Verstappen: "A Singapore siamo stati traditi dal simulatore"

condividi
commenti
Verstappen: "A Singapore siamo stati traditi dal simulatore"
Di:
26 set 2019, 12:49

Il pilota della Red Bull non nasconde che si aspettava di essere più competitivo a Marina Bay ed ha rivelato che sono arrivate informazioni sbagliate dal simulatore. In Russia monterà una nuova power unit in vista del Giappone e pagherà 5 posizioni in griglia.

Max Verstappen ha confermato che la Red Bull ha iniziato il weekend di Singapore con un handicap che ha compromesso in parte le performance della monoposto durante tutto il fine settimana. Nel lavoro di preparazione per la trasferta di Marina Bay, il simulatore nella sede di Milton Keynes non è stato tarato con informazioni corrette, e il risultato è stata l’elaborazione di una configurazione che non si è spostata bene con le condizioni della pista.

Parole, quelle di Verstappen, che confermano quando visto sia in prova che in gara, ovvero una Red Bull che saltava più del previsto sulle asperità del circuito di Marina Bay. Il problema ormai è alle spalle, ma per Verstappen ci sarà da soffrire ancora in quel di Sochi, visto che sconterà cinque posizioni sulla griglia di partenza per il cambio dell’unità termica.

Una versione della ICE Honda sviluppata per ‘Suzuka’ dal chilometraggio più ridotto? C’è chi giura di si, visto che la Honda aveva già portato un’evoluzione del suo motore a Monza, senza tra l’altro manifestare problemi sulla monoposto dell’olandese.

Leggi anche:

Altro weekend in salita per le cinque posizioni di penalità?
“Vuol dire che prenderò il via dalla…sesta posizione! Scherzi a parte, anche lo scorso anno sono partito nelle retrovie e sorpassare su questa pista non è stato un problema, forse quest’anno a metà classifica le squadre sono più competitive e ci sarà da lottare di più, ma penso che dovrebbe andare bene. Perderò ovviamente un po' di tempo nei confronti di chi è nelle posizioni di vertice, ma comunque non credo che sarei potuto andare oltre la quinta posizione in qualifica, non cambierà poi tanto”.

Per quale motivo cambierai un'altra power unit dopo averla già sostituita a Monza?
“Perché mi piace avere motori nuovi…quando hanno finito il loro ciclo di vita me li porto a casa! Ripeto: non credo che sarà una grande penalità scontare 5 posizioni su questa pista”.

È l’ultima PU della stagione?
“Dovrebbe essere così”.

Come vi siete spiegati i problemi sofferti a Singapore?
“Siamo andati in una direzione diversa rispetto agli anni precedenti, e non ha funzionato come speravamo. Probabilmente si tratta di dettagli sbagliati forniti al simulatore, sicuramente avremmo potuto fare di meglio. Il simulatore ci ha aiutato moltissime volte, ma può accadere che un fine settimane le indicazioni che arrivano non si confermino corrette, e a Singapore è accaduto questo”.

Non avete grandi aggiornamenti sulla monoposto questo weekend...
“Il carico aerodinamico che abbiamo sulla macchina credo vada bene per questa pista”.

Sei stato sorpreso dalla performance della Ferrari a Singapore?
“Se pensiamo ai risultati che hanno ottenuto ad inizio anno e a Budapest allora, si, mi ha sorpreso. Ma se guardi alla storia della gara di Singapore, vediamo che sono sempre stati competitivi su quella pista. La potenza che hanno a disposizione li aiuta, hanno avuto chiaramente un fine settimana molto competitivo, ma è anche vero che se analizziamo Monza non erano poi davanti a tutti di un secondo al giro come pensavamo. Da parte nostra a Monza eravamo certi che avremmo faticato, ma in realtà avrei nelle qualifiche italiane avrei potuto essere nella stessa posizione di Singapore. È un po' strano, siamo andati meglio del previsto a Monza e meno bene a Singapore”.

In quali condizioni credi di poter giocartela con Mercedes e Ferrari?
“Dipende, ogni fine settimana è diverso. A volte andiamo meglio nelle curve a bassa velocità, altre in quelle a media e alta percorrenza. Il più delle volte abbiamo anche livelli di ala diversi, quindi è molto difficile fare un confronto”.

Credi di avere chance di riscatto a Suzuka?
“Cerchiamo sempre di vincere, ma ovviamente se otterremo un buon risultato a Suzuka sarà fantastico per la Honda! Ma in generale voglio sempre fare bene”.

Scorrimento
Lista

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
1/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
2/10

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
3/10

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
4/10

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
5/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
6/10

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, terzo classificato, solleva il suo trofeo

Max Verstappen, Red Bull Racing, terzo classificato, solleva il suo trofeo
7/10

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
8/10

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
9/10

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
10/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Articolo successivo
Mercedes: ecco il terzo elemento a comando meccanico

Articolo precedente

Mercedes: ecco il terzo elemento a comando meccanico

Articolo successivo

I piloti ancora contro la Qualifying Race: "Sarebbe noiosa!"

I piloti ancora contro la Qualifying Race: "Sarebbe noiosa!"
Carica i commenti