Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
29 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
101 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
108 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
119 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
140 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
154 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
182 giorni
02 set
Prossimo evento tra
189 giorni
09 set
Prossimo evento tra
196 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
210 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
224 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
245 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
281 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
290 giorni

Strategie F1: la più veloce a due soste, ma si andrà a una

Ogni turno che ha caratterizzato il weekend all'Istanbul Park si è svolto in condizioni meteo diverse, per cui i tecnici delle squadre non hanno raccolto dati utili a deliberare una strategia di gara certa. Ci affidiamo, quindi, alle previsioni degli ingegneri Pirelli che indicano una gara con due pit stop, ma ci sarà chi punterà come sempre a una sola sosta.

condividi
commenti
Strategie F1: la più veloce a due soste, ma si andrà a una

Vita dura per gli strateghi alla vigilia del Gran Premio di Turchia. Le quattro sessioni di prove disputate tra venerdì e sabato si sono svolte in condizioni di pista mai uguali, non consentendo una raccolta di dati uniforme in grado di fornire indicazioni precise sull’usura degli pneumatici.

In mancanza di riferimenti la gara che scatterà stamane prevede diversi scenari, che saranno aggiornati giro dopo giro sulla base dei riscontri che arriveranno dalla pista.

Le simulazioni svolte dalla Pirelli indicano le due soste come la strategia più veloce, con l’utilizzo di soft al via, un successivo passaggio alle medie (giro 16) e lo stint finale nuovamente con soft per gli ultimi 15 giri. Poco più lenta un’altra strategia a due soste, con la sequenza soft-medium-soft.

Le poche indicazioni raccolte venerdì hanno tuttavia lasciato aperta la possibilità (qualora si confermasse una corsa lineare) di poter coprire i 56 giri in programma con una sola sosta. In questo caso secondo Pirelli il secondo stint di gara andrà coperto con gomme hard, con il giro di pit-stop che varia dal ventesimo (per chi scatta con le soft) al trentesimo per chi prende il via con un set di medie.

Nessuna sorpresa invece sul fronte dei set di gomme a disposizione. Le disputa della sessione di qualifica con gomme full-wet e intermedie, ha lasciato alle squadre la disponibilità completa di set nuovi di slick.

Tutti i venti piloti al via hanno a disposizione un treno di hard, mentre sul fronte medie-soft le squadre hanno differenziato le strategie, con Mercedes, Red Bull e Racing Point che hanno mantenuto due set, mentre Ferrari uno solo.

Mercedes: una debacle frutto di una scelta precisa?

Articolo precedente

Mercedes: una debacle frutto di una scelta precisa?

Articolo successivo

Masi spiega il perché del trattore in pista ad inizio Q2

Masi spiega il perché del trattore in pista ad inizio Q2
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Turchia
Sotto-evento Gara
Location Istanbul Park
Autore Roberto Chinchero