Van der Linde e Schothorst centrano il successo in Gara 2 a Zolder

condividi
commenti
Van der Linde e Schothorst centrano il successo in Gara 2 a Zolder
Di:
8 apr 2018, 13:44

La penalità inflitta nel finale a Dries Vanthoor ha spalancato le porte del successo all'equipaggio dell'Audi del team Attempto. Il podio si completa con Marciello e Meadows davanti a Perez Companc e Calarelli. Sfortuna per Bortolotti ed Engelhart.

#19 GRT Grasser Racing Team Lamborghini Huracan GT3: Ezequiel Perez Companc, Andrea Caldarelli
#55 Attempto Racing Audi R8 LMS: Steijn Schothorst, Kelvin van der Linde
#88 Akka ASP Team Mercedes-AMG GT3: Raffaele Marciello, Michael Meadows
#19 GRT Grasser Racing Team Lamborghini Huracan GT3: Ezequiel Perez Companc, Andrea Caldarelli
#19 GRT Grasser Racing Team Lamborghini Huracan GT3: Ezequiel Perez Companc, Andrea Caldarelli
#19 GRT Grasser Racing Team Lamborghini Huracan GT3: Ezequiel Perez Companc, Andrea Caldarelli
#55 Attempto Racing Audi R8 LMS: Steijn Schothorst, Kelvin van der Linde
#39 TP 12 - Kessel Racing Ferrari 488 GT3: Piti Bhirombhakdi, Carlo Van Dam
#2 Belgian Audi Club Team WRT Audi R8 LMS: Will Stevens, Dries Vanthoor

Il successo colto ieri in occasione della prima gara stagionale a Zolder non ha portato fortuna a Mirko Bortolotti e Christian Engelhart. 

L'italiano, dopo aver ereditato la pole position, è riuscito a mantenere la vetta della gara, ma una volta entrato ai box per la sosta obbligatoria quando mancavano 34 minuti al termine, la Lamborghini Huracan con al volante Engelhart si è ammutolita e sono trascorsi molti secondi prima che si rimettesse in moto.

Le cose sono poi andate anche peggio quando i campioni Blancpain Endurance sono stati punti con un drive-through per irregolarità in occasione della sosta che li ha fatti scivolare fuori dalla top ten.

I problemi della Lamborghini #63 hanno così consentito a Will Stevens e Dries Vanthoor di passare in testa dopo aver sopravanzato la vettura gemella #66 del team Attempto, ma il colpo di scena si è verificato proprio nel finale di gara quando Vanthoor pregustava il successo.

L'olandese, infatti, è stato punito con un drive-through per aver urtato un cono in uscita dalla pit lane. 

La decisione della direzione gara ha così spalancato le porte della vittoria a van der Linde e Schothorst, mentre Raffaele Marciello, grazie ad uno stint iniziale impeccabile, è riuscito a salire sul secondo gradino del podio insieme al compagno di team Michael Meadows chiudendo con un distacco di poco inferiore ai 7 secondi.

Il Grasser Racing è riuscito in ogni caso a ribaltare la situazione grazie al testo posto ottenuto dalla Lamborghini #19 di Ezequiel Perez Companc ed Andrea Caldarelli, mentre Nico Jamin e Felix Serralles hanno centrato la quarta piazza con la Mercedes del team AKKA ASP precedendo l'Audi di  Stuart Leonard e Robin Frijns.

Sesto posto conclusivo per Gilles Magnus ed Alessio Picariello, primi nella Silver Cup, giunti davanti all'altra Audi R8 LMS di  Simon Gachet e Christopher Haase per un solo secondo.

Dopo la penalità Engelhart e Bortolotti sono riusciti a risalire sino all'ottavo posto, mentre la top ten si è completata con il nono e decimo posto delle due Mercedes #35 e #90 del team AKKA ASP affidate a Vladimir Atoev -Alexey Korneev ed a Nico Bastian - Jack Manchester.

In Pro-AM doppietta per Carlo van Dam e Piti Bhirombhakdi che così bissano il successo di ieri al volante della Ferrari del Kessel Racing.  

Articolo successivo
Bortolotti ed Engelhart centrano il successo in Gara 1 a Zolder

Articolo precedente

Bortolotti ed Engelhart centrano il successo in Gara 1 a Zolder

Articolo successivo

Brands Hatch, Libere 1: Perez Companc subito il più rapido

Brands Hatch, Libere 1: Perez Companc subito il più rapido
Carica i commenti