Steiner: “Sorpreso che Haas abbia ridotto il gap a fine stagione”

Gunther Steiner ritiene molto curioso il fatto che la Haas sia riuscita a ridurre il gap dai team di centro gruppo nell’ultima fase della stagione 2021.

Steiner: “Sorpreso che Haas abbia ridotto il gap a fine stagione”

Lo scorso anno la Haas ha scelto di non sviluppare la sua monoposto, per potersi così concentrare sulla preparazione in vista dei nuovi regolamenti tecnici in arrivo nel 2022, credendo di avere una maggiore opportunità di fare un passo avanti e guadagnare prestazioni. Questa scelta ha portato la squadra a vivere un anno di transizione, in un 2021 senza alcun punto con i piloti rookie Mick Schumacher e Nikita Mazepin, chiudendo di fatto in ultima posizione nel campionato costruttori.

Ma nelle ultime tre gare della stagione la Haas si è avvicinata ai rivali di centro gruppo, come Alfa Romeo e Williams in termini di ritmo assoluto. Schumacher si è qualificato entro due decimi da una Alfa Romeo sia in Qatar che ad Abu Dhabi, ed è stata a meno di un decimo dalla Aston Martin di Lance Stroll nelle qualifiche del Gran Premio dell’Arabia Saudita. Il capo della Haas F1 Gunther Steiner ha sottolineato l'importanza di mantenere la squadra motivata nonostante la sua posizione competitiva, ma ha ammesso di essere sorpreso dalla riduzione del gap a fine stagione sul resto del centro gruppo.

"Quello che bisogna controllare è che la gente non si adagi, non si abitui e non faccia più del suo meglio", ha detto Steiner a Motorsport.com. “Bisogna dire loro che 'non si è diventati stupidi o cattivi, la situazione migliorerà, è solo che la nostra macchina non è sviluppata'. È troppo semplice la risposta: se c'è un anno in cui non si fa nulla, è così che si finisce. Poi di nuovo, nelle ultime due gare, non potevo credere che eravamo solo a un decimo o due dal centro gruppo. Non lo capisco con una macchina che ha quasi due anni”.

Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1, Mick Schumacher, Haas F1, Nikita Mazepin, Haas F1

Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1, Mick Schumacher, Haas F1, Nikita Mazepin, Haas F1

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Quando gli è stato chiesto se i guadagni fossero in parte dovuti alla crescente esperienza dei suoi piloti, Steiner ha comunque ritenuto che le altre squadre avrebbero dovuto creare un divario maggiore con la Haas, avendo portato avanti lo sviluppo nel 2021: “Gli altri avrebbero dovuto creare un gap maggiore, hanno sviluppato le loro auto. Le ultime due gare sono state molto strane per me. In Arabia Saudita, dove il giro è molto lungo, eravamo solo un decimo e mezzo dietro. E abbiamo lottato in gara con una delle Williams. Forse andavano più piano? Appena puoi lottare per qualcosa, è uno scenario diverso, un'atmosfera diversa, un modo diverso di vivere”.

Schumacher è stato in grado di combattere con il pilota Williams Nicholas Latifi durante tutta l’ultima gara di Abu Dhabi, riuscendo a tenerlo dietro per 22 giri, prima che il canadese finisse a muro, costringendo all’uscita della Safety Car. Schumacher ha detto che il progresso di fine stagione era forse un risultato della sua esperienza crescente, ma ha anche pensato che la squadra avesse trovato nuovi modi per impostare la vettura VF-21.

“Anche noi come squadra abbiamo trovato un modo diverso di approcciare ai fine settimana e ai setup della monoposto”, ha detto Schumacher a Motorsport.com. “Penso che abbiamo davvero trovato ciò che vogliamo dalla macchina, stabilità in ingresso, sovrasterzo. Questo è stato solo qualcosa che ha mostrato nelle ultime settimane. Penso che lo abbiamo perfezionato un po'”.

condividi
commenti
Ocon: "Mentalità Alpine pronta per la lotta al vertice"
Articolo precedente

Ocon: "Mentalità Alpine pronta per la lotta al vertice"

Articolo successivo

Russell: "Ferrari affamata di riscatto dopo 2 anni difficili"

Russell: "Ferrari affamata di riscatto dopo 2 anni difficili"
Carica i commenti