24 Ore di Dubai: a sorpresa vince la Stadler Motorsport

24 Ore di Dubai: a sorpresa vince la Stadler Motorsport

Ritirata la vettura di punta della Black Falcon, ma sul podio salgono comunque due Mercedes

Tutti aspettavano una Mercedes o una BMW, ma alla fine è stata una Porsche ad imporsi alla 24 Ore di Dubai, grazie alla Stadler Motorsport. Per la squadra elvetica si tratta di una delle affermazioni più prestigiose della sua storia nata nel 1975 ed è arrivata al termine di ben 603 giri dell'autodromo degli Emirati Arabi, grazie alle performance di Mark Ineichen, Rolf Ineichen, Marcel Matter, Adrian Amstutz e Christian Engelhart. Tutto è filato per il verso giusto per loro: sono riusciti a rimanere lontani dai guai, inoltre anche a livello strategico il muretto ha lavorato senza sbavature, dettando in maniera perfetta i cambi gomme, i rifornimenti ed i cambi al volante. L'equipaggio della Porsche numero 20 è quindi rimasta nelle posizioni di vertice per tutta la distanza della corsa, ma è stato dalle prime ore di questa mattina che ha preso in pugno la vetta della classifica, gestendola al meglio fino alle 14 locali, ora in cui è calata la bandiera a scacchi. La grande favorita della vigilia era la Black Falcon, che con la sua Mercedes SLS AMG aveva vinto le ultime due edizioni della corsa, ma la vettura di punta della squadra tedesca è stata costretta al ritiro per problema di natura elettrica. Questo non vuol dire comunque che le cose siano andate troppo male per la Casa tedesca, visto che sul podio sono salite altre due SLS AMG: il secondo gradino è andato a quella della Munnich Motorsport portata in gara da Huff/Münnich/Basseng, che ha preceduto la seconda vettura della Black Falcon, quella di Al Qubaisi/Christodoulou/Bleekemolen/Haupt/Faravelli. Senza dimenticare poi che anche quella della GDL Racing viaggiava in una buona posizione, prima di essere atardata da un problema ad una sospensione. E' andata sicuramente peggio alla BMW Z4 GT3 dell'SX Team Schubert, che sicuramente era un altro team indicato tra i favoriti. La corsa di Dalla Lana/Werner/Hürtgen/Cameron/Auberlen è stata però rallentata da un paio di contatti, ma anche da un guasto elettrico e da una foratura con conseguente problema alla sospensione, che quindi gli ha impedito di fare meglio del decimo posto finale. La migliore delle BMW è stata dunque quella della Walkenhorst Motorsport, sesta al traguardo. Così come non è stata fortunata la prova delle Ferrari, che si sono dovute accontentare del quarto posto della 458 della GT Corse con Ehret/Kaffer/Seefried/Mattschull/Kogay, mentre quella della AF Corse su cui correvano anche Toni Vilander e Gimmi Bruni insieme ai Talkanitsa ha patito dei problemi di motore. Dopo la bella pole position ottenuta giovedì da Nicky Pastorelli, la Corvette della V8 Racing non è riuscita a fare meglio del quinto posto finale, ma tolto il poleman non si può di certo dire che contasse su un equipaggio di primissimo livello, quindi nel complesso si può considerare un buon risultato.

24 Ore di Dubai - Classifica finale

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Articolo di tipo Ultime notizie