Canarie, PS14: Ancora Kopecký, ma è tardi

condividi
commenti
Canarie, PS14: Ancora Kopecký, ma è tardi
Di: Fulvio Cavicchi
17 mar 2012, 17:27

Il ceco vince il secondo passaggio sulla prova più lunga, ma recupera un solo decimo su Mikkelsen

Ancora un successo per jan Kopecký, uscito molto più competitivo dopo il riordino di metà ultima tappa, ma la vittoria sulla prova più lunga della giornata probabilmente non basterà per vincere El Corte Inglés, a meno di clamorosi errori del leader. Andreas Mikkelsen infatti ha perso solamente un decimo in questa prova e si presenta all'ultima sfida con un vantaggio di 3"6 su una prova che ha già vinto in mattinata (anche se di un solo decimo) e punterà a non sbagliare. Certametne meno di quattro secondo non sono un vantaggio che possa permettere di tirare i remi in barca e andare di conserva, ma la sicurezza con cui il campione in carica è andato per tutto il rally lascia ben poche speranze al ceco della Škoda ufficiale. Dietro ai due protagonisti solito grigiore. Tutti staccatissimi, nessuna battaglia in corso e tutti che puntano a chiudere senza fare errori, come dimostrano i distacchi che continuano a salire in maniera impressionante. Segno che l'imperativo è non sbagliare, e quindi tirano solo i due davanti che sono in lotta. IRC, Rally delle Canarie, 17/03/2012 Classifica dopo la PS13 (primi dieci) 1. Mikkelsen/Floene (Škoda Fabia S2000) 2h11'55"4 2. Kopecký/Dresler (Škoda Fabia S2000) a 3"6 3. Monzon/Deniz (Peugeot 207 S2000) a 3'03"9 4. Wiegand/Gottshalk (Škoda Fabia S2000) a 4'16"8 5. Perez/Velasco (Peugeot 207 S2000) a 6'56"4 6. Vinyes/Mercades (Suzuki Swift S1600) a 8'18"8 7. Antxustegi/Suarez (Suzuki Swift S1600) a 8'47"4 8. Marrero/Marrero (Honda Civic Type R) a 10'45"7 9. Puskádi/Godor (Škoda Fabia S2000) a 11'20"2 10. Hunt/Durant (Citroen DS3 R3T) a 13'21"1
Prossimo articolo Formula 1
Button domina Melbourne con la McLaren

Previous article

Button domina Melbourne con la McLaren

Next article

La Pirelli prevede due o tre pit stop in gara

La Pirelli prevede due o tre pit stop in gara

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Fulvio Cavicchi
Tipo di articolo Ultime notizie