Extreme E: "armi spuntate" per l'Abt Cupra all'Arctic X-Prix

Mattias Ekstrom ha ammesso che il weekend dell'Arctic X-Prix è stato piuttosto duro, con l'uscita di scena dalle semifinali di Extreme E per la rottura della trasmissione.

Extreme E: "armi spuntate" per l'Abt Cupra all'Arctic X-Prix

Lo svedese e la sua nuova compagna di squadra, Jutta Kleinschmidt, erano stati i più veloci fra i nove team in azione in Groenlandia, svettando nelle prove libere del venerdì con un vantaggio di 22"384.

L'esperto duo è stato anche il più rapido a completare il cambio pilota obbligatorio e si è qualificato secondo assoluto nonostante abbia subito un doppio scoppio di pneumatici durante la sezione del sabato pomeriggio della cronometro a due manche.

Ekstrom è stato in grado di riportare l'Odyssey 21 E-SUV nella zona di cambio pilota e, insieme a un membro dell'equipaggio Abt Cupra, ha tentato di sollevare il fuoristrada completamente elettrico da 1650 kg per sostituire i due cerchioni danneggiati sull'asse posteriore.

Sebbene la Kleinschmidt sia riuscita a salire a bordo per prepararsi per il suo giro, le riparazioni non sono state completate in tempo nella zona preposta.

Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

La macchina dell'Abt Cupra, tuttavia, è stata rimessa in sesto per disputare la seconda semifinale di domenica mattina, con la Kleinschmidt a prendere il via dall'estrema destra della griglia di tre vetture.

La tedesca si è lanciata bene mantenendo il comando fino al primo waypoint, ma la vettura ha subito un guasto all'albero di trasmissione sul lato posteriore destro dopo soli 6".

Completato il suo giro, ha lasciato il posto ad Ekstrom, che ha portato l'auto fino al traguardo nonostante le difficoltà.

“Purtroppo abbiamo vissuto un'altra sfortunata semifinale oggi perché l'albero di trasmissione ha ceduto dopo pochi secondi", racconta il portacolori Cupra, che corre anche nel Pure ETCR.

“Ci siamo battuti con un'arma spuntata, di fatto, senza avere possibilità di prenderci un posto in finale. Non è andata assolutamente come avevamo sperato".

“Ciò che rimane sono le buone impressioni della nostra visita in Groenlandia e, naturalmente, molti dati. Analizzeremo tutto molto attentamente e poi attaccheremo di nuovo in Sardegna a fine ottobre".

Jutta Kleinschmidt, Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Jutta Kleinschmidt, Mattias Ekstrom, ABT CUPRA XE

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

In vista del terzo round della stagione inaugurale di Extreme E che si svolgerà in Sardegna (Island X-Prix, 23 al 24 ottobre), la Kleinschmidt ha aggiunto: “Oggi era il mio compleanno, ma purtroppo non tutti abbiamo ricevuto il regalo che avevamo sperato".

“La pista qui in Groenlandia era estremamente impegnativa per le vetture, abbiamo visto in molti incidenti negli ultimi giorni. In semifinale, dopo pochi metri, è accaduto qualcosa che era semplicemente fuori dal nostro controllo".

“Di positivo c'è che abbiamo visto che siamo sulla buona strada quando tutto fila liscio. Lo vogliamo e lo dimostreremo in Sardegna”.

condividi
commenti
Extreme E: prima vittoria Andretti United all'Arctic X-Prix

Articolo precedente

Extreme E: prima vittoria Andretti United all'Arctic X-Prix

Carica i commenti