Zampieri-Altoè conquistano il Campionato Italiano GT 2018 con la Lamborghini del team Antonelli

condividi
commenti
Zampieri-Altoè conquistano il Campionato Italiano GT 2018 con la Lamborghini del team Antonelli
Stefano Reali
Di: Stefano Reali
28 ott 2018, 05:33

L'equipaggio italiano al volante della Huracan del team Antonelli si è aggiudicato il titolo assegnato oggi sul tracciato toscano del Mugello, sede dell'ultimo appuntamento del campionato 2018. Gara 2 va a Treluyer-Baruch su Audi.

Dopo aver tenuto per gran parte della mattinata, la pioggia abbondante si è abbattuta sul tracciato toscano del Mugello. La Pit Lane si è aperta regolarmente e Perolini è entrato per primo mentre la Direzione Gara annuncia la partenza dietro Safety Car come per le altre categorie. Dopo una delle più belle gare del Gt Italiano degli ultimi anni, si parte per Gara 2 per assegnare il titolo 2018 sotto la poggia battente.

Dopo tre giri parte regolare la corsa con Altoè in Pole, lunga la scia sollevata dalle potenti GT sul rettilineo del traguardo, alla prima staccata della San Donato, errore di Comandini che arriva lungo ma riesce a riprendere mentre Baruch attacca e passa Gai alla Luco. Altoè forte della Pole inizia ad allungare sull’ottimo e Basz e Baruch. Sauto e Lazarevic vanno sotto investigazione per la partenza sotto Safety Car.

Altoè segna il giro veloce con 2’22”142 mentre Perolini si avvicina a Di Fant, Giammaria punta da vicino la Ferrari di Gai per la quarta posizione mentre Basz sigla il giro veloce con 2’19”074. Giammaria passa alla San Donato Gai che non si prende rischi. Nella Gt Cup Pisani è in testa davanti a Lazarevic e Sauto. Ancora giro veloce per Basz al giro sei con 2’16”583. All’ottavo testacoda di Piccioli senza conseguenze, mentre Altoè sempre leader con Basz attaccato agli scarichi dell’italiano.

Altoè risponde con il giro veloce con 2’15”729 ma Baruch fa meglio in 2’15”274. Al nono passaggio si apre la finestra per i cambi e il primo ad entrare, ma Basz abbassa il record della pista, si avvicina ad Altoè con il tempo di 2’13”794, Veglia rientra per Spinelli, Jatong per Mapelli e Nicolosi per La Mazza. Al giro undici Baruch consegna la R8 a Treluyer e Gai lascia per Fisichella. Al giro dodici Postiglione entra in pista al posto di Basz.

Prima di rientrare per il cambio Altoè continua ad insistere con i giri veloci e porta l’asticella a 2’13”346. Sartori prende il volante da Di Fant al giro tredici, copiato da Comandini che cambia per Koebolt. Un Bortolotti stellare abbassa il record della pista a 2’10”513. Un Lazarevic molto Border Line entra all’ultimo secondo e cambia per Michele Merendino. Al giro 14 Fisichella prova sulla BMW di Koebolt che agevola il sorpasso e passa in setta posizione.

Postiglione si avvicina a Zampieri, con Treluyer in terza piazza con Bortolotti sugli scarichi. Bortolotti rompe gli indugi al 15° e passa Treluyer alla staccata dell’Arrabbiata 1, mentre Mapelli passa Spinelli. Grande traverso in uscita sul cordolo della Poggio Secco per Treluyer che controlla senza problemi. Spettacolare sorpasso di Treluyer su Bortolotti alla San Donato nel corso del 20° passaggio con l’italiano che prova immediatamente a rispondere ma senza successo. Treluyer scatenato passa in testa alla gara dopo aver passato in successione Postiglione e Zampieri. Peccato per Eugenio Pisani che chiude la stagione nella sabbia della San Donato. Treluyer raggiunge gli scarichi della BMW di Koebolt e passa al 22° mentre De Castro alza bandiera bianca in corsia box, ma ritorna in pista negli ultimi minuti. Giro finale con Treluyer leader e le tre Lamborghini in parata.

Sotto la bandiera a scacchi vittoria di Treluyer davanti a Zampieri che diventa il nuovo campione GT3 insieme a Giacomo Altoè. Terzo posto per Postiglione davanti a Mapelli e Bortolotti. Perolini vince la Super GT Cup davanti a Sartori, Merendino va a segno nella Cup davanti a Di Benedetto e La Mazza. Un Campionato GT3 che durante la stagione ci ha regalato tante emozione e soprattutto e stata priva di scorrettezze.

L’eroe di questa gara è stato Benoit Treluyer che salito in cattedra si è cimentato in una lezione di guida sul bagnato da Oscar. Si chiude qui la stagione del Campionato Italiano Grant Turismo che assegna ancora una volta il titolo ad un equipaggio Lamborghini, dopo quello del 2017 al Team Ombra con Frassineti-Beretta è la volta del Team Antonelli Motorsport con Giacomo Altoè e Daniel Zampieri. La stagione non finisce qui, prossimamente le interviste ai Campioni Italiani.

Articolo successivo
Fisichella e Gai trionfano con la Ferrari della Scuderia Baldini in Gara 1 al Mugello

Articolo precedente

Fisichella e Gai trionfano con la Ferrari della Scuderia Baldini in Gara 1 al Mugello

Articolo successivo

La Scuderia Baldini chiude il 2018 sfiorando il Tricolore GT

La Scuderia Baldini chiude il 2018 sfiorando il Tricolore GT
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie GT Italiano
Evento Mugello II
Autore Stefano Reali
Tipo di articolo Gara