F1 Commission: 30 giorni di test Pirelli con le gomme da 18

Nel meeting che si è tenuto giovedì a Londra è stato raggiunto l'accordo che permette al fornitore unico di pneumatici di aumentare di cinque giorni i test per le gomme ribassate da 18 pollici. Tutte le squadre hanno dato la disponibilità per una mule car che può derivare anche da una monoposto 2021.

F1 Commission: 30 giorni di test Pirelli con le gomme da 18

Fra i temi discussi nella F1 Commission non c’erano solo il congelamento dei motori e la Sprint Race, ma anche altri aspetti importanti che riguardano il futuro della Formula 1.

Fra questi c’è sicuramente la richiesta della Pirelli di allargare il numero delle giornate di test degli pneumatici da 18 pollici da 25 a 30. Anche questa proposta, come il congelamento dei motori, è stata approvata all’unanimità.

Il fornitore unico, infatti, per effetto della pandemia del COVID-19 aveva dovuto sospendere i test l’anno scorso per cui le squadre, la FIA e F1 hanno dato il loro assenso all’incremento delle giornate in pista.

La maggior parte delle sessioni seguiranno un GP appena disputato e non è da escludere che le giornate aggiuntive si trasformino in test del martedì posta gara con due macchine anziché una, moltiplicando le informazioni da raccogliere.

Ricordiamo che ci saranno almeno tre giornate di test per le gomme da bagnato che si terranno al Paul Ricard o a Fiorano (le uniche piste che hanno un impianto di irrigazione che permette di mantenere costante il livello di acqua sull’asfalto).

I team di F1 si sono dichiarati disponibili a preparare una mule-car che adotti sospensioni adatte a montare gomme e cerchi da 18 pollici.

Per le esigenze dettate dalla McLaren, che ha fatto un cambio di motore passando dal Renault al Mercedes, la FIA ha concesso la possibilità di usare anche i telai 2021 in uso.

L’opportunità può essere importante anche per contenere i costi non dovendo spedire un container in più con la vettura per i test, se i team considereranno l’opportunità di trasformare in mule car la monoposto usata nel weekend di gara.

Stando al calendario originario il primo test di valutazione delle gomme ribassate doveva avvenire a fine febbraio, ma Pirelli sta lavorando con le parti in causa per stilare l’elenco definito delle date.

Dal mese di gennaio tutti i team hanno ricevuto invece le “gommine” per la galleria del vento e i dati del modello di pneumatico da inserire nel simulatore.

condividi
commenti
F1 Commission: sì al freezing dei motori, ni alla Sprint Race

Articolo precedente

F1 Commission: sì al freezing dei motori, ni alla Sprint Race

Articolo successivo

F1, motori 2025: obiettivo sostenibilità e riduzione costi

F1, motori 2025: obiettivo sostenibilità e riduzione costi
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes