F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

AlphaTauri: la AT02 osa con l'ala anteriore molto scarica

La sqiuadra di Faenza, vittoriosa l'anno scorso a Monza con Pierre Gasly, si ripresenta nel "tempio della velocità" con la volontà di ben figurare con la AT02 che presenta un flap mobile dell'ala anteriore ridotto ai minimi termini per ridurre il drag e cercare le velocità massime.

AlphaTauri: la AT02 osa con l'ala anteriore molto scarica

L’AlphaTauri torna sul luogo del… delitto. Vale a dire a Monza, teatro nel 2020 della prima vittoria con Pierre Gasly. Una pietra miliare per il team di Faenza che nell’abito Toro Rosso aveva vissuto un’analoga grande emozione nel 2008 con la STR3-Ferrari condotta da un giovanissimo Sebastian Vettel.

La squadra diretta da Franz Tost è sempre in lotta per il quinto posto nel mondiale Costruttori e se la deve vedere con l’Alpine che ha un margine, anche se solo di sei punti. La compagine francese ha il vantaggio di disporre di due piloti in grado di portare punti importanti, mentre l’AlphaTauri deve fare i conti con uno Yuki Tsunoda ancora acerbo che alterna prestazioni interessanti e gravi errori.

Guardando le monoposto che sono andate alle verifiche per il GP d’Italia è parso che la AT02 sia una di quelle con la configurazione aerodinamica più scarica: l’ala anteriore ritratta da Giorgio Piola evidenzia come il flap regolabile sia ridotto ai minimi termini con una corda molto corta e con un’asportazione di materiale nella parte centrale proprio per limitare la resistenza all’avanzamento alla ricerca della migliore velocità massima.

condividi
commenti
Hamilton: "Russell è affamato. Darà nuova linfa al team"

Articolo precedente

Hamilton: "Russell è affamato. Darà nuova linfa al team"

Articolo successivo

Ocon: "Albon? Un anno di stop è tremendo per un pilota"

Ocon: "Albon? Un anno di stop è tremendo per un pilota"
Carica i commenti