Marquez: “Quartararo è lontano, spero di lottarci nel 2022”

Marc Marquez arriva ad Aragon, dove ha vinto nelle ultime sue quattro gare, con l’intenzione di parlare poco e girare molto. Però è consapevole del fatto che è ancora lontano dal poter mettere in discussione il ruolo di dominatore di Quartararo.

Marquez: “Quartararo è lontano, spero di lottarci nel 2022”

Marc Marquez arriva su una delle sue piste preferite, una di quelle su cui ha sempre messo una ‘X’ sul calendario, in cui spera di fare più punti di tutti, di allontanarsi in classifica o di ricucire il margine. Stavolte però è diverso, perché anche il pilota Honda lo è. Nella sua testa non c’è il titolo, ma c’è l’idea di provare a recuperare le sensazioni che dovrebbero riportarlo a guidare come faceva prima della famosa caduta di Jerez dello scorso anno.

Lo spagnolo, che ha vinto al Sachsenring, non scarta alcuna ipotesi in vista di questo fine settimana, consapevole del fatto che il layout della pista, con la maggior parte delle curve a sinistra, può offrirgli l’occasione di lottare per il podio o addirittura per la vittoria. Tuttavia, l’otto volte campione del mondo ritiene che la sua forma fisica e la mancanza di trazione della sua moto lo condizionino ancora troppo per provare ad avere obiettivi più ambiziosi come una vittoria in circostanze normali.  

“So che nelle prime libere mi sentirò bene, ma poi dovremo capire – commenta Marquez – Mi piace il circuito, in passato sono andato forte, ma le aspettatuve devono essere diverse stavolta. Sono in condizioni di salire in moto, ma per essere lo stesso di prima mi manca ancora qualcosa”.

La frattura dell’omero rimediata a Jerez e da cui è derivata l’assenza di nove mesi ha interrotto anche la sua egemonia come dominatore della categoria. Dopo un anno, quello passato, di molte alternanze, il mondiale lo ha vinto Joan Mir nonostante l’unica vittoria in stagione. Quest’anno Fabio Quartararo ha ereditato la posizione di forza che nelle ultime stagioni aveva lo stesso Marc.

Quando gli viene chiesto se ha curiosità di confrontarsi con El Diablo in una battaglia diretta, il pilota Honda afferma di non sentirsi ancora in condizioni di sopportare a lungo: “Quartararo lo vedo lontano. Quando lo vedrò più vicino allora avrò la curiosità. Ha acquisito esperienza, di velocità ne aveva già molta. Ora è più aggressivo nei sorpassi, spero di poter lottare con lui il prossimo anno”.

condividi
commenti
Rossi: "Sarebbe stato bello correre con Dovi anche nel 2022"

Articolo precedente

Rossi: "Sarebbe stato bello correre con Dovi anche nel 2022"

Articolo successivo

Vierge: “MotoGP? Avevo più da perdere che da guadagnare”

Vierge: “MotoGP? Avevo più da perdere che da guadagnare”
Carica i commenti