Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
49 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
63 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
77 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
91 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
98 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
112 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
126 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
133 giorni
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
147 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
154 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
168 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
182 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
210 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
231 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
238 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
252 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
266 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
273 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
287 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
301 giorni

Giovinazzi esclusivo: "Sarà un anno importantissimo, non posso negarlo"

condividi
commenti
Giovinazzi esclusivo: "Sarà un anno importantissimo, non posso negarlo"
Di:
, Motorsport.com Switzerland
30 dic 2019, 11:29

Antonio Giovinazzi si è confessato in una lunga intervista esclusiva a Motorsport.com raccontando i propri obiettivi per la prossima stagione di F1 che lo attende.

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, sorpassa Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, Charles Leclerc, Ferrari SF90, Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19, Lance Stroll, Racing Point RP19, e il resto del gruppo, in Curva 1
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing parla ai media
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing e Frederic Vasseur, Team Principal, Alfa Romeo Racing sul pit wall
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing e Sebastian Vettel, Ferrari, in conferenza stampa
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, in pit lane
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, fa un pit stop
Frederic Vasseur, Team Principal, Alfa Romeo Racing e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Alex Albon, Red Bull Racing RB15, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Alexander Albon, Red Bull Racing e Pierre Gasly, Toro Rosso
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

 Antonio Giovinazzi ha riportato l'Italia in F1 dopo 8 anni di astinenza. A credere in lui ci ha pensato l'Alfa Romeo Racing che gli ha offerto l'opportunità di mostrare le sue qualità nella massima espressione del motorsport.

L'inizio per il pilota di Martina Franca non è stato dei più felici. Complice la ruggine che si portava addosso dovuta ai due anni di inattività in F1 Antonio, ad inizio campionato, ha perso più volte il confronto diretto con il proprio compagno di team, il più navigato Kimi Raikkonen.

Le indubbie qualità di Giovinazzi però sono venute fuori alla distanza con una seconda parte di stagione di grandissimo spessore arricchita dalla perla del 5° posto ottenuto in Brasile. Le prestazioni del pugliese gli hanno garantito la riconferma nel team, che nel 2020 punta più che mai su di lui per lottare per qualcosa di importante.

Leggi anche:

Come nasce la tua passione per i motori?

La mia passione per i motori nasce che ero molto piccolo, avevo 2 anni e mezzo, 3 e mio padre mi regalò il mio primo go kart. Era un 38 di cilindrata, quindi un go kart abbastanza piccolo. In ogni caso c'era papà che era un grande appassionato di auto, riusciva a riconoscere tutte le vetture in base al logo del brand. A mio padre piaceva la F1 e mi regalò questo go kart. Da lì è nata questa passione, ogni weekend ero in pista. Un ringraziamento importante va al mio papà e alla mia famiglia perché un ragazzino a 3 anni non può fare granché da solo. Sono stati sempre loro che hanno creduto in me, che mi hanno supportato. 

Da lì poi, a 7 anni ho cominciato con le gare con i go kart e l'ho fatto sino al 2012 e poi sono passato in Formula 3, poi in F2 e infine oggi in F1.

Ci fai un bilancio della tua prima stagione in F1?

Il bilancio è sufficiente. Più che sufficiente nella seconda parte di stagione, nella prima parte invece ho faticato un po' a ritornare nelle gare perché venivo da due anni che ero fermo e quindi non è stato facilissimo tornare in pista a fare dei ruota a ruota, poi in F1 sono tutti piloti con il coltello tra i denti, quindi ho faticato un po' soprattutto nel passo gara e nella gestione della stessa. In qualifica come velocità sono sempre stato abbastanza vicino a Kimi, però in gara poi perdevo un po' il tutto.

Nella pausa estiva però mi sono focalizzato parecchio a migliorarmi in gara e credo che nella seconda parte di stagione sono riuscire a stare molte volte davanti a Kimi e ad essere sempre competitivo. Sono andato a punti a Monza, a Spa era stata una gara positiva sino all'ultimo giro, anche a Singapore è andata bene e poi a San Paolo è arrivato il miglior risultato della stagione con il 5° posto. Quindi è stata una stagione difficile, ma alla fine positiva. Ho imparato tantissimo, quando si commettono degli errori l'importanti e capirli e migliorarsi. La prossima stagione avrò già un anno di esperienza e avrò lavorato già un anno con il team, quindi partirò sicuramente più pronto rispetto a quest'anno.

