Ducati, Davies vuole sfatare il tabù Donington. Melandri cerca il successo

Sulla pista dove non ha mai vinto, il gallese deciso ad interrompere il dominio Kawasaki. Melandri fiducioso dopo il test al Mugello.

Ducati, Davies vuole sfatare il tabù Donington. Melandri cerca il successo
Chaz Davies, Ducati Team
Chaz Davies, Ducati Team, Tom Sykes, Kawasaki Racing
Chaz Davies, Ducati Team
Race winner Chaz Davies, Ducati Team
Chaz Davies, Ducati Team
Marco Melandri, Ducati Team
Marco Melandri, Ducati Team, Tom Sykes, Kawasaki Racing
Marco Melandri, Ducati Team, Tom Sykes, Kawasaki Racing
Podio: il vincitore della gara Chaz Davies, Ducati Team, il terzo classificato Marco Melandri, Ducat

La doppietta di Imola da parte di Chaz Davies, se non ha cambiato di fatto la classifica di campionato perché il gallese alla fine è riuscito a guadagnare solo dieci punti, ha però dato fiducia al team Ducati Aruba che ora si trova ad affrontare, una dietro l’altra, i due round, Donington e Misano, che spianarono a Jonathan Rea la strada verso il secondo titolo consecutivo nel 2016. Impietoso il confronto di punti, con Rea che ne totalizzò 86 contro i 29 del gallese, e a nulla a quel punto valse il fantastico finale di stagione dell’alfiere della Ducati.

Quindi il round di Donington rappresenta lo spartiacque tra un campionato orgoglioso ma senza lieto fine, e il tentativo di rompere un’egemonia che anche quest’anno comunque non pare facilmente scalfibile. Per provare a tenere aperti i giochi bisogna andare a vincere in casa del “nemico”, che non ha solo le sembianze di Rea ma anche di Tom Sykes, che a Donington è riuscito a vincere la bellezza di otto volte. Impresa doppiamente difficile, anche in considerazione del fatto che sulla pista inglese Davies non è mai salito sul gradino più alto del podio. Chaz è però pronto a vendere cara la pelle, una vittoria che dedicherà sicuramente a Nicky Hayden, al quale ha voluto riservare un pensiero.

“È positivo recarsi a Donington sulla scia dei buoni risultati ottenuti ad Imola – è pronto alla sfida il pilota gallese -. Negli ultimi anni, ci siamo progressivamente avvicinati al bersaglio ed abbiamo migliorato la nostra competitività su questo tracciato, dove Sykes è il punto di riferimento. Lo scorso anno, pur saltando una sessione di prove al venerdì, abbiamo portato a casa un podio, quindi sono pronto alla sfida".

"Detto questo, sono devastato per la perdita di una persona che non era solamente un pilota e campione del mondo rispettato e dal valore riconosciuto. Il carattere di Nicky parlava da sé. Era una persona splendida, amichevole e determinata, che merita tanto rispetto. Abbiamo perso una vera leggenda, dentro e fuori dalla pista”.

A differenza del compagno di squadra, Marco Melandri ha vinto due volte a Donington e, dopo il positivo test al Mugello, dove ha trovato risposte importanti ai problemi di stabilità in accelerazione durante i cambi di marcia e di feeling in ingresso di curva, la pista britannica potrebbe essere il terreno di caccia giusto per togliere lo zero dalla casella delle vittorie. Anche il pilota ravennate ha voluto ricordare “Kentucky Kid”.

“Il test al Mugello è stato molto intenso ed importante, dal momento che in quello ufficiale ad Aragon non avevamo potuto provare a causa di una scivolata, e soprattutto alla luce delle difficoltà incontrate ad Imola – sono le parole del pilota ravennate -. Penso che abbiamo fatto passi avanti su diversi fronti".

"La pista di Donington mi è sempre piaciuta molto, speriamo che il meteo sia clemente. Partiamo fiduciosi, ma soprattutto rattristati dalla notizia della scomparsa di Nicky. È davvero difficile dare un senso ad avvenimenti di questo genere. Ci mancherà molto. Il mio pensiero va a lui ed alla sua famiglia”.

condividi
commenti
Honda, Ten Kate: "Nicky era genuino e puro. Perderlo è uno shock"

Articolo precedente

Honda, Ten Kate: "Nicky era genuino e puro. Perderlo è uno shock"

Articolo successivo

Althea, Torres: "Ora sto bene fisicamente, a Donington posso fare bene"

Althea, Torres: "Ora sto bene fisicamente, a Donington posso fare bene"
Carica i commenti