Marquez: "Se arrivo all'ultimo giro con delle chance, non posso non provarci"

condividi
commenti
Marquez:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
30 giu 2018, 16:44

Dopo aver ottenuto la pole position, il pilota della Honda prevede una gara di gruppo, nella quale promette di provare ad ottenere la vittoria fino alla fine se ci sarà la possibilità.

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Il poleman Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team

Nonostante sia il pilota con più pole nella storia (75), Marc Marquez non ha brillato particolarmente da questo punto di vista nell'ultimo periodo. Infatti, sarà la prima volta che scatterà al palo nel 2018, dopo che ad Austin era stato retrocesso in seconda fila per aver ostacolato Maverick Vinales.

Per il catalano però c'è stata un'altra novità, perché non aveva mai ottenuto la pole position ad Assen in MotoGP. Una pole arrivata dopo un ultimo minuto incredibile, che ha trasformato completamente la classifica.

Tuttavia, secondo il pilota di Cervera questa pole non significa che lui sia il favorito per la gara di domani. Anzi, prevede una grande lotta con Valentino Rossi, Maverick Vinales ed Andrea Dovizioso.

"Sarà una gara di gruppo, perché qui quando sei dietro a qualcuno è più facile essere veloce e seguirlo" ha detto Marquez. "Ci saranno Valentino, Vinales e penso che anche Crutchlow possa fare una buona gara. Forse però quelli che vedo più forti sono i due Yamaha e Dovizioso".

"Questo fine settimana stiamo lavorando in maniera molto costante, sono molto concentrato, perché so che la gara qui sarà lunga e che il ritmo è molto importante. Quando hai una moto facile, vai meglio e venerdì ho avuto una moto molto difficile. Ora però è migliorata e questo mi permette di avere un ritmo costante" ha aggiunto.

Leggi anche:

Marc è stato uno dei tanti piloti che nell'ultimo tentativo hanno potuto usufruire del riferimento di qualche avversario per andare a caccia del tempo. In precedenza però aveva rallentato per evitare che Jorge Lorenzo sfruttasse la sua scia.

"Prima, avevo spinto per tre quarti di giro e mi sono fermato. Lui invece ha finito il suo e ne ho fatto un altro alle sue spalle. Ma anche nel giro migliore sono quasi caduto!" ha spiegato.

Il #93 non è ancora sicuro sulle gomme da utilizzare nella gara di domani, anche se ha spiegato di sentirsi a suo agio con diverse combinazioni.

"Ho dei dubbi sia all'anteriore che al posteriore. Ho provato anche la media nella parte conclusiva della FP4, ma deve essere valutata anche la temperatura. Ieri ho provato la dura dietro, ma oggi anche la morbida e la media e devo dire che hanno un comportamento simile. Abbiamo un set-up che va bene anche con le gomme usate, con quelle nuove faccio un po' più fatica, ma quello che conta è fare i punti in gara".

Ovviamente, la scelta si baserà anche sulla possibilità che la gara si possa decidere in volata, negli ultimi giri.

"Credete che se arriverò all'ultimo giro con la possibilità di vincere non ci proverò? Se arrivo all'ultimo giro con delle chance, non posso non provarci. Non siamo neanche a metà campionato, quindi se posso fare cinque punti in più, ci proverò. Ma è importante capire che questa è una pista dove potremmo anche perdere dei punti, ma ci siamo trovati in una situazione in cui possiamo lottare per la vittoria" ha aggiunto.

Articolo successivo
Valentino: "L'importante è domani alle 14, ma essere davanti è un bel segnale"

Articolo precedente

Valentino: "L'importante è domani alle 14, ma essere davanti è un bel segnale"

Articolo successivo

Lorenzo: "Quando sono passato da primo a decimo, pensavo mi avessero cancellato il giro"

Lorenzo: "Quando sono passato da primo a decimo, pensavo mi avessero cancellato il giro"
Carica i commenti