Sfuma anche l'IMSA a Mid-Ohio a maggio, vietato ogni test privato

Le gare di WeatherTech SportsCar Championship, Michelin Pilot Challenge, Prototype Challenge e Porsche GT3 Cup Challenge non potranno svolgersi come previsto, ma verranno posticipate a data da destinarsi.

Sfuma anche l'IMSA a Mid-Ohio a maggio, vietato ogni test privato

Contrariamente a quanto annunciato qualche giorno fa, l'IMSA WeatherTech SportsCar Championship non andrà a correre a Mid-Ohio il weekend dell'1-3 maggio, sempre a causa dei problemi legati alla pandemia di Coronavirus.

La Federazione Statunitense aveva specificato che avrebbe provato a riprendere le competizioni dopo la cancellazione degli appuntamenti di marzo e aprile, ma da Lexington hanno emesso un comunicato che non lascia altra scelta che il posticipo dell'evento denominato Acura Sports Car Challenge.

"Dopo le linee guida imposte dal CDC (Center for Disease Control and Prevention) che limitano gli eventi pubblici ad un massimo di 50 persone, International Motor Sports Association (IMSA) e Mid-Ohio Sports Car Course confermano che l'Acura Sports Car Challenge a Mid-Ohio non si terrà come previsto in precedenza l'1-3 maggio".

"Questo comprende tutte le serie, ossia IMSA WeatherTech SportsCar Championship, IMSA Michelin Pilot Challenge, IMSA Prototype Challenge e Porsche GT3 Cup Challenge USA by Yokohama. Acura, IMSA e Mid-Ohio Sports Car Course stanno dialogando per capire dove riposizionare l'evento nel calendario 2020; ulteriori comunicazioni verranno date appena disponibili".

A tal proposito, il Presidente IMSA John Doonan ha voluto scrivere una lettera a tutti i fan per rassicurarli sugli eventi futuri, spiegando che l'obiettivo è terminare l'anno con tutte le gare previste, ma che bisognerà attendere con pazienza.

"Vi ringrazio perché per oltre 50 anni avete invaso e animato le piste. Avete sempre supportato i nostri team, piloti, costruttori, collaboratori e tutti coloro che lavorano per gli eventi, siamo qui che aspettiamo con impazienza l'occasione di riunirci assieme, ma fino al 3 maggio siamo costretti ad osservare le indicazioni forniteci dal CDC (Center for Disease Control and Prevention)".

"Come avete già visto, la 12h di Sebring è stata spostata a novembre; questo perché sarà un evento spettacolare e speriamo di vedervi tutti lì. Continueremo a lavorare coi nostri partner per riprogrammare ogni gara, il nostro obiettivo è completare la stagione con tutte le serie. Assieme ai colleghi della NASCAR e tutto il mondo del motorsport, abbiamo preso questa decisione per salvaguardare la salute e la sicurezza di tutti i presenti in IMSA, prevenendo il più possibile il contagio da COVID-19. L'unico modo per farlo è seguire le mosse degli altri sport, fermandoci e aspettando".

Infine dall'IMSA sono anche arrivati ordini ben precisi a tutti i team, con divieto assoluto di svolgere qualsiasi tipo di test in forma privata.

"Vale per prove in pista, galleria del vento (qualsiasi sia il genere di modello o scala), gallerie climatiche, prove di accelerazione e di test su componenti vari (statici e dinamici) e al simulatore. Ogni test dev'essere approvato dall'IMSA fino a nuovo ordine. IMSA lavorerà per implementare successivamente ogni permesso legato alle prove".

condividi
commenti
IMSA: la PPM completa la line-up GTD Sprint con Rodrigo Pflucker
Articolo precedente

IMSA: la PPM completa la line-up GTD Sprint con Rodrigo Pflucker

Articolo successivo

IMSA ed IndyCar perdono ufficialmente Long Beach per il 2020

IMSA ed IndyCar perdono ufficialmente Long Beach per il 2020
Carica i commenti