Ogier cannibale: che dominio nel Rally di Polonia!

condividi
commenti
Ogier cannibale: che dominio nel Rally di Polonia!
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
05 lug 2015, 13:45

Per il campione del mondo si tratta della quinta vittoria stagionale. Tanak a podio e Latvala out nella Power Stage

Sébastien Ogier, ancora lui. Il Rally di Polonia, settimo appuntamento del World Rally Championship 2015, è finito nelle sue mani dopo una speciale e non ha più cambiato padrone. Il pilota transalpino inanella la quinta vittoria su sette rally disputati e a metà stagione vede ormai il terzo titolo mondiale consecutivo avvicinarsi inesorabilmente. E' solo questione di tempo, calcoli matematici e pazienza. Ogier, il cannibale 2.0, è il degno erede di Sébastien Loeb.

Dopo aver dominato per gran parte delle diciotto speciali disputate - una annullata ieri per eccessivo pubblico a bordo pista - il transalpino ha strabiliato anche nella Power Stage, battendo per appena un decimo di secondo un Ott Tanak mai così convincente come in questo fine settimana e portando a casa altri tre punti. Per Ogier è l'ennesimo bottino pieno del 2015, ma quello che impressiona del leader del mondiale è la voglia continua di successo, oltre alla straordinaria tecnica di guida.

Al secondo posto, a pochi secondi da Ogier, un grande Andreas Mikkelsen si conferma in crescita costante. Il norvegese, presentatosi in Polonia con grandi ambizioni, ha tenuto fede alle sue parole e ha dato vero filo da torcere alla punta di diamante della Volkswagen, ripagando con una prestazione maiuscola il suo team dopo il recente rinnovo pluriennale del contratto. Andreas, grazie a questo podio, è salito al secondo posto nella classifica piloti. Sébastien Ogier è però ormai irraggiungibile.

Strepitosa terza posizione per Ott Tanak, che ha riportato sul podio il team M-Sport dopo un rally corso da grande protagonista. L'estone ha costruito questa prestazione a partire dal mattino del secondo giorno di gara, vincendo tre speciali consecutive. La flessione del pomeriggio non ha abbattuto Ott, che ieri è tornato a vincere altre speciali recuperando molti secondi su Latvala e cogliendo il terzo posto proprio nella penultima speciale del pomeriggio. Da segnalare l'incredibile tempo siglato nella Power Stage, più lento del vincitore Ogier per appena un decimo di secondo, a conferma che il giovane talento della Ford sembra aver imboccato la strada giusta dopo qualche difficoltà di troppo nella prima parte della stagione.

Ancora una volta c'è delusione in Volkswagen per la prova di Jari-Matti Latvala. Come al solito il finlandese si è mostrato velocissimo sin dalle prime speciali, ma ieri pomeriggio ha dovuto cedere il passo a un Tanak incontenibile e oggi ha commesso l'ennesimo brutto errore della stagione, centrando un albero nella Power Stage dopo essere entrato troppo forte in una curva destrorsa in mezzo al bosco. Latvala ha denunciato la rottura del radiatore ma è riuscito a chiudere la speciale, ma potrebbe non riuscire a evitare la perdita di ulteriori posizioni in classifica generale qualora dovesse arrivare in ritardo all'ultimo service.

Quinto e sesto posto per le prime due Hyundai i20 WRC al traguardo. Hayden Paddon ha confermato di essere in un grande momento di forma dopo il secondo posto colto nello scorso appuntamento, il Rally Italia Sardegna. Il neozelandese è stato bravo in ogni aspetto di questa quattro giorni, partendo dalla guida sino ad arrivare alla fondamentale scelta delle gomme, che invece ha penalizzato non poco Thierry Neuville, sesto assoluto. Il belga ha comunque colto punti importanti che lo proietta a ridosso del terzo posto della classifica generale dedicata ai piloti, nonostante un cappottamento nella PS18, la penultima stage del rally polacco.

Kris Meeke ha limitato i danni centrando un'insperata settima posizione approfittando della foratura nella Power Stage subita da Robert Kubica. Il pilota britannico ha iniziato molto male il suo fine settimana di gara cappottando la sua DS3 WRC dopo ottanta metri dalla partenza dello Shakedown, ma la squadra transalpina ha fatto un lavoro eccellente, consentendo all'ex pupillo di Colin McRae di riprendere la gara e risultare per distacco il miglior pilota della DS.

Da segnalare il rally consistente quanto rapido compiuto dall'idolo di casa, Robert Kubica. Il polacco ha fatto segnare spesso tempi di tutto rispetto, compiendo appena un paio di errori veniali. Uno di questi, però, lo ha commesso nella Power Stage in cui ha colpito una roccia a bordo strada distruggendo la gomma posteriore destra. Robert ha comunque portato al traguardo la sua Ford Fiesta RS WRC, concludendo in ottava posizione dopo aver dovuto cedere il passo a Kris Meeke.

Rally da dimenticare invece per Mads Ostberg e Dani Sordo. Il norvegese non è ai riuscito a siglare i medesimi riscontri cronometrici del compagno di squadra, pur non commettendo alcun errore nel corso del fine settimana. Sordo, com'è noto, è un grande asfaltista, ma sui fondi sterrati ha sempre faticato. Il Polonia ha per mostrato difficoltà ancora sconosciute in questa stagione, ma potrà rifarsi a partire dal prossimo appuntamento, che si disputerà in Finlandia a fine mese.  

WRC, Rally di Polonia, 05/07/2015
Classifica finale (primi dieci)
1. Sébastien Ogier - Volkswagen Polo R WRC - 2h26'11"5
2. Andreas Mikkelsen - Volkswagen Polo R WRC - +11"9
3. Ott Tanak - Ford Fiesta RS WRC - +23"0
4. Jari-Matti Latvala - Volkswagen Polo R WRC - +44"7
5. Hayden Paddon - Hyundai i20 WRC - +1'14"6
6. Thierry Neuville - Hyundai i20 WRC - +1'44"5
7. Robert Kubica - Ford Fiesta RS WRC - +1'57"7
8. Kris Meeke - Citroen DS3 WRC - +2'08"3
9. Mads Ostberg - Citroen DS3 WRC - +2'18"2
10. Daniel Sordo - Hyundai i20 WRC - +2'48"4

Prossimo articolo WRC
Latvala penalizzato, chiude al quinto posto in Polonia

Previous article

Latvala penalizzato, chiude al quinto posto in Polonia

Next article

Polonia, PS18: Ogier mette il sigillo alla gara

Polonia, PS18: Ogier mette il sigillo alla gara

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Polonia
Piloti Andreas Mikkelsen , Sébastien Ogier , Ott Tanak
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie