MotoGP | Rins: "Ducati non offriva una moto factory, Honda sì"

Alex Rins non ha fatto mistero del fatto che la prossima stagione correrà per il team LCR in sella ad una Honda, ed intende aiutare la Honda a crescere proprio come ha fatto con successo con la Suzuki.

MotoGP | Rins: "Ducati non offriva una moto factory, Honda sì"

La scorsa settimana, Motorsport.com ha riferito del riavvicinamento tra Alex Rins e la Honda, che porterà lo spagnolo a far parte della LCR, il team satellite del marchio dell'ala dorata, per la prossima stagione.

Secondo lo stesso pilota, l'accordo non è ancora stato siglato con una firma, anche se nemmeno lui contempla la possibilità che le cose vadano male.

Rins si unirà alla squadra di Lucio Cecchinello dopo aver firmato un contratto come pilota Honda, che lo legherà alla Casa giapponese per i prossimi due anni. Anche se non è ancora ufficiale, dovrebbe raggiungere Joan Mir, il suo vicino di box in Suzuki, che dovrebbe unirsi a Marc Marquez nel garage ufficiale della Casa di Tokyo.

L'esperienza dei tre piloti dovrebbe essere il pilastro su cui proiettare un prototipo abbastanza competitivo da far uscire la Honda dal buco nero in cui si trova in questo momento.

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

"Con l'ingresso di Alex Marquez in Gresini, tutti possono immaginare dove correrò il prossimo anno. Il mio contratto non è ancora ufficiale, ma siamo molto vicini. Ci manca solo l'ultima firma", ha concordato Rins, poco dopo essere sceso dalla moto ad Assen, dove ha tagliato il traguardo decimo, in una domenica in cui ogni possibilità che poteva avere è stata ridotta in cenere alla partenza: è partito nono e ha concluso il primo giro 15°.

Lo spagnolo aveva tre opzioni per il futuro sul tavolo, una volta che Suzuki ha annunciato che avrebbe lasciato il campionato alla fine del 2021. Rins, che ha come sponsor principale Estrella Galicia, doveva scegliere se passare alla RNF Racing (Aprilia), al Gresini Racing (Ducati) o alla Honda LCR. Avere lo stesso materiale del team factory è l'elemento che ha fatto pendere l'ago della bilancia per l'ultima opzione.

"Ho preso in considerazione l'opzione Ducati, con Gresini, e Honda, ma Ducati non mi avrebbe dato una moto ufficiale e Honda mi ha offerto questa possibilità. È un progetto interessante, perché la moto non sta andando molto bene in termini di risultati, quindi vedremo cosa riusciremo a fare", ha detto il numero 42, convinto di quello che può portare alla casa giapponese: "Mi piace la sfida che mi aspetta. Abbiamo fatto un ottimo lavoro con la Suzuki, quindi cercheremo di fare lo stesso con la Honda".

Leggi anche:
condividi
commenti
MotoGP | Alex Márquez: “Se in Ducati non va, non sarò all’altezza”
Articolo precedente

MotoGP | Alex Márquez: “Se in Ducati non va, non sarò all’altezza”

Articolo successivo

MotoGP | Lap chart: la clamorosa rimonta di Aleix Espargaro ad Assen

MotoGP | Lap chart: la clamorosa rimonta di Aleix Espargaro ad Assen