Scorrimento
Lista

Pierre Gasly, Prema Racing and Antonio Giovinazzi, Prema Racing

Pierre Gasly, Prema Racing and Antonio Giovinazzi, Prema Racing
1/18

Foto di: GP2 Series Media Service

Il vincitore della gara Antonio Giovinazzi, PREMA Racing

Il vincitore della gara Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
2/18

Foto di: GP2 Media Service

Antonio Giovinazzi, PREMA Racing

Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
3/18

Foto di: GP2 Media Service

Pierre Gasly, PREMA Racing, Antonio Giovinazzi, PREMA Racing e Raffaele Marciello, RUSSIAN TIME

Pierre Gasly, PREMA Racing, Antonio Giovinazzi, PREMA Racing e Raffaele Marciello, RUSSIAN TIME
4/18

Foto di: GP2 Series Media Service

Il vincitore della gara Antonio Giovinazzi, PREMA Racing

Il vincitore della gara Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
5/18

Foto di: GP2 Series Media Service

Race winner Antonio Giovinazzi, PREMA Racing takes the chequered flag

Race winner Antonio Giovinazzi, PREMA Racing takes the chequered flag
6/18

Foto di: GP2 Series Media Service

Antonio Giovinazzi, Sauber C36

Antonio Giovinazzi, Sauber C36
7/18

Foto di: XPB Images

Antonio Giovinazzi, Sauber F1 Team

Antonio Giovinazzi, Sauber F1 Team
8/18

Foto di: Sauber F1 Team

Antonio Giovinazzi, Sauber C36

Antonio Giovinazzi, Sauber C36
9/18

Foto di: LAT Images

Antonio Giovinazzi, Sauber C36

Antonio Giovinazzi, Sauber C36
10/18

Foto di: XPB Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, al GP d'Italia del 2019

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, al GP d'Italia del 2019
11/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Sauber C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Sauber C38
12/18

Foto di: Alessio Morgese / Luca Rossini

Alex Albon, Red Bull Racing RB15, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Alex Albon, Red Bull Racing RB15, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
13/18

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Daniil Kvyat, Toro Rosso, Pierre Gasly, Toro Rosso, Charles Leclerc, Ferrari, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Daniil Kvyat, Toro Rosso, Pierre Gasly, Toro Rosso, Charles Leclerc, Ferrari, Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing
14/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
15/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
16/18

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, fa un pit stop durante le prove

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, fa un pit stop durante le prove
17/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
18/18

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

L'obiettivo per la prossima annata è quello di mettersi in luce per provare ad arrivare in Ferrari nel 2021 come ha fatto Charles?

In questo momento voglio concentrarmi con Alfa, ovviamente sarà un anno importantissimo, questo non posso negarlo. Alla fine del prossimo anno ci sarà un bel mercato perché la maggior parte dei piloti sono tutti a fine contratto. Ora però mi devo concentrare sul mio lavoro. So benissimo che se farò una stagione positiva potrà succedere qualsiasi cosa l'anno prossimo, quindi l'obiettivo ora è quello di continuare così come ho concluso la passata annata, cercare di migliorare sempre di più e poi a fine 2020 vedremo cosa accadrà.

Nel 2019, troppo spesso, avete raccolto meno di quanto meritavate, cosa bisogna sistemare in vista del 2020?

In parte siamo stati anche tanto sfortunati. Io non sono uno che crede alla sfortuna, però certe volte è abbastanza chiara quindi siamo stati un po' sfortunati, poi conta anche la strategia. Ad esempio a Singapore se fossi entrato un giro dopo avrei fatto una gara diversa. Bisogna organizzarsi un po' meglio. Naturalmente ora abbiamo già un anno di esperienza tutti quanti, le gomme saranno uguali, quindi sarà più facile gestire anche le strategie. Dobbiamo solo cercare di essere più veloci in qualifica perché partire davanti in qualifica aiuta tantissimo. 

Dalla seconda metà di stagione in poi il tuo rendimento è cambiato in positivo: cosa è successo?

