Yamaha conferma l'ingaggio di Dovizioso per SRT

Il forlivese avrà a disposizione una M1 ufficiale nel team satellite nel 2022, ma farà il suo debutto con i colori Petronas a Misano, quando Morbidelli farà il suo rientro dall'infortunio al ginocchio e sarà promosso immediatamente nel Factory Team, per il quale correrà anche il prossimo anno. La conferma è stata data oggi a Silverstone da Lin Jarvis.

Yamaha conferma l'ingaggio di Dovizioso per SRT

Gli scenari ormai erano abbastanza tracciati, ma mancava ancora l'ufficialità dei movimenti di mercato che attendono la Yamaha nel breve periodo. In realtà, i comunicati non sono ancora stati rilasciati, ma Lin Jarvis, managing directore della Casa di Iwata, ha confermato che ormai le trattative sono andate in porto: Franco Morbidelli sarà un pilota del Factory Team, mentre al suo posto nella squadra satellite arriverà Andrea Dovizioso.

Accordi che inizialmente erano stati pensati per cominciare nel 2022, ma che con l'uscita anticipata di Maverick Vinales dalla Yamaha ha portato ad anticipare i tempi. Al suo rientro dall'infortunio al ginocchio, che avverrà presumibilmente a Misano, Morbidelli andrà quindi a vestire i colori Monster Energy accanto a Fabio Quartararo, mentre Dovizioso debutterà con i colori Petronas, facendo così il suo ritorno in MotoGP dopo quasi un anno d'assenza dalla griglia della classe regina.

Il forlivese avrà a disposizione la vecchia "Spec B" per le rimanenti gare del 2021, ma poi nel 2022 potrà contare su una M1 identica a quelle ufficiali. A Misano poi si scoprirà anche l'identità della squadra diretta da Razlan Razali, che non avrà più lo sponsor Petronas (molto probabilmente rimpiazzato da WithU) e cambierà anche il suo assetto dirigenziale. Del resto, con l'approdo di Vinales in Aprilia, dove quest'anno Andrea aveva fatto il collaudatore, non era difficile fare 1+1 ed ipotizzare un ritorno tra le fila Yamaha, con la quale aveva già corso nel 2012 con i colori Tech3.

Leggi anche:

Ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD, Jarvis è partito dalla conferma della promozione di Morbidelli.

"Non abbiamo ancora firmato i contratti, ma abbiamo già un accordo con la VR46 e con Franco. L'anno prossimo sarà un pilota del Monster Energy Yamaha Team e questa è la prima notizia, ma questo era già previsto. Con questa situazione legata all'uscita di Maverick, però lui potrà venire prima da noi. Io mi aspetto che quanto tornerà a correre, probabilmente a Misano, sarà già un pilota del team ufficiale", ha detto Jarvis.

Poi ecco anche la conferma del programma per Dovizioso, che firmerà il contratto direttamente con Yamaha: "Questo fine settimana abbiamo raggiunto un accordo con Dovi e con il suo manager Simone Battistella. Andrea sarà un pilota della squadra satellite nel 2022, ma anche per lui l'avventura inizierà prima: quando Franco verrà da noi, lui correrà con Petronas".

Il manager britannico poi ha spiegato quali sono state le motivazioni che hanno portato la Yamaha ad organizzare questo rimpasto delle sue squadre, che si è rivelato particolarmente interessante per gli appassionati italiani.

"La situazione con Vinales ha cambiato tanto le cose, perché avevamo un piano con lui anche per il 2022. Questa situazione ha creato un temporale inaspettato, generando delle nuove opportunità anche per questa stagione. Abbiamo dovuto reagire perché il nostro obiettivo è cercare di fare la tripla corona e quindi abbiamo deciso di portare subito Franco nel team ufficiale. Questo poi ha creato anche l'opportunità per avere un altro pilota forte come Dovi".

Per quanto riguarda l'assetto delle squadre, Jarvis ha anche aggiunto che Morbidelli si separerà dal capo tecnico Ramon Forcada, almeno per questa parte conclusiva del 2021, nella quale il tecnico spagnolo lavorerà con Dovizioso: "Forcada rimarrà nella squadra satellite, quindi Morbidelli verrà a lavorare con le persone già presenti nel Factory Team".

condividi
commenti
MotoGP: Pol Espargaro, poleman di Silverstone

Articolo precedente

MotoGP: Pol Espargaro, poleman di Silverstone

Articolo successivo

LIVE MotoGP, Gran Premio di Gran Bretagna: Gara

LIVE MotoGP, Gran Premio di Gran Bretagna: Gara
Carica i commenti