MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
23 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
30 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
44 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
57 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
71 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
85 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
92 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
106 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
127 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
162 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
176 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
190 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
197 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
239 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
253 giorni

MotoGP: Oliveira re nella sua Portimao, Costruttori alla Ducati

Il portoghese centra la seconda vittoria in MotoGP dominando la gara di casa. Miller chiude secondo e regala il Costruttori alla Ducati. Morbidelli è terzo e vice-campione. Dovizioso saluta la Ducati con il sesto posto, Rossi la Yamaha Factory con il 12esimo.

MotoGP: Oliveira re nella sua Portimao, Costruttori alla Ducati

Miguel Oliveira è profeta in patria. Il pilota della KTM Tech 3 si è regalato un weekend da sogno per il ritorno del Gran Premio del Portogallo, sull'inedito tracciato di Portimao. Ieri si è portato a casa la sua prima pole in MotoGP ed oggi ha dominato la gara, conquistando la sua seconda vittoria stagionale.

Il portoghese, che l'anno prossimo passerà nella squadra ufficiale della Casa di Mattighofen, ha preso il comando fin dalla prima curva e non lo ha mai mollato fino alla bandiera a scacchi, con il codone della sua RC16 che si faceva sempre più piccolo per gli inseguitori. E anche per la KTM è un successo prezioso, perché è addirittura il terzo di questo sorprendente 2020.

Alle spalle di Oliveira si sono riproposti i due grandi protagonisti della gara di Valencia. Pur non avendo il ritmo di Miguel, a loro volta hanno staccato il resto del gruppo e proprio come domenica scorsa si sono giocati la posizione proprio all'ultimo giro, con un verdetto invertito.

Con un grande sorpasso finalizzato tra la curva 13 e la curva 14, Jack Miller si è preso il secondo posto. Un risultato pesante, perché permette alla Ducati di portare il titolo Costruttori a Borgo Panigale, dopo l'unico centrato fino ad oggi nel 2007. Ma pesa anche il terzo posto di Franco Morbidelli, perché il pilota della Yamaha Petronas consolida il suo secondo posto nel Mondiale.

Ma soprattutto, ancora una volta, si è confermato nettamente il più in palla tra i piloti della Casa di Iwata, visto che le tre M1 Factory sono rimaste tutte fuori dalla top 10. Maverick Vinales ha chiuso 11esimo, davanti a Valentino Rossi, che quindi saluta il team ufficiale Yamaha con un 12esimo posto. Ancora più indietro Fabio Quartararo, 14esimo e precipitato dopo essere stato anche quarto all'inizio. Lui e Maverick quindi si ritrovano addirittura fuori dalla top 5 del campionato.

L'altro addio importante di giornata è stato quello di Andrea Dovizioso alla Ducati dopo otto anni e bisogna dire che il forlivese ci ha messo il cuore per provare a togliersi un'ultima soddisfazione. Dal 12esimo posto in griglia, il forlivese ha rimontato fino al sesto, facendo dei gran bei sorpassi alla prima staccata.

Un risultato che purtroppo non gli è bastato per centrare il podio iridato, che alla fine ha mancato per appena 4 punti a favore di Alex Rins, nonostante la Suzuki oggi abbia vissuto una giornata a dir poco deludente, con lo spagnolo 15esimo e Joan Mir costretto al ritiro. Il campione del mondo ha accusato un problema di elettronica dopo un contatto con Pecco Bagnaia, che purtroppo ha riportato la sublussazione della spalla destra.

Tornando a scorrere la classifica nelle posizioni di vertice, è stato positivo anche l'addio di Pol Espargaro alla KTM, quarto in solitaria dopo un paio di errori di troppo commessi nelle prime fasi Per lui comunque si può festeggiare la top 5 in campionato, risultato tutt'altro che scontato ad inizio anno. Ancora una volta invece la migliore delle Honda è stata quella di Takaaki Nakagami, quinto alla bandiera a scacchi. Per la prima volta dal 1981, però, la Casa giapponese non ha raccolto neanche una vittoria e l'assenza di Marc Marquez quindi è sicuramente pesata tanto.

Si chiude con un ottavo posto la stagione dell'Aprilia, con Aleix Espargaro che si è infilato tra le due Honda ufficiali di Stefan Bradl ed Alex Marquez. Al fratellino d'arte non è bastato il nono posto per portarsi a casa il titolo di Rookie of the Year, che è andato a Brad Binder nonostante la caduta di oggi.

Gli ultimi due a salutare oggi erano Cal Crutchlow e Danilo Petrucci. Il britannico della Honda LCR, futuro collaudatore Yamaha, è stato nelle posizioni di vertice per buona parte della corsa, ma poi ha accusato un crollo nel finale ed ha chiuso 13esimo. L'avventura in Ducati di "Petrux" invece si è conclusa fuori dai punti, solamente in 16esima posizione.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 25 41'48.163 164.7 25
2 Australia Jack Peter Miller
Ducati 25 41'51.356 3.193 3.193 164.5 20
3 Italy Franco Morbidelli
Yamaha 25 41'51.461 3.298 0.105 164.5 16
4 Spain Pol Espargaró Villà
KTM 25 42'00.789 12.626 9.328 163.9 13
5 Japan Takaaki Nakagami
Honda 25 42'01.481 13.318 0.692 163.9 11
6 Italy Andrea Dovizioso
Ducati 25 42'03.741 15.578 2.260 163.7 10
7 Germany Stefan Bradl
Honda 25 42'03.901 15.738 0.160 163.7 9
8 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 25 42'04.197 16.034 0.296 163.7 8
9 Spain Alex Marquez
Honda 25 42'06.488 18.325 2.291 163.5 7
10 France Johann Zarco
Ducati 25 42'06.759 18.596 0.271 163.5 6
11 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 25 42'06.848 18.685 0.089 163.5 5
12 Italy Valentino Rossi
Yamaha 25 42'07.109 18.946 0.261 163.5 4
13 United Kingdom Cal Crutchlow
Honda 25 42'07.322 19.159 0.213 163.5 3
14 France Fabio Quartararo
Yamaha 25 42'12.539 24.376 5.217 163.1 2
15 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 25 42'15.939 27.776 3.400 162.9 1
16 Italy Danilo Carlo Petrucci
Ducati 25 42'22.429 34.266 6.490 162.5
17 Finland Mika Kallio
KTM 25 42'36.573 48.410 14.144 161.6
18 Spain Esteve "Tito" Rabat Bergada
Ducati 25 42'36.574 48.411 0.001 161.6
Italy Lorenzo Savadori
Aprilia 22 37'16.433 3 Laps 3 Laps 162.6
Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 15 25'36.751 10 Laps 7 Laps 161.3
South Africa Brad Binder
KTM 2 3'30.015 23 Laps 13 Laps 157.4
Italy Francesco Bagnaia
Ducati 0
condividi
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio del Portogallo: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio del Portogallo: Gara

Articolo successivo

Miller: “Mi hanno passato le redini, sento già la responsabilità”

Miller: “Mi hanno passato le redini, sento già la responsabilità”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Portogallo
Sotto-evento Gara
Location Algarve International Circuit
Autore Matteo Nugnes