WRC: la FIA vuole un altro rally sulla neve. Il Canada si candida, ma sarà pronto tra 5 anni

condividi
commenti
WRC: la FIA vuole un altro rally sulla neve. Il Canada si candida, ma sarà pronto tra 5 anni
Di:
Co-autore: David Evans
07 mar 2019, 09:42

La sezione Rally della FIA vuole affiancare alla Svezia un altro rally su neve. Il Canada è il paese perfetto e i promotori stanno iniziando a raccogliere i fondi. Serviranno però 5 anni per realizzare un evento di portata mondiale.

Il WRC 2019 è appena iniziato, ma la sezione Rally della Federazione Internazionale dell'Automobile guarda continuamente al futuro. Per la precisione alla composizione dei calendari dei prossimi anni del Mondiale Rally, che saranno certamente rivisti nei prossimi mesi con alcuni ingressi eccellenti - il Safari Rally è un esempio calzante - e altri cambiamenti di alto rilievo.

Uno di questi è legato all'opportunità di inserire un secondo rally da svolgere completamente su neve, da affiancare al già presente Rally di Svezia. Stando a quanto affermato dal responsabile della sezione Rally della FIA, Yves Matton, la soluzione sarebbe coinvolgere il Canada, facendolo così entrare nel calendario a partire dai prossimi anni.

La gara potrebbe tenersi nel mese di febbraio, ossia nello slot occupato in questo momento proprio dal Rally di Svezia per cercare di ovviare al problema di trovare un luogo che abbia un percorso completamente innevato.

La base della gara dovrebbe essere la capitale dello stato, dunque Ottawa, ma al momento i tempi per la preparazione di un rally di livello mondiale sarebbero lunghi. Il governo canadese ha infatti stimato che il Paese potrebbe avere uno slot nel calendario a partire dal 2023, perché servirebbero quasi 4 anni per prepararsi.

In questo momento i promotori dell'evento stanno davvero pensando di fare ritorno nel WRC, da cui mancano dall'ormai lontano 1979. Quello che però dilata le tempistiche di preparazione dell'evento è l'aspetto economico. La ricerca dei fondi necessari è già partita, ma secondo uno studio di fattibilità fatto nei mesi scorsi ospitare il WRC in Canada con un evento mondiale costerà circa 10 volte di più rispetto all'organizzazione dell'intero campionato rally canadese.

Qualora dovesse essere inserito, il Rally del Canada dovrà essere forzatamente disputato a febbraio, perché la finestra di neve praticamente garantita dura 3 settimane, ma non oltre il secondo mese dell'anno.

Articolo successivo
WRC: in arrivo sistemi di monitoraggio in 3D per migliorare la sicurezza nelle speciali

Articolo precedente

WRC: in arrivo sistemi di monitoraggio in 3D per migliorare la sicurezza nelle speciali

Articolo successivo

Citroen vuole la propulsione ibrida dal 2022, altrimenti lascerà il WRC

Citroen vuole la propulsione ibrida dal 2022, altrimenti lascerà il WRC
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Autore Giacomo Rauli
Be first to get
breaking news