MotoGP | Espargaro: "Non ho capito come affrontare la nuova chicane"

Aleix Espargaro chiude il venerdì di libere con un pizzico di delusione per non aver ottenuto la prestazione che desiderava. Fuori dalla top 10 provvisoria, il pilota Aprilia riconosce di non essere stato in grado di interpretare al meglio la nuova chicane, di cui però ne tesse le lodi.

MotoGP | Espargaro: "Non ho capito come affrontare la nuova chicane"

Il venerdì del Red Bull Ring non è stato particolarmente clemente con Aleix Espargaro, che al termine delle due sessioni di prove libere si trova fuori dalla top 10. Il pilota Aprilia è dunque fuori dalla Q2 provvisoria, anche se ci sarà la FP3 che determinerà l’accesso diretto all’ultima fase di qualifica. La buona notizia per il pilota di Granollers è che il tallone sembra non essere un grande fastidio per la guida, in questo modo potrà concentrarsi sul lavoro in pista per poter risalire la china.

Espargaro, attualmente secondo in classifica a 22 punti dal leader Fabio Quartararo, si sta aggrappando al sogno iridato e conferma di avere le carte in regola per poter lottare per il mondiale. Il Gran Premio d’Austria fino ad ora però non gli ha reso giustizia: “Oggi non sono stato brillante fino alla fine, quando sono riuscito ad arrivare a tre decimi dal migliore, quindi spero che domani possa migliorare. Ma la verità è che non ho capito bene come andare forte su questo circuito. Non riesco a capire come fare la chicane, ma questo non vuol dire che la moto non sia buona”.

Proprio la chicane è sotto i riflettori, questo weekend i piloti la affrontano per la prima volta e l’introduzione della modifica volta ad aumentare la sicurezza soddisfa il pilota Aprilia: "Hanno fatto un ottimo lavoro con la chicane, è molto più sicura della curva precedente e anche se sono due asfalti diversi l'hanno fatta bene e l'aderenza non è così diversa”.

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Tuttavia, Aleix non è ancora in grado di poter fornire un giudizio definitivo perché nella giornata odierna ha avuto difficoltà nella guida. Il suo compagno di squadra Maverick Vinales invece sembra essere riuscito a interpretare meglio la novità: “Ho provato a passare la chicane con tre marce diverse e a metà sessione ho chiesto al tecnico che abbiamo in pista dove dovevo frenare. Ma oggi non sono stato bravo a livello di guida, non sono riuscito a capirlo, a volte lo capisci velocemente e a volte hai bisogno di più giri. Maverick fa le chicane meglio di me, ma soffre di più nei settori, diciamo, normali, come il tre e il quattro, ma posso usarlo come riferimento”.

Nonostante le difficoltà, Aleix è fiducioso di poter fare dei passi in avanti nella giornata di domani: “Sono a tre decimi dal primo, quindi se riesco a migliorare il mio ritmo a quel punto non dico che potrei essere nella top 10, ma perfettamente. Non ho dubbi che se domani migliorerò un po' saremo lì, nel terzo e quarto settore sono a pochi decimi dai primi, quindi posso stare davanti”.

Ci sarà però un dettaglio importante: le Ducati. In questo venerdì si sono dimostrate imbattibili e nelle prime otto posizioni abbiamo ben sette moto. Aleix Espargaro sottolinea questo aspetto: “È buffo perché quest'estate ho letto un'intervista a un pilota della Ducati che diceva che era un peccato che quest'anno non potessero correre tanto e fare la differenza. Beh, lo si può vedere. Stanno facendo un lavoro molto importante, con molte squadre, occupandosi dei giovani, stanno facendo molto bene. Niente è una coincidenza, e quando ci sono otto piloti davanti stanno facendo bene”.

Leggi anche:
condividi
commenti
MotoGP | Bagnaia: "Sprint Race? La voce dei piloti dovrebbe contare"
Articolo precedente

MotoGP | Bagnaia: "Sprint Race? La voce dei piloti dovrebbe contare"

Articolo successivo

MotoGP | Oliveira, GasGas o Aprilia? "Deciderò dopo la gara"

MotoGP | Oliveira, GasGas o Aprilia? "Deciderò dopo la gara"