F1, motori 2025: obiettivo sostenibilità e riduzione costi

La prima riunione del 2021 della F1 Commission ha emesso un verdetto importante: i Costruttori hanno approvato all'unanimità il congelamento dei motori a partire dall'avvio della stagione 2022. Ma si è anche lavorato sul regolamento 2025 e sugli obiettivi da raggiungere riguardo la sostenibilità.

F1, motori 2025: obiettivo sostenibilità e riduzione costi

Uno degli argomenti principali nell’agenda della prima riunione del 2021 tenuta dalla Formula 1 Commission era quello relativo al congelamento delle power unit. Al fine di contenere i costi di sviluppo dei motori, FIA, Formula 1 e le dieci squadre presenti nel campionato Mondiale hanno messo ai voti la proposta di congelare le power unit a partire dall’inizio della stagione 2022, e la mozione è stata approvata all’unanimità.

Il provvedimento conferma quindi che tutti i motoristi potranno lavorare sulle power unit nel corso del 2021 al fine di poter arrivare al momento del congelamento con un motore concettualmente nuovo rispetto a quello attualmente in uso, come è nei piani di Ferrari e Renault. I rumors in merito alla possibilità che il ‘freezing’ potesse essere fatto alla fine del 2021 con le attuali power unit sono stati smentiti.

Nelle comunicazioni ufficiali non sono ancora eventuali provvedimenti riguardanti l’allineamento delle performance dei motori, uno dei passaggi cruciali per poter intraprendere un periodo di congelamento che si protrarrà per 3 stagioni senza polemiche, ma è probabile che le linee guida della FIA in merito a questo argomento verranno confermate in seguito.

Si lavora anche sul nuovo regolamento 2025

Sempre in tema ‘motori’ sono iniziati i confronti relativi al regolamento tecnico che determinerà la nuova tipologia di power unit che sarà adottata a partire dalla stagione 2025. È stato istituito un gruppo di lavoro composto da figure di alto profilo che comprende rappresentanti di case già presenti in Formula 1, di fornitori di carburante ed anche di case al momento estranee alla F1 ma che hanno manifestato interesse per un impegno futuro.

Al termine della riunione di oggi sono stati fissati dei punti che rappresentano gli obiettivi chiave che si intende raggiungere con la prossima generazione di power unit. Eccoli nel dettaglio:

  • Sostenibilità ambientale e rilevanza sociale ed automobilistica
  • Carburante completamente sostenibile
  • La Power Unit deve essere potente, innovativa ed emozionate.
  • Significativa riduzione dei costi
  • Il progetto deve confermarsi incentivante nei confronti di nuove case interessate alla F1.

“La definizione degli obiettivi per la prossima generazione di monoposto e Power Unit è della massima importanza per FIA e Formula 1 - ha confermato la Federazione Internazionale - e tra le squadre e i produttori di Power Unit abbiamo constatato un forte allineamento sugli obiettivi generali, in particolare sulla necessità di ridurre costi e raggiungere la totale neutralità all’emissione di carbonio”.

condividi
commenti
F1 Commission: 30 giorni di test Pirelli con le gomme da 18
Articolo precedente

F1 Commission: 30 giorni di test Pirelli con le gomme da 18

Articolo successivo

Alonso investito in bici: è stato portato in ospedale

Alonso investito in bici: è stato portato in ospedale
Carica i commenti