Sykes si prende la pole a Misano, Biaggi è quinto

condividi
commenti
Sykes si prende la pole a Misano, Biaggi è quinto
Di: Matteo Nugnes
20 giu 2015, 15:47

In prima fila ci sono anche Haslam e Giugliano, mentre Max la sfiora solamente ma è a meno di 0"3

Questa mattina Tom Sykes aveva dovuto fare i conti con la doccia fredda del mancato accesso diretto alla Superpole 2 di Misano del Mondiale Superbike. L'obbligo a scendere in pista anche nel primo segmento della Superpole però non è sembrato essere un grande problema per il pilota della Kawasaki, che domani scatterà davanti a tutti nelle due gare dell'ottavo atto stagionale.

Quando è stato il momento di andare a montare la gomma da tempo, il vice-campione del mondo in carica è stato assolutamente implacabile ed ha piazzato un 1'34"214. Prestazione buona per staccare di un paio di decimi l'Aprilia di Leon Haslam, che sembra essere stato davvero rinvigorito dall'arrivo di Max Biaggi sulla terza RSV4 RF ufficiale.

A completare la prima fila c'è Davide Giugliano, che come al solito ha dimostrato di avere un grande feeling con la sua Ducati quando si tratta di attaccare la prestazione pura, nonostante non sia al top fisicamente dopo la brutta caduta di ieri. Fuori per un pelo dalla prima fila c'è la ZX-10R del leader della classifica iridata, che a tempo scaduto ha soffiato il quarto posto proprio a Biaggi per appena 4 millesimi.

Il "Corsaro", che torna a correre dopo quasi tre anni d'assenza, ha comunque impressionato per la sua capacità di sfruttare la gomma da qualifica per due giri: il suo 1'34"463 è arrivato infatti nella seconda tornata lanciata del suo run conclusivo. Max comunque alla fine della sessione ha detto che forse avrebbe potuto attaccare un pochino di più nel primo giro e magari prendersi la prima fila, anche se un quinto posto non è sicuramente un risultato da buttare.

La seconda linea dello schieramento si completa con l'altra Aprilia di Jordi Torres, che ha chiuso distanziato di circa un decimo da Biaggi. Poi i distacchi aumentano a partire dalla Suzuki di Alex Lowes, che si ritrova a quasi sei decimi e precede la BMW di Ayrton Badovini, che è l'altro ad aver avuto accesso alla Superpole 2 insieme a Sykes.

La top ten si completa poi con la Honda del campione del mondo in carica Sylvain Guintoli e con la Ducati di Michele Pirro, arrivato a Misano solo oggi dopo il forfait di Luca Scassa, fermato da una clavicola fratturata. Sfortunato Chaz Davies, sulla cui Ducati c'è stato un problema problabilmente al cambio (non riusciva a scalare), che lo ha relegato all'11esimo posto davanti alle altre Panigale R di Matteo Baiocco, Leandro Mercado e Niccolò Canepa (gli ultimi due eliminati al termine della Superpole 1).

Delude Michael van der Mark, che scatterà solamente 15esimo con la seconda Honda ufficiale, mentre Leon Camier andrà a schierare la sua MV Agusta in 18esima piazza, davanti alla GSX-R1000 di un Randy De Puniet per l'ennesima volta poco brillante.

Prossimo articolo WSBK
Biaggi: "Sapevo che la Superpole sarebbe stata dura"

Previous article

Biaggi: "Sapevo che la Superpole sarebbe stata dura"

Next article

Misano, Libere 4: la Ducati risponde con Giugliano

Misano, Libere 4: la Ducati risponde con Giugliano

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Misano
Location Misano Adriatico
Piloti Max Biaggi , Tom Sykes , Leon Haslam
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie