Donington, Superpole: orgoglio Sykes, nuovo record e 39° pole!

Sulla pista di casa Tom si conferma il più forte in qualifica. Prima fila per Rea e Davies, Melandri, in difficoltà, è quinto. Lowes mette nel mirino il podio.

Donington, Superpole: orgoglio Sykes, nuovo record e 39° pole!
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Chaz Davies, Ducati Team
Chaz Davies, Ducati Team
Marco Melandri, Ducati Team
The fairing of Alex Lowes, Pata Yamaha with a Nicky Hayden sticker
Alex Lowes, Pata Yamaha

Strepitoso Tom Sykes. Sulla pista che lo ha visto sempre protagonista, tanto da aver vinto ben otto volte, l’inglese ritrova l’orgoglio e centra la 39° pole in carriera condita dal nuovo giro record in 1’26”641, che migliora di 71 millesimi il tempo che aveva fatto segnare nel 2016. Una prestazione attesa nella forma ma non così nella sostanza, visto che i distacchi inflitti agli avversari sono stati considerevoli. La maniera giusta per approcciare la gara del pomeriggio, dove il pilota di Huddersfield va a caccia del primo successo stagionale, mandando nel contempo un segnale forte al suo compagno di squadra.

Per la prima volta quest’anno Jonathan Rea esce infatti battuto decisamente ma il potenziale in gara del campione del mondo è decisamente più alto di quello mostrato nella Superpole. Oltre tre decimi sono un distacco “insopportabile”, anche perché nell’ultimo giro stava girando sul tempo di Tom prima di dover abortire il giro per traffico. C’è quindi da credere che il nordirlandese metterà parecchio sale sulla coda del compagno di squadra fin dall’inizio, mettendo a frutto quell’imperioso passo gara mostrato nella FP2 del venerdì.

Di fronte allo strapotere Kawasaki, la Ducati ha potuto solo al momento difendersi. Molto bene lo ha fatto Chaz Davies, terzo tempo, molto lontano da Sykes ma tutto sommato a tiro di Rea. Dovrà inventarsi qualche diavoleria, il gallese in gara, soprattutto dovrà impedire che i due Kawasaki riescano ad andarsene perché recuperare potrebbe rivelarsi una missione impossibile.

L’altra faccia della medaglia in casa Ducati è il pesante ritardo di Marco Melandri, oltre 1”, che scatterà così dalla quinta casella, preceduto da un sempre più positivo Alex Lowes, che prova a far annusare il podio alla Yamaha. Marco ha fatto un po’ il gambero questo weekend: partito forte nella FP1, ha perso progressivamente competitività e la gara a questo punto diventa un bel quesito per lui.

A completare la seconda fila troviamo Eugene Laverty, promosso con il miglior crono dalla SP1. Una bella boccata d’ossigeno per l’Aprilia visto che Lorenzo Savadori, qualificatosi direttamente nella SP2, è affondato, chiudendo all’ultimo posto con oltre 2” di distacco.

Ha deluso anche Leon Haslam. Indicato come potenziale inquilino della prima fila, ha rovinato tutto finendo a terra, piazzandosi ottavo dietro un rivitalizzato Xavi Fores, che per la prima volta nel weekend ha rivisto la luce dopo il buio delle prove. Poco brillante anche Michael van der Mark: vedere quanto è andato forte il compagno di squadra sicuramente non gli avrà dato morale.

Cla#PilotaMotoTempoGapkm/h
1 66 united_kingdom Tom Sykes Kawasaki 1'26.641   167.158
2 1 united_kingdom Jonathan Rea Kawasaki 1'27.005 0.364 166.459
3 7 united_kingdom Chaz Davies Ducati 1'27.338 0.697 165.824
4 22 united_kingdom Alex Lowes Yamaha 1'27.538 0.897 165.445
5 33 italy Marco Melandri Ducati 1'27.818 1.177 164.918
6 50 united_kingdom Eugene Laverty Aprilia 1'27.880 1.239 164.802
7 12 spain Javier Fores Ducati 1'28.155 1.514 164.287
8 91 united_kingdom Leon Haslam Kawasaki 1'28.254 1.613 164.103
9 36 argentina Leandro Mercado Aprilia 1'28.308 1.667 164.003
10 2 united_kingdom Leon Camier MV Agusta 1'28.337 1.696 163.949
11 60 netherlands Michael van der Mark Yamaha 1'28.533 1.892 163.586
12 32 italy Lorenzo Savadori Aprilia 1'28.650 2.009 163.370
13 81 spain Jordi Torres BMW 1'28.554 1.913 163.547
14 88 switzerland Randy Krummenacher Kawasaki 1'28.824 2.183 163.050
15 15 san_marino Alex de Angelis Kawasaki 1'28.967 2.326 162.788
16 27 united_kingdom Jake Dixon Kawasaki 1'29.168 2.527 162.421
17 6 germany Stefan Bradl Honda 1'29.186 2.545 162.388
18 35 italy Raffaele De Rosa BMW 1'29.239 2.598 162.292
19 40 spain Roman Ramos Kawasaki 1'29.350 2.709 162.090
20 84 italy Riccardo Russo Yamaha 1'29.795 3.154 161.287
21 37 czech_republic Ondřej Ježek Kawasaki 1'29.962 3.321 160.987
22 86 italy Ayrton Badovini Kawasaki 1'30.222 3.581 160.524
condividi
commenti
Kawasaki: Rea scivola, ma ha un gran passo. Sykes vuole dare battaglia
Articolo precedente

Kawasaki: Rea scivola, ma ha un gran passo. Sykes vuole dare battaglia

Articolo successivo

Sykes suona la nona sinfonia a Donington. Rea e Davies a terra

Sykes suona la nona sinfonia a Donington. Rea e Davies a terra
Carica i commenti