fino al 2006, anno in cui sceglie di darsi al Rally Raid più duro del mondo. Lo vince nel 2010 con la Volkswagen, si ripete con Peugeot nel 2018 e con Mini X-Raid nel 2020, salendo sul podio nel 2021 dietro al compagno Peterhansel. Chissà se il Carlos ferrarista in F1 avrà la stessa voglia, tempra e gloria del padre...

Foto di: X-Raid Team

Gabriele Tarquini
Gabriele Tarquini
9/10
Nato il 2 marzo 1962. Ed eccoci al "Cinghiale", che nel 2018 ha firmato uno storico risultato a Macao conquistando il titolo piloti nel WTCR, diventando a 56 anni il più anziano a laurearsi Campione in una serie FIA di livello Mondiale. Re del WTCC nel 2009, la carriera dell'abruzzese si è snodata tra F1 e Turismo, tra sfide da ufficiale e vette da scalare con macchine da sviluppare da zero che non gli hanno negato la possibilità di arrivare a vincere almeno un evento all'anno (l'esperienza in Lada su tutte). La riconferma in Hyundai per far esordire la nuova Elantra N nel WTCR può essere l'ennesimo capitolo di una storia che ha ancora dire tantissimo, stando al fuoco che dentro gli continua a bruciare, come spesso ha affermato.

Foto di: WTCR

Dominique Bastien
Dominique Bastien
10/10
Nato il 25 novembre 1945. Concludiamo la carrellata con la storia di "Dom", per forza da inserire in questo elenco perché il weekend del 18-20 settembre 2020 è culminata con un record incredibile: pilota più anziano a partecipare alla 24h di Le Mans, all'età di 74 anni. L'occasione gliel'ha data la Dempsey-Proton Racing, anche se un incidente occorso ad un suo collega di equipaggio l'aveva fatto sudare freddo mettendo in dubbio le riparazioni alla Porsche che lo statunitense doveva condurre nello stint seguente. Per il resto, Bastien vanta un titolo 2018 in Classe SPX della 24H GT Series-European con podi e quattro successi centrati nelle annate successive, oltre che diverse esperienze al Nürburgring.

Foto di: FIA WEC

condividi
commenti
WTCR: Coronel sulla terza Audi della Comtoyou per il 2021
Articolo precedente

WTCR: Coronel sulla terza Audi della Comtoyou per il 2021

Articolo successivo

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta
Carica i commenti