Ad inizio stagione ho faticato tantissimo a recuperare il mio feeling con i ruota a ruota in gara, quindi quello è stato un po' il mio punto negativo ad inizio stagione. Poi l'esperienza ha fatto tanto, più passavano le gare e mi sentivo sempre più sicuro. La velocità già c'era quindi ho solo dovuto concretizzare un po' di più il risultato del weekend. Quest'anno poi è stato molto complicato perché a metà classifica eravamo tutti molto vicini, quindi in qualifica bastava sbagliare un decimo e ti ritrovavi due-tre posizioni indietro.

Come ho detto prima nella pausa estiva mi sono concentrato tantissimo sui miei punti negativi, poi è aumentato il feeling con la macchina e con il team e ovviamente è aumentata anche la performance nel weekend.

"Kimi? Averlo accanto è stato allo stesso tempo sia positivo che negativo".

Abbiamo saputo che la nuova vettura non ha superato il crash test, pensi che questa cosa possa rallentare il progetto della C39?

No, sicuramente no. Abbiamo tutto sotto controllo, stiamo lavorando tantissimo e spero di avere una macchina molto competitiva sin dall'inizio, non ci preoccupa questo piccolo problema che abbiamo avuto.

Era da anni che l'Italia non aveva un proprio pilota in F1. Come è stata la risposta del pubblico?

È stata molto positiva. In particolare mi ha fatto molto piacere l'affetto che ho ricevuto nel weekend di Monza perché io arrivavo da un weekend non facilissimo come quello di Spa, però ho avuto un supporto enorme da tutti ed è stato bellissimo.

Devo dire che è anche grazie a loro se ho svolto quel weekend a Monza portando a casa dei punti, facendo un ottimo risultato. Non mi hanno mai mollato per tutto il weekend, c'erano tanti amici e familiari, ma anche tutto il pubblico italiano che mi sono stati vicino sempre. Nella seconda parte di stagione, quando i risultati sono migliorati ho sentito tanto il loro supporto. Per me è stato bello riportare qui il tricolore che mancava da troppo tempo. Adesso ci sarà un secondo anno con un pilota italiano quindi sono contento. Bisogna solo fare bene e renderli orgogliosi di avere un pilota italiano in F1.

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing e Sebastian Vettel, Ferrari, in conferenza stampa
Lance Stroll, Racing Point, e Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Chi era il tuo eroe da piccolo e chi ti ispiri come pilota?

Io ho cominciato a guardare la F1 nel 2001, 2002 circa quindi in quel momento il pilota che vinceva sempre con una macchina rossa come la Ferrari era Michael Schumacher quindi sono cresciuto con lui e posso dire che è uno dei miei idoli. 

In questo tuo primo anno in F1 Kimi ti ha aiutato? Quanto ti è stato vicino?

Averlo accanto è stato allo stesso tempo sia positivo che negativo. È stato positivo da un lato perché mi sono confrontato con un campione del mondo, una persona corretta. Ovviamente non è venuto lui da me, ma ogni volta che gli ho chiesto qualcosa mi ha sempre aiutato e portato nella direzione giusta. Inoltre stare davanti ad un campione come lui può solo far crescere il tuo nome.

Dall'altro lato però gli aspetti negativi sono stati il fatto che a inizio stagione, quando io facevo un po' più di fatica ad adattarmi al tutto perché ero un rookie e mancavo da 2 anni, dall'altro lato c'era lui che con la sua esperienza portava sempre i punti che il team chiedeva. Quindi all'inizio il confronto era abbastanza pesante, poi però a fine anno quando mi sono sentito più a mio agio sono riuscito a stare vicino a lui e qualche volta anche davanti e questo mi ha solo motivato di più.

Dove ti vedi tra 10 anni?

È un bel po' di tempo, io sono uno che non pensa né al passato né al futuro. Penso al presente, ora mi concentrerò sul prossimo anno, poi vedremo cosa ci riserverà il futuro, 10 anni poi sono tanti quindi meglio non guardare così lontano.

 
Articolo successivo
Binotto: "Ci sarà molto lavoro da fare sulle regole 2021"

Articolo precedente

Binotto: "Ci sarà molto lavoro da fare sulle regole 2021"

Articolo successivo

Acciarri: "Schumacher? Piccoli passi al miglior mantenimento"

Acciarri: "Schumacher? Piccoli passi al miglior mantenimento"
Carica i commenti