MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
19 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
33 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
47 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
54 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
68 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
75 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
89 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
138 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
159 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
173 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
194 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
215 giorni

MotoGP, Qatar, Libere 3: conferma Morbidelli, Marini terzo!

Il pilota della Yamaha Petronas è stato il più veloce in una sessione in cui nessuno ha migliorato il tempo di ieri a causa della temperatura elevata, precedendo l'Aprilia di Espargaro, caduto, ed un sorprendente Marini. Scivola Miller, ma le Ducati provano a stare lontane dai guai.

MotoGP, Qatar, Libere 3: conferma Morbidelli, Marini terzo!

Non ci sarebbe voluto un genio per capire che la classifica cumulativa delle prove libere del Gran Premio del Qatar sarebbe rimasta scolpita nella pietra esattamente come l'avevamo lasciata ieri sera, perché la FP3 odierna si è conclusa con ben 47 gradi sull'asfalto del tracciato di Losail.

E' Assodato quindi che i dieci piloti che si sono guadagnati l'accesso diretto alla Q2 sono Jack Miller, Pecco Bagnaia, Fabio Quartararo, Johann Zarco, Alex Rins, Maverick Vinales, Franco Morbidelli, Aleix Espargaro, Valentino Rossi e Pol Espargaro, con la beffa del campione del mondo Joan Mir che per appena una manciata di millesimi sarà costretto a disputare la Q1.

Per quanto riguarda la FP3, invece, ci troviamo di fronte ad una classifica che ha regalato anche delle sorprese. Su tutte quella di Luca Marini, bravissimo ad issare la Ducati della Sky VR46 Esponsorama addirittura in terza posizione, con un 1'54"855 che non è affatto male con una temperatura così elevata.

Meglio di lui hanno fatto Franco Morbidelli ed Aleix Espargaro. Il pilota della Yamaha Petronas ha dato ancora una volta la sensazione di essere quello attrezzato con il passo migliore, visto che il suo 1'54"676 è arrivato con una coppia di gomme dure (tempo comunque lontano di circa 1"3 dal best di ieri di Jack Miller). Lo spagnolo dell'Aprilia ha chiuso a soli 165 millesimi, ma ha macchiato il suo turno con una scivolata senza conseguenze alla curva 6, ma anche la sua resta una bella conferma.

Buona la prova delle Suzuki, che si sono piazzate al quarto ed al sesto posto con Alex Rins e Joan Mir. Tra le due GSX-RR si è andata ad infilare invece la Yamaha di Fabio Quartararo, con quella di Maverick Vinales che invece occupa l'ottava posizione. Nella top 10 questa volta poi ci sono anche le Honda e la KTM (Nakagami settimo, Bradl nono ed Oliveira decimo), mentre sono mancate all'appello le Ducati ufficiali.

La sensazione è che gli uomini della Casa di Borgo Panigale non abbiano voluto prendersi troppi rischi, anche se Jack Miller è incappato in una scivolata alla curva 15 nei primi minuti, una chiusura d'anteriore avvenuta quando l'australiano non stava neanche spingendo. Ma Pecco Bagnaia e Johann Zarco nelle ultime due posizioni autorizzano un ragionamento di questo tipo.

Tra i piloti attardati c'è anche Valentino Rossi, che con la sua Yamaha Petronas non è riuscito a fare meglio del 16esimo tempo a poco più di 1"1. Poco più avanti rispetto a lui ci sono Danilo Petrucci, 11esimo con la KTM Tech 3, ed Enea Bastianini, 14esimo con la Ducati di Avintia Esponsorama. Nel finale, le telecamere hanno anche mostrato il campione del mondo della Moto2 in una via di fuga, ma non è chiaro se si sia trattato di una scivolata o di un problema tecnico.

Sempre piuttosto indietro anche Lorenzo Savadori, accreditato del 20esimo tempo con la sua Aprilia. Non bisogna dimenticarsi però che il pilota di Cesena è alle prese con una spalla dolorante.

Classifica FP3 (non cumulativa)

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 17 1'54.676 168.893
2 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 9 1'54.841 0.165 0.165 168.650
3 Italy Luca Marini
Ducati 16 1'54.855 0.179 0.014 168.630
4 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 16 1'54.914 0.238 0.059 168.543
5 France Fabio Quartararo
Yamaha 15 1'55.070 0.394 0.156 168.314
6 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 14 1'55.077 0.401 0.007 168.304
7 Japan Takaaki Nakagami
Honda 15 1'55.085 0.409 0.008 168.293
8 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 19 1'55.103 0.427 0.018 168.266
9 Germany Stefan Bradl
Honda 18 1'55.207 0.531 0.104 168.114
10 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 17 1'55.261 0.585 0.054 168.036
11 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 14 1'55.366 0.690 0.105 167.883
12 Spain Alex Marquez
Honda 18 1'55.517 0.841 0.151 167.663
13 Spain Jorge Martin
Ducati 14 1'55.704 1.028 0.187 167.392
14 Italy Enea Bastianini
Ducati 13 1'55.784 1.108 0.080 167.276
15 Australia Jack Peter Miller
Ducati 6 1'55.791 1.115 0.007 167.266
16 Italy Valentino Rossi
Yamaha 16 1'55.834 1.158 0.043 167.204
17 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 12 1'55.916 1.240 0.082 167.086
18 Spain Iker Lecuona
KTM 14 1'55.923 1.247 0.007 167.076
19 South Africa Brad Binder
KTM 16 1'55.978 1.302 0.055 166.997
20 Italy Lorenzo Savadori
Aprilia 13 1'55.996 1.320 0.018 166.971
21 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 11 1'56.166 1.490 0.170 166.726
22 France Johann Zarco
Ducati 8 1'56.653 1.977 0.487 166.030
condividi
commenti
Petrucci: “Mi manca stabilità sulla KTM, ancora non la sento mia”

Articolo precedente

Petrucci: “Mi manca stabilità sulla KTM, ancora non la sento mia”

Articolo successivo

Binder: “Il crollo KTM non dipende dalla perdita di concessioni”

Binder: “Il crollo KTM non dipende dalla perdita di concessioni”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Sotto-evento Prove Libere 3
Location Losail International Circuit
Autore Matteo Nugnes