Binder: “Il crollo KTM non dipende dalla perdita di concessioni”

Brad Binder ha smentito il fatto che la ragione del crollo nel venerdì del Gran Premio del Qatar sia dovuta alla perdita delle concessioni di KTM.

Binder: “Il crollo KTM non dipende dalla perdita di concessioni”

KTM inizia la stagione 2021 per la prima volta come costruttore senza concessioni, a seguito dei risultati ottenuti nel 2020, ovvero le tre vittorie. Questo significa che KTM non ha potuto svolgere alcun test privato con i suoi piloti dallo scorso agosto e dovrà svolgere la stagione con meno motori di prima e con il loro congelamento.

KTM ha faticato nei test di pre-stagione e non è riuscita a mostrare alcun segno di miglioramento nel venerdì di libere in Qatar, nessuna RC16 è rientrata fra le prime 15 moto. Binder è il primo dei piloti KTM dopo la seconda sessione di prove libere e paga 984 millesimi dalla vetta. Il sudafricano ha notato che il problema principale riguarda la scarsa velocità nel girare la moto. “Credo che il nostro problema sia abbastanza chiaro, non giriamo velocemente come dobbiamo. Specialmente nelle curve dove non si usa molto il freno anteriore e fa scivolare la moto. Non portiamo l’anteriore dove abbiamo bisogno fino a che non mettiamo molta pressione e quindi perdiamo un po' di turning”.  

Alla domanda se KTM si è trovata svantaggiata dalla perdita delle concessioni, Binder ha risposto: “Non credo che perdere le concessioni abbia cambiato qualcosa. Non credo che questo ci renda migliori o peggiori al momento. Sapevamo che questo fine settimana non sarebbe stato facile per noi. È chiaro che ci manca un po' di ritmo e lo sapevamo quando siamo arrivati qui. Non c'è molto da dire, se non che dobbiamo trarre il massimo da ogni giorno”.

Binder ha anche frenato l’ipotesi per cui KTM dovrebbe cercare di limitare i danni per il resto del fine settimana, aggiungendo: “Penso che sia troppo presto per dirlo, è solo venerdì. Ho una squadra incredibile che proverà ad aggirare il problema. Non ho dubbi. Sicuramente è difficile, non è facile ma non è la fine. Ce la faremo”.

Il compagno di squadra Factory Miguel Oliveira, che era 19esimo dopo il venerdì di libere, ha trovato difficile andare molto più veloce di quanto sia attualmente su gomma morbida e nota che la RC16 diventa instabile ogni volta che cerca di forzare la moto: “Quando cerchiamo di forzare la moto per andare un po' più veloce, creiamo un po' di instabilità. Che sia in frenata, in curva o sull'acceleratore, sta diventando difficile essere equilibrati".

"Abbiamo solo bisogno di capire prima cosa dobbiamo sistemare su ciò che abbiamo già – prosegue – Il fatto è che siamo lontani in classifica, ma penso davvero che in termini di posizione possiamo fare un lavoro decisamente migliore. La qualifica è una storia completamente diversa dalla gara. Se non sei lì, è davvero difficile fare un buon risultato”.

condividi
commenti
MotoGP, Qatar, Libere 3: conferma Morbidelli, Marini terzo!
Articolo precedente

MotoGP, Qatar, Libere 3: conferma Morbidelli, Marini terzo!

Articolo successivo

LIVE MotoGP, Gran Premio del Qatar: Libere 4 e Qualifiche

LIVE MotoGP, Gran Premio del Qatar: Libere 4 e Qualifiche
Carica i commenti