Stoner: "Non mi interessa correre con una CRT"

Così l'australiano commenta le voci sul possibile abbandono dei prototipi in futuro

Stoner:
La volontà di abbassare continuamente i costi della MotoGp ha portato a sentir circolare delle voci decisamente curiose per il paddock di Valencia: c'è chi sostiene, infatti, che Carmelo Ezpeleta sarebbe intenzionato a rivedere nuovamente il regolamento per il futuro, imponendo a tutti di utilizzare delle moto CRT. Uno scenario che per ora non sembra piacere troppo all'ambiente ed in particolare al campione del mondo in carica. Casey Stoner si è detto decisamente sfavorevole a questa possibilità, spiegando anche che se fosse così probabilmente non avrebbe più alcun interesse a continuare a correre nella classe regina. "Se negassero la possibilità di correre con dei prototipi, le nostre diventerebbero delle gare di turismo. Una soluzione di questo tipo potrebbe farmi passare la voglia di correre" ha detto Stoner. "Non penso che ci possa essere lo stesso interesse per un campionato dove basta prendere una moto stradale e modificare leggermente il telaio e le sospensioni per essere competitivi". "E' vero che recentemente i costi si sono impennati e che c'è bisogno di tanto personale per far "funzionare" questi prototipi, che sono estremamente più complicati delle vecchie 500, ma se dovessimo passare ad un regolamento così simile alle derivate di serie per me sarebbe una grande delusione. E onestamente non so neanche se mi interesserebbe fare parte di un campionato di questo tipo" ha concluso.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie