F1, Austria, Libere 2: la Mercedes tira fuori le unghie

Al Red Bull Ring si risvegliano le Mercedes, prima con Hamilton e seconda con Bottas nella 2 sessione di prove libere del GP d'Austria. Le due W12 hanno preceduto Verstappen con la RB16B grazie a una leggera pioggerellina e a una temperatura dell'asfalto di 15 gradi più bassa della scorsa settimana. Bene le Aston Martin di Stroll e Vettel. La Ferrari, invece, ha rinunciato al giro secco per qualche goccia d'acqua: Sainz è 13esimo e Leclerc 16esimo.

F1, Austria, Libere 2: la Mercedes tira fuori le unghie

E' arrivato il colpo di coda della Mercedes. La squadra campione del mondo ha rinunciato all'assetto aerodinamico più scarico e si è rimessa nella configurazione del GP di Stiria. Sembrava un passo indietro che ne faceva presupporre niente di buono, e, invece, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas hanno riportato la W12 in testa alla tabella dei tempi nella seconda sessione di prove libere del GP d'Austria che si disputa al Red Bull Ring.

Lewis Hamilton con le gomme soft nella mescola C5 è sceso a 1'04"523 che ripropone la Mercedes come un'aspirante alla pole position. L'inglese ha lasciato Valtteri Bottas a 189 millesimi che conferma la pronta reazione della squadra di Brackley che non si rassegna a subire la supremazia della Red Bull.

La freccia nera ha impressionato nel giro secco e non ha affatto deluso anche nel long run (anche se Lewis ha fatto un dritto alla curva 4 con un brutto bloccaggio), tenendo conto che una leggera pioggerellina e circa 15 gradi di asfalto in meno si sposano alla perfezione con la W12.

Max Verstappen con la RB16B è terzo ed è l'ultimo pilota ad aver sfondato il muro dell'1'05" in 1'04"740: l'olandese non ha dato la sensazione di aver estratto il massimo dalla sua monoposto, visto che quando ha provato la qualifica cominciava a sgocciolare dal cielo.

I primi tre hanno fatto il vuoto, perché Lance Stroll che è quarto con l'Aston Martin è distanziato di 616 millesimi. Il canadese si è tenuto alle spalle il compagno di squadra Sebastian Vettel. La coppia del team di Silverstone ha preceduto i due piloti dell'Alpha Tauri, con il rookie Yuki Tsunoda capace di mettere le ruote davanti a quelle di Pierre Gasly. La squadra di Faenza sente l'odore di casa e vuole emergere sulla pista di Dietrich Mateschitz, patron Red Bull.

L'ottavo posto è in mano a Fernando Alonso molto costante con l'Alpine: lo spagnolo continua a fare la differenza su Esteban Ocon relegato al 12esimo posto con l'altra A521. Lando Norris ha inserito la McLaren dotata di modifiche al fondo al nono posto (ha vissuto un brivido facendo un testacoda all'uscita di curva 1), mentre Daniel Ricciardo non si schioda dalla 15esima piazza. La crisi dell'australiano prosegue e sta diventando un caso.

La top 10 è completata da Antonio Giovinazzi che si è ripreso l'Alfa Romeo che aveva lasciato a Callum Ilott: l'italiano, che si è presentato in autodromo con la maglia della Nazionale di calcio, non ha avuto problemi di adattamento anche se ha dovuto saltare la FP1. Kimi Raikkonen  ha preso solo un decimo dal pugliese eppure paga ben quattro posizioni (14esimo) in classifica a dimostrazione di quanto sia competitivo il gruppo di centro.

Sergio Perez con la Red Bull è solo 11esimo: non ha impressionato nel giro secco, ma ha mostrato un buon passo nella durata. E la Ferrari? la squadra del Cavallino aveva deciso di calzare le rosse quando ha cominciato ad inumidirsi la pista per le poche gocce d'acqua.fra la curva 3 e la 8.

Carlos Sainz ha abortito il giro e si è preso il 13esimo tempo colto con le gialle, mentre Charles Leclerc ha provato a fare la tornata, ma si è dovuto arrendere per un errore. Non deve sorprendere, quindi, se il monegasco figura solo in 16esima posizione, un piazzamento che non rivela l'effettivo valore delle Rosse mostrato nella sessione del mattino.

In coda c'è George Russell che si è ripreso la Williams affidata a Roy Nissany: l'inglese è 17esimo e precede Mick Schumacher con la Haas, mentre Nicholas Latifi è 19esimo davanti a Nikita Mazepin con la seconda Haas.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 31 1'04.523 240.918
2 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 34 1'04.712 0.189 0.189 240.215
3 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 35 1'04.740 0.217 0.028 240.111
4 Canada Lance Stroll
Aston Martin 33 1'05.139 0.616 0.399 238.640
5 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 37 1'05.268 0.745 0.129 238.168
6 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 37 1'05.356 0.833 0.088 237.848
7 France Pierre Gasly
AlphaTauri 38 1'05.379 0.856 0.023 237.764
8 Spain Fernando Alonso
Alpine 34 1'05.393 0.870 0.014 237.713
9 United Kingdom Lando Norris
McLaren 34 1'05.466 0.943 0.073 237.448
10 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 32 1'05.511 0.988 0.045 237.285
11 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 39 1'05.516 0.993 0.005 237.267
12 France Esteban Ocon
Alpine 36 1'05.527 1.004 0.011 237.227
13 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 37 1'05.620 1.097 0.093 236.891
14 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 33 1'05.624 1.101 0.004 236.876
15 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 32 1'05.698 1.175 0.074 236.609
16 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 33 1'05.708 1.185 0.010 236.573
17 United Kingdom George Russell
Williams 36 1'05.819 1.296 0.111 236.174
18 Germany Mick Schumacher
Haas 35 1'05.911 1.388 0.092 235.845
19 Canada Nicholas Latifi
Williams 38 1'06.014 1.491 0.103 235.477
20 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 35 1'06.173 1.650 0.159 234.911

 

condividi
commenti
Ferrari: al posteriore c'è l'ala a cucchiaio più scarica
Articolo precedente

Ferrari: al posteriore c'è l'ala a cucchiaio più scarica

Articolo successivo

Hamilton: "Mercedes è cresciuta, Red Bull ha del margine"

Hamilton: "Mercedes è cresciuta, Red Bull ha del margine"
Carica i commenti