Ferrari a due facce: veloce in qualifica, lenta nel long run

condividi
commenti
Ferrari a due facce: veloce in qualifica, lenta nel long run
Di:
30 ago 2019, 17:18

Leclerc ha impressionato nel giro secco lasciando la concorrenza a otto decimi. La SF90 è imprendibile sui lunghi rettilinei di Spa, ma è in difficoltà nelle simulazioni di gara. La pole position sembra ipotecata, mentre per la corsa i tecnici della Scuderia dovranno lavorare sodo.

È un venerdì a sue facce quello completato oggi a Spa della Ferrari, una molto appariscente, l’altra più nascosta ma non meno significativa.

Le classifiche emesse dalle due sessioni di prove libere non dicono tutto, perché propongono una Ferrari decisamente in forma capace (con Leclerc) di mettere quasi secondo tra sé e gli avversari.

Parliamo però della simulazione di qualifica, e sul giro secco il monegasco ha messo tutti d’accordo con un tempo stellare, ottenuto grazie ad un primo settore straordinario favorito (anche) da una scia che ha permesso di ampliare il gap su tutti i rivali, Vettel incluso.

L’uno-due rosso non è un fuoco di paglia, perché il potenziale sul giro veloce è proprio quello che ha confermato la pista. Non è poi una sorpresa constatare che le due SF90 si siano confermate le più veloci sul lungo tratto che dall’uscita della curva Source porta alla staccata di Les Combes: era nelle previsioni e le aspettative sono state confermate.

“Il comportamento della nostra monoposto si è confermato buono nella sessione FP2 – ha spiegato Verstappen – ma eravamo più giù di potenza rispetto a quella che normalmente utilizziamo il venerdì. Quindi non dovrebbero esserci problemi per domani, ma credo che comunque la Ferrari sarà difficile da battere, quindi proveremo ad essere il più possibile vicini alla Mercedes”.

C’è però un altro verdetto emerso dal venerdì di Spa, relativo al passo gara. La stessa convinzione emersa nelle valutazioni sul giro secco, sono state confermate sul passo gara, ma in questo caso in direzione opposta.

I long-run di Vettel e Leclerc non si sono confermati distanti dal ritmo delle sole due Mercedes, ma anche di Verstappen e Perez.

Un divario notevole che richiederà molto lavoro ai tecnici della Scuderia. L’impressione è che il degrado degli pneumatici sia decisamente maggiore rispetto a quello degli avversari diretti, e non è poi una sorpresa.

Il carico ridotto che è un’arma formidabile sui rettilinei, diventa causa di un eccessivo scivolamento trasversale nei tratti guidati.

"Il ritmo della simulazione di qualifica è stato molto buono -ammette Leclerc -, il ritmo di gara un po' meno, quindi dobbiamo migliorarlo in vista di domenica, ma sembriamo OK”.

La Mercedes potrà migliorare sulla velocità in rettilineo?
"Certo, e sono abbastanza sicuro che lo faranno. Nel secondo settore sono molto, molto forti e domani sfrutteranno il motore al massimo e non saranno così male nel primo e nell'ultimo settore".

E' dello stesso avviso Lewis Hamilton: “Se guardiamo i giri veloci la nostra situazione sembra terribile,  ma i long-run che abbiamo completato saranno molto buoni, e se hai un buon passo puoi sempre giocarti le tue carte. Magari non riesci a passare sul dritto, ma puoi comunque farlo con la strategia”.

È questo il rischio che alla luce dei verdetti emersi oggi corre la Ferrari. Tutto fa pensare che Vettel e Leclerc possanno dire la loro per la pole position, ma partire davanti e contare su un’ottima velocità di punta non assicura a Spa di riuscire a portare a casa la sospirata vittoria.

Ma c’è tempo per analizzare i dati e valutare dei cambiamenti, cosa che ovviamente avverrà anche nei box di Mercedes e Red Bull. “Forse oggi siamo stati più bassi di potenza rispetto alla Ferrari – ha detto Bottas - ma forse abbiamo anche più drag, quindi dovremo valutare se è il caso di diminuire il carico aerodinamico intervenendo sulla regolazione delle ali. Su questa pista fa un’enorme differenza”.

Scorrimento
Lista

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
1/18

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
2/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Replica del casco di Sebastian Vettel, Ferrari

Replica del casco di Sebastian Vettel, Ferrari
3/18

Foto di: Erik Junius

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
4/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
5/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
7/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
8/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari firma autografi ai fan

Charles Leclerc, Ferrari firma autografi ai fan
9/18

Foto di: Erik Junius

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
10/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
11/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, dettaglio del cestello del freno anteriore
13/18

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
14/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
15/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90 di Charles Leclerc

Ferrari SF90 di Charles Leclerc
16/18

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
17/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
18/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Articolo successivo
Con 22 GP nel 2020 meno test e tre MGU-K

Articolo precedente

Con 22 GP nel 2020 meno test e tre MGU-K

Articolo successivo

Vettel: "Il nostro margine non è quello corretto"

Vettel: "Il nostro margine non è quello corretto"
Carica i commenti