Duval: "L'incidente con Fisichella? Cose che capitano"

Duval: "L'incidente con Fisichella? Cose che capitano"

Loic era distrutto quando è sceso dall'Audi dopo il contatto con la Ferrari, ma il team Joest ha fatto il miracolo.

Loic Duval è sceso dalla sua Audi R18 e-tron quattro #8 con una faccia come se gli fosse morto il gatto. Giustamente, visto che il primo brividone della 24h di Le Mans 2015, per sua sfortuna, lo ha visto protagonista.

Il francese stava effettuando il doppiaggio di una serie di vetture GT alla curva Indianapolis, ma ha azzardato forse un po' troppo infilandosi all'interno di Giancarlo Fisichella. Il romano della Ferrari 458 Italia #51 non lo ha visto e lo ha centrato involontariamente nel posteriore, con Duval che si è girato e ha violentemente sbattuto contro le barriere.

"Sono arrivato nel rettilineo che precede Indianapolis e ho visto una serie di vetture più lente davanti a me - spiega - Ho chiesto via radio al mio ingegnere se ci fosse qualcosa, ma mi ha detto che la pista era "green", quindi ho iniziato i doppiaggi. Purtroppo qualcosa è andato storto, sono cose che capitano, ma ero davvero dispiaciuto quando sono tornato ai box perché ho visto quanti danni aveva la mia auto".

Il team Joest ha fatto un miracolo, rispedendo in pista la #8 in appena 3'30", dopo aver sostituito la carrozzeria anteriore, posteriore e il cofano motore: "La squadra è stata incredibilmente efficiente, non potevo crederci. Mi congratulo con loro. Abbiamo perso poco tempo, ma la gara è ancora molto lunga e tutto può succedere", ha concluso Duval, piuttosto risollevato dopo lo spavento.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Piloti Giancarlo Fisichella , Loïc Duval
Articolo di tipo Ultime notizie