Stevens contento: "Nel 107% in entrambe le sessioni"

condividi
commenti
Stevens contento:
Di: Matteo Nugnes
27 mar 2015, 11:45

Finalmente si vede in pista la Manor, ma è a rischio qualificazione, soprattutto con Roberto Merhi

Stevens contento:

Dopo aver fatto solamente da spettatori a Melbourne a causa dei noti problemi di software, finalmente oggi a Sepang Will Stevens e Roberto Merhi hanno avuto modo di iniziare a prendere le misure alla monoposto della Manor.

A spuntarla nel derby in coda al gruppo è stato il britannico, che è riuscito a completare una ventina di giri, ma ha chiuso con un ritardo di circa sei secondi nei confronti della Mercedes di Lewis Hamilton. Una performance che per ora lo terrebbe all'interno del 107%.

"E' stato veramente bello tornare al volante di una monoposto di Formula 1. Siamo riusciti a completare piuttosto agevolmente il programma che avevamo pianificato e sono lieto che i miei tempi sono stati all'interno del 107% in entrambe le sessioni. Ovviamente ci attende una notte di duro lavoro per cercare di migliorare le nostre prestazioni domani" ha detto Stevens.

Le cose sono andate leggermente peggio per Roberto Merhi, autore anche di un testacoda nella sessione pomeridiana che ha obbligato la direzione gara ad esporre anche la bandiera rossa.

"Questa mattina abbiamo avuto modo di farci un'idea sulla strada da seguire per trovare l'equilibrio generale della vettura. Nella seconda sessione le cose stavano andando meglio, ma poi mi sono girato in testacoda e questo ha messo fine alla mia sessione. Mi sono scusato con la squadra ed ora non vedo l'ora di tornare in macchina per ricominciare da dove abbiamo lasciato" ha aggiunto lo spagnolo.

Prossimo articolo Formula 1
Ferrari: i problemi nei pit per un sensore della pistola?

Previous article

Ferrari: i problemi nei pit per un sensore della pistola?

Next article

Kvyat: "Qui abbiamo sicuramente più potenziale"

Kvyat: "Qui abbiamo sicuramente più potenziale"

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Will Stevens , Roberto Merhi
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie