Motoyama torna a Le Mans con la Nissan ZEOD RC

Motoyama torna a Le Mans con la Nissan ZEOD RC

Il giapponese deve riscattare l'esperienza sfortunata di due anni fa, quando si ritirò con la DeltaWing

La Nissan ha deciso di puntare nuovamente su Satoshi Motoyama per la 24 Ore di Le Mans. Il tre volte campione del Super GT Giapponese, infatti, farà parte dell'equipaggio che porterà in gara la Nissan ZEOD RC, vettura ibrida in grado di percorrere un giro intero del mitico tracciato francese in configurazione completamente elettrica, che è stata ammessa al "Garage 56", quello riservato alle vetture sperimentali. Come detto, il giapponese non è nuovo a questo genere di esperienza, visto che nel 2012 aveva già fatto parte del progetto DeltaWing proprio insieme alla Nissan. Forse ricorderete, infatti, le immagini che fecere il giro del mondo di Motoyama che cercava disperatamente di riparare la vettura per riportarla ai box dopo un contatto con la Toyota di Kazuki Nakajima. Tentativo che purtroppo andò a vuoto, obbligando l'avveniristica vettura al ritiro. Ora però Satoshi, che ha provato la ZEOD RC per la prima volta in un test di quattro giorni andato in scena al Paul Ricard ha una buona occasione per riscattarsi: "Sarà la prima volta che qualcuno proverà ad utilizzare una vettura elettrica di questo tipo a Le Mans e sono molto felice di fare parte del programma. Ho un conto aperto con la 24 Ore perchè l'incidente di due anni fa è stato davvero sfortunato" ha detto il giapponese, che dividerà l'abitacolo con i già annunciati Lucas Ordonez e Wolfgang Riep.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Piloti Satoshi Motoyama
Articolo di tipo Ultime notizie