Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

Hamilton principe di Monte Carlo, Verstappen terzo, Ferrari in confusione

condividi
commenti
Hamilton principe di Monte Carlo, Verstappen terzo, Ferrari in confusione
Di:
25 mag 2019, 14:28

Lewis firma nel GP di Monaco l'85esima pole che è la seconda nel Principato: Bottas è staccato solo di 86 millesimi. Terzo Verstappen con la Red Bull davanti a Vettel staccato con la Ferrari. Leclerc non supera la Q1 per un grave errore del team che lo tiene ai box nel finale.

Lewis Hamilton si sente il Principe di Monte Carlo. Il penta-campione si è inventato un giro perfetto nell'ultimo run della qualifica del GP di Monaco per mettersi alle spalle il compagno di squadra, Valtter Bottas di appena 86 millesimi di secondo. Lewis ha battuto il record della pista in 1'10"166 con le gomme Soft: l'inglese è riuscito a ribaltare un risultato che sembrava a favore del finlandese dando fondo al suo talento per completare una tornata a oltre 171 km/h di media. Incredibile!

Hamilton centra la 85esima partenza al palo in F1, la seconda a Monte Carlo e la seconda stagionale: partire davanti nel toboga del Principato significa aver già vinto mezza gara. La Mercedes ha monopolizzato tutta la prima fila, confermando che anche con una freccia d'argento a passo lungo è possibile dominare a Monaco facendo una gara a sé, perché Max Verstappen, terzo, si è preso un distacco di quasi mezzo secondo con la Red Bull sulla pista più corta del mondiale.

Questo dato ci indica come il mondiale sia una questione privata fra i due piloti Mercedes: non c'è storia per nessuno. L'olandese è stato bravissimo a dare fondo al potenziale della RB15, ma ha avuto l'ennesima conferma che con la macchina di Milton Keynes non può andare da nessuna parte e, allora, sta arrivando l'ora di cambiare aria se l'ambizione è quella di lottare per un mondiale, prima o poi.

Sebastian Vettel ha ottenuto il minimo sindacale in un giorno da dimenticare per la Ferrari. Il tedesco è quarto con un distacco di 781 millesimi da Hamilton: un divario che è anche peggiore di quello spagnolo di Barcellona. Forse la Rossa era migliore di quanto ha mostrato, perché la qualifica del quattro volte campione mondiale è stata condizionata dal botto nel terzo turno di prove libere. 

Leggi anche:

Seb ha perso la confidenza con la pista e in Q1 ha anche strisciato con due ruote su rail, tanto che la SF90 ha dovuto fare ricorso a un secondo treno di gomme nuove per superare la tagliola. Vettel ha colto il quarto posto di "mestiere", mentre è clamorosa l'esclusione di Charles Leclerc in Q1. 

Il paradosso è che a mettere fuori il monegasco è stato proprio il compagno di squadra, Sebastian Vettel che ha ottenuto il suo miglior giro della sessione all'ultimo giro. Il pilota monegasco, che aveva ottenuto un 1'11"265 nelle FP3, non è riuscito ad andare oltre un deludente 1'12"149.

Il ragazzo ha rischiato di sbattere contro il rail della Rascasse per un bloccaggio e, forse, ha perso un po' di lucidità per cui poi ha anche saltato le verifiche tecniche della FIA per il controllo del peso dove era stato riportato a spinta dai meccanici del Cavallino.Verrà messo sotto investigazione e rischia la seconda reprimenda della giornata.

Dopo la verifica la SF90 è stata portata nel box e il monegasco non è stato fatto più uscire nella convinzione che il tempo ottenuto bastasse per superare la prima tagliola. E non ci voleva un genio per capire che la pista stava migliorando e sarebbe stato un errore mortale non tornare subito in pista. Un azzardo che ha avuto un costo inenarrabile, solo per risparmiare un treno di gomme Soft!

Il muretto del Cavallino è andato in crisi per aiutare Vettel a rientrare? Charles ha ammesso di aver ripetutamente chiesto via radio di essere rimandato in pista "...ma nessuno mi ha risposto".

La Ferrari è andata in confusione e ha bucato tutti gli obiettivi, mentre poteva ambire al terzo posto in griglia.

