SSP, Most, Gara 1: Odendaal vince e ricuce su Aegerter, quarto

Steven Odendaal torna a vincere e conquista la prima gara disputata a Most dalla Supersport 600, interrotta da una bandiera rossa esposta ma per cui non sono ancora chiari i motivi. Sul podio con lui Manuel Gonzalez, secondo, mentre Philipp Oettl è terzo. Dominique Aegerter è quarto e permette al pilota Evan Bros di ricucire il distacco in classifica.

SSP, Most, Gara 1: Odendaal vince e ricuce su Aegerter, quarto

La Supersport non è mai scontata e Most lo dimostra, con una gara interrotta a sette giri dal termine per dei motivi non specificati (si parla di polline, pioggia o per l'incidente di Marc Alcoba), ma fino a quel momento la lotta per la vittoria era tutt'altro che ovvia: Steven Odendaal è stato dichiarato vincitore di Gara 1 a Most, dopo aver tenuto a bada gli attacchi di un agguerrito Manuel Gonzalez, secondo al traguardo. 

Una volta dichiarati i due terzi di gara completati, la Direzione Gara ha esposto la bandiera rossa mentre i piloti di testa erano in piena lotta per le posizioni del podio, con il portacolori Evan Bros che torna sul gradino più alto del podio da Gara 1 di Estoril. Con il successo odierno, il sudafricano ricuce un po' il distacco dal leader della classifica Dominique Aegerter, che invece è 'solo quarto' al termine della gara e permette così al rivale di avvicinarsi. 

Secondo e deluso è Manuel Gonzalez, che all'arrivo al parco chiuso gesticola per dimostrare che aveva le carte per poter battere Odendaal. Tuttavia resta solo alle spalle del pilota Evan Bros, diventando il terzo pilota più giovane della storia della Supersport a salire sul podio. Alle sue spalle troviamo Philipp Oettl, grande protagonista nelle prime fasi di gara con Denis Oncu. I due alfieri Puccetti lottano senza sconti per la prima posizione, salvo poi doversi accontentare della terza Oettl e dell'ottava Oncu.

Fatica in questa Gara 1 Dominique Aegerter che, come detto, è quarto. Lo svizzero resta al comando della classifica, ma permette a Odendaal di ricucire un po' il gap e fondamentale sarà per lui Gara 2 di domani. Il pilota Ten Kate si mette alle spalle Federico Caricasulo, autore di una buona prestazione che gli consente di agguantare la quinta posizione alla sua prima gara con il team Motoxracing. L'italiano, fuori da GMT94, sostituisce questo fine settimana Maria Herrera. 

Ottimo sesto Luca Bernardi, che in questo modo mantiene la quarta posizione nella classifica generale. Il sammarinese del team CM Racing riesce a tenersi dietro Jules Cluzel, molto arrembante nei primi giri e in lotta per la testa della gara ma arretrato nel finale e solo settimo. Chiudono il gruppo dei primi dieci Niki Tuuli e Peter Sebestyen, nono e decimo rispettivamente. L'ungherese conquista la sua prima top 10 da quando è in Supersport con il team Evan Bros. 

Sicuramente più amareggiato è Randy Krummenacher, che in sella alla sua Yamaha non va oltre l'11esimo crono e precede un altrettanto opaco Raffaele De Rosa, 12esimo. Così gli altri italiani: Kevin Manfredi è 13esimo e Federico Fuligni è 15esimo. Luigi Montella e Michel Fabrizio sono 21esimo e 22esimo rispettivamente, mentre Luca Ottaviani è 24esimo. Finisce a terra Leonardo Taccini. 

Rovinosa caduta anche per Marc Alcoba, che si rialza ma si accascia a terra dolorante e viene portato al centro medico. Si sospetta che la bandiera rossa possa essere stata esposta proprio per l'incidente del pilota spagnolo, tuttavia non si hanno chiarimenti in merito né si conoscono le condizioni del portacolori Ms Racing. 

condividi
commenti
Redding tuona: “Toprak ha fatto un sorpasso troppo rischioso!”
Articolo precedente

Redding tuona: “Toprak ha fatto un sorpasso troppo rischioso!”

Articolo successivo

Rea: "Toprak duro, ma sono le gare. Noi fatichiamo a superarlo"

Rea: "Toprak duro, ma sono le gare. Noi fatichiamo a superarlo"
Carica i commenti