W Series
G
Le Castellet
25 giu
Prossimo evento tra
107 giorni
G
Spielberg
02 lug
Prossimo evento tra
114 giorni
Moto3
G
Losail
28 mar
Prove Libere 1 in
17 giorni
G
Doha
02 apr
Prossimo evento tra
23 giorni
Moto2
G
Losail
28 mar
Prove Libere 1 in
17 giorni
G
Doha
02 apr
Prossimo evento tra
23 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
31 giorni
Formula 1 IndyCar
G
GP di Indianapolis Gara 1
14 mag
Prossimo evento tra
65 giorni
28 mag
Prossimo evento tra
79 giorni
MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
17 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
23 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
43 giorni
Dakar 2019: Motul
Topic

Dakar 2019: Motul

Dakar, ecco il bivacco di Original by Motul per i motociclisti senza assistenza

Omar Attoui, insieme ad altri quattro colleghi, ogni giorno ha il compito di allestire il bivacco che viene riservato ai motociclist che corrono privi di un supporto dell'assistenza. Il marocchino ci spiega come è possibile far trovare tutto pronto alla fine di ogni tappa.

Dakar, ecco il bivacco di Original by Motul per i motociclisti senza assistenza

La macchina organizzativa che permette ai piloti che competono senza assistenza è formata da cinque persone, due in più rispetto al 2018, considerato l’incremento nel numero degli iscritti (34 di 15 diverse nazionalità). Anche per loro le giornate sono una corsa contro il tempo perché quando i piloti arrivano al bivacco, l’area Original by Motul deve essere pronta e preparata.

“Appena arriviamo puliamo bene la zona a noi riservata e iniziamo a scaricare le casse dei concorrenti”, racconta Omar Attoui. “Disponiamo gli attrezzi, le tende, le casse e le piazzole, in modo che sia tutto pronto quando arrivano i piloti. Il mattino dopo, partito l’ultimo concorrente, di solito intorno alle 07:00, carichiamo nuovamente il camion, ripuliamo la zona e poi ci mettiamo in viaggio. Anche per noi il trasferimento è lungo, una media di 400 km al giorno. Giunti al bivacco seguente, ci mettiamo subito all’opera”.

Omar Attoui

Omar Attoui

Photo by: Maria Guidotti

Alla sua seconda partecipazione, Omar racconta che “...di questi piloti mi colpisce la passione. Molti di loro sono amatori o addirittura rookie. Alle 3 di notte sono ancora a lavorare sulla moto o a preparare il road book. Dormono poche ore per notte e se piove, come era successo lo scorso anno in Bolivia, lavorano sotto l’acqua. Un tempo non avevano neanche una tenda per dormire. Adesso invece è fornita da Motul”.

Omar, originario di Erfoud, in Marocco, lavora tutto l’anno per la A.S.O, la società che organizza la Dakar perché è coinvolto anche nel Merzouga Rally, evento che è parte del Dakar Series. Attoui segue gran parte delle logistica e le relazioni con le Autorità locali.
“La Dakar è una bellissima scuola anche per noi che lavoriamo. Ho imparato tantissimo a livello di gestione dell’organizzazione e logistica. E’ bello anche rivedere i piloti che vengono ad allenarsi in Marocco o a correre il Merzouga. Ti senti tra amici”.

condividi
commenti
Dakar 2019: scopriamo il Centro Assistenza BFGoodrich, base di supporto tecnico per tutti i piloti

Articolo precedente

Dakar 2019: scopriamo il Centro Assistenza BFGoodrich, base di supporto tecnico per tutti i piloti

Articolo successivo

Dakar, Moto, Tappa 7: Sunderland si riscatta, ma sorride Brabec che torna in vetta

Dakar, Moto, Tappa 7: Sunderland si riscatta, ma sorride Brabec che torna in vetta
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 6: Arequipa - San Juan de Marcona
Autore Maria Guidotti