La quinta piazza è andata a Pierre Gasly con la seconda Red Bull: il francese ha ridotto a quattro decimi il distacco da Verstappen dopo che aveva preso quasi regolarmente un secondo dal compagno di squadra. Il margine resta grande, ma va rilevato il miglioramento.

Eccellente la prestazione di Kevin Magnussen con la Haas dotata del motore 2 Ferrari: il danese nel giro secco è una garanzia per il team di Gunther Steiner e puntualmente fa una grande differenza con Grosjean.

Molto positiva anche la settima piazza che Daniel Ricciardo, poleman dello scorso anno, ha regalato alla Renault: la prestazione è più del pilota che della macchina. L'australiano è stato bravo a stare davanti alla Toro Rosso di Daniil Kvyat di un soffio.

Positiva la prestazione di Carlos Sainz che è nono con la McLaren: lo spagnolo si è infilato fra le due STR14 con Alexander Albon capace di arpionare la Q3.

Resta fuori dalla top ten Nico Hulkenberg con la Renault: il tedesco ha pagato solo 62 millesimi da Carlos Sainz con una R.S.19 poco competitiva. Lando Norris con la seconda McLaren è 12esimo davanti a Romain Grosjean con la Haas che è finito nel traffico nell'ultimo tentativo.

Il francese si è lasciato alle spalle le due Alfa Romeo con Kimi Raikkonen al 300esimo GP solo 14esimo davanti ad Antonio Giovinazzi di appena 70 millesimi. L'italiano è finito sotto investigazione per aver bloccato Hulkenberg nel suo primo tentativo: rischia una penalizzazione anche se non poteva smaterializzarsi...

Che disastro le Racing Point in seria difficoltà di macchina sulle stradine del Principato: Sergio Perez è 17esimo davanti al compagno di squadra Lance Stroll che gli rifila un sei a zero in qualifica. La RP19 adatta ai circuiti veloci soffre nel toboga di Monte Carlo.

George Russell, battuto da Robert Kubica nell'utimo turno di libere, si è ripreso la leadership in casa Williams costringendo il polacco a stare dietro a 87 millesimi di secondo.

Cla Pilota Tempo Distacco km orari
1 United Kingdom Lewis Hamilton 1'10.166   171.211
2 Finland Valtteri Bottas 1'10.252 0.086 171.001
3 Netherlands Max Verstappen 1'10.641 0.475 170.059
4 Germany Sebastian Vettel 1'10.947 0.781 169.326
5 France Pierre Gasly 1'11.041 0.875 169.102
6 Denmark Kevin Magnussen 1'11.109 0.943 168.940
7 Australia Daniel Ricciardo 1'11.218 1.052 168.682
8 Russian Federation Daniil Kvyat 1'11.271 1.105 168.556
9 Spain Carlos Sainz Jr. 1'11.417 1.251 168.212
10 Thailand Alexander Albon 1'11.653 1.487 167.658
11 Germany Nico Hulkenberg 1'11.670 1.504 167.618
12 United Kingdom Lando Norris 1'11.724 1.558 167.492
13 France Romain Grosjean 1'12.027 1.861 166.787
14 Finland Kimi Raikkonen 1'12.115 1.949 166.583
15 Italy Antonio Giovinazzi 1'12.185 2.019 166.422
16 Monaco Charles Leclerc 1'12.149 1.983 166.505
17 Mexico Sergio Perez 1'12.233 2.067 166.311
18 Canada Lance Stroll 1'12.846 2.680 164.912
19 United Kingdom George Russell 1'13.477 3.311 163.496
20 Poland Robert Kubica 1'13.751 3.585 162.888
Articolo successivo
Ferrari: solo una reprimenda per Leclerc per non aver rispettato la VSC

Articolo precedente

Ferrari: solo una reprimenda per Leclerc per non aver rispettato la VSC

Articolo successivo

Leclerc: "Sono deluso. Chiedevo di tornare in pista, ma nessuno mi ha risposto"

Leclerc: "Sono deluso. Chiedevo di tornare in pista, ma nessuno mi ha risposto"
Carica i commenti