F1 | Brawn e Symonds lasceranno i loro ruoli nel 2022

Il managing director della Formula 1, Ross Brawn, è destinato a dimettersi alla fine del prossimo anno. Anche il responsabile tecnico, Pat Symonds, ha intenzione di lasciare il suo ruolo nel corso dell'estate.

F1 | Brawn e Symonds lasceranno i loro ruoli nel 2022

La notizia era contenuta in un documento rilasciato dalla Formula 1 come aggiornamento sugli sviluppi futuri all'interno dell'organizzazion, che spiega che l'uscita di scena di Brawn, che il mese scorso ha compiuto 67 anni, era "prevista", anche se non è stata ancora definita la tempistica.

Dopo la sua uscita dalla Mercedes, alla fine del 2013, Brawn si è goduto un periodo di relax lontano dalla Formula 1, prima di rientrarvi con il suo attuale ruolo nel gennaio del 2017, poco dopo l'acquisizione da parte di Liberty Media.

Il suo compito era essenzialmente quello di supervisionare le modifiche ai regolamenti tecnici e sportivi, ed ha già dato i suoi frutti con il regolamento 2022 e con l'introduzione delle Sprint Qualifying.

Non è ancora chiaro, tuttavia, se manterrà un ruolo di consulenza nell'organizzazione della F1, o il nome della persona che andrà a prendere il suo posto.

Nel 2017, Brawn ha scelto il suo ex collega ai tempi della Benetton, Pat Symonds, per dirigere il nuovo dipartimento tecnico della F1 e concentrarsi sui nuovi regolamenti, che avrebbero dovuto essere introdotti quest'anno, ma sono stati rinviati al 2022.

Con queste regole approvate e quelle per le power unit 2026 che lo saranno a breve, Symonds, che ha compiuto 68 anni a giugno, ha deciso a sua volta di fare un passo indietro.

Ross Brawn, Managing Director of Motorsports, and Stefano Domenicali, CEO, Formula 1

Ross Brawn, Managing Director of Motorsports, and Stefano Domenicali, CEO, Formula 1

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

Parallelamente, i membri del team tecnico della F1 che lavorano sotto a Symonds si trasferiranno alla FIA. Una mossa che è stata in parte incoraggiata dall'UE per separare il processo di regolamentazione e quello di promozione.

Anche se non c'è stato alcun suggerimento di non conformità, questo cambiamento garantirà più chiarezza riguardo alla separazione delle responsabilità. Anche perché di recente alcune squadre avevano espresso la loro preoccupazione circa il recente coinvolgimento della F1 sulle nuove regole, visto che queste sarebbero responsabilità della FIA.

Symonds ha assemblato un team di circa 15 ingegneri, per lo più ex dipendenti delle squadre di F1. Sono stati coinvolti nella ricerca in varie aree, dall'aerodinamica ai nuovi carburanti, mentre venivano sviluppate le nuove regole.

Leggi anche:

Resta inteso che la maggior parte delle persone che fanno parte di quel team, compreso il responsabile aerodinamico Jason Sommerville, saranno dipendenti della FIA d'ora in poi. Lavoreranno quindi sotto il responsabile della Federazione, Nikolas Tombazis.

Tuttavia, il responsabile delle prestazioni del veicolo, Craig Wilson, che ha giocato un ruolo chiave anche nella progettazione dei nuovi circuiti, oltre ad essere coinvolto nella realizzazione del nuovo pacchetto tecnico, rimarrà a lavorare per la F1.

Nonostante il cambio di datore di lavoro, la maggior parte di coloro che assumerano dei ruoli all'interno della FIA continueranno a lavorare nel quartier generale della F1, a Londra, anche se alcuni dovranno trasferirsi in quelli della FIA, a Ginevra e Parigi.

Come parte di una più ampia riorganizzazione, alcuni dipartimenti della F1 che avevano sede a Londra si stanno decentrando invece verso l'altra base dell'organizzazione, a Biggin Hill.

condividi
commenti
Alonso durissimo con Masi: "Ci serve un arbitro, ma non c'è"
Articolo precedente

Alonso durissimo con Masi: "Ci serve un arbitro, ma non c'è"

Articolo successivo

F1 | Ferrari in crescita: si è capito come far durare le gomme

F1 | Ferrari in crescita: si è capito come far durare le gomme
Carica i commenti