MotoGP, Stiria, Libere 2: lampo di Savadori sul bagnato, Rossi 22°

La pioggia ha iniziato a cadere prima dell'inizio del turno e poi l'asfalto è andato via via asciugando. In condizioni miste brilla il pilota dell'Aprilia, precedendo Zarco e Mir. Bene anche Bagnaia quarto, mentre fatica tantissimo Rossi che è in coda al gruppo. Indietro anche Quartararo, solo 15esimo. La top 10 cumulativa rimane la stessa di stamattina.

MotoGP, Stiria, Libere 2: lampo di Savadori sul bagnato, Rossi 22°

Le previsioni meteo hanno giocato un brutto scherzo a quei piloti di MotoGP che questa mattina aveva preferito non fare il time attack, rimandandolo alla seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Stiria. Proprio pochi istanti prima del semaforo verde al fondo della pitlane, la pioggia ha infatti iniziato a cadere sul Red Bull Ring, rendendo impossibile andare a migliorare i tempi della mattinata.

Una bella tegola per chi, come per esempio Pecco Bagnaia, era rimasto fuori dalla top 10 questa mattina, visto che le previsioni per domani mattina parlano di pioggia. Ma se la precisione dovesse essere la stessa odierna, mai dire mai...

In ogni caso, questo è un turno che potrebbe rivelarsi importanti nell'ottica del weekend, visto che ci si attende l'arrivo della pioggia sia domani che domenica, quindi lavorare sull'asfalto bagnato, ma che andava via via asciugandosi, si potrà rivelare sicuramente utile.

Queste condizioni hanno favorito l'ascesa di un outsider come Lorenzo Savadori, che ancora una volta ha confermato di trovarsi particolarmente a proprio agio quando la pista si fa scivolosa: il pilota dell'Aprilia ha girato in 1'31"304 e alla fine ha preceduto di 154 millesimi la Ducati Pramac di Johann Zarco.

Sotto al muro dell'1'32" c'è sceso anche il campione del mondo in carica Joan Mir, che con la sua Suzuki si è fermato ad un 1'31"566. Dal quarto in giù la forbice si apre sensibilmente, con il già citato Pecco Bagnaia che occupa la quarta piazza con un ritardo di 878 millesimi con la sua Ducati ufficiale, precedendo l'altra Aprilia di Aleix Espargaro, ultimo pilota ad aver pagato meno di un secondo dal compagno di squadra.

Continuando a scorrere la classifica, in sesta posizione troviamo la Suzuki di Alex Rins, seguita da un Alex Marquez che è stato il migliore tra i piloti Honda, nonostante sia incappato in un drittone sulla sabbia alla curva 4. Ad onor del vero, suo fratello Marc stava facendo un gran tempo all'ultimo giro, ma poi deve aver commesso un errore e quindi ha chiuso solo decimo.

Tra le due RC213V si sono infilati Iker Lecuona e Maverick Vinales, rispettivamente miglior pilota KTM e miglior pilota Yamaha. Il primo è anche incappato in una scivolata alla curva 1, ma la cosa non sembra averlo rallentato troppo. Subito fuori dalla top 10 è buona poi la prova dei due rookie della Ducati, Enea Bastianini e Luca Marini, che sono rispettivamente 11esimo e 12esimo.

Le condizioni miste invece non sono mai piaciute particolarmente al leader iridato Fabio Quarararo, che infatti non è andato oltre al 15esimo tempo, alle spalle anche di Jack Miller, che è stato l'unico ad azzardare le gomme slick nei minuti conclusivi. Una prova che potrebbe rivelarsi utile nel caso di una gara flag to flag.

Continuando a scorrere la classifica, bisogna scendere fino alla 18esima posizione per trovare Danilo Petrucci, ma a faticare è stato soprattutto Valentino Rossi, che si ritrova 22esimo a 3"2, alle spalle anche dei rientranti Cal Crutchlow e Dani Pedrosa, dopo aver commesso anche un drittone alla curva 4. Dietro di lui c'è solo Miguel Oliveira, che non è sceso in pista dopo l'highside di questa mattina, evitando probabilmente di prendere rischi in queste condizioni.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Italy Lorenzo Savadori
Aprilia 19 1'31.304 170.568
2 France Johann Zarco
Ducati 21 1'31.458 0.154 0.154 170.281
3 Spain Joan Mir Mayrata
Suzuki 18 1'31.566 0.262 0.108 170.080
4 Italy Francesco Bagnaia
Ducati 21 1'32.182 0.878 0.616 168.944
5 Spain Aleix Espargaró Villà
Aprilia 12 1'32.231 0.927 0.049 168.854
6 Spain Alejandro Álex Rins Navarro
Suzuki 18 1'32.311 1.007 0.080 168.707
7 Spain Alex Marquez
Honda 16 1'32.445 1.141 0.134 168.463
8 Spain Iker Lecuona
KTM 20 1'32.543 1.239 0.098 168.285
9 Spain Maverick Ruiz Viñales
Yamaha 13 1'32.685 1.381 0.142 168.027
10 Spain Marc Márquez Alentà
Honda 14 1'32.841 1.537 0.156 167.744
11 Italy Enea Bastianini
Ducati 21 1'33.024 1.720 0.183 167.414
12 Italy Luca Marini
Ducati 18 1'33.152 1.848 0.128 167.184
13 Spain Pol Espargaró Villà
Honda 16 1'33.415 2.111 0.263 166.714
14 Australia Jack Peter Miller
Ducati 14 1'33.453 2.149 0.038 166.646
15 France Fabio Quartararo
Yamaha 18 1'33.498 2.194 0.045 166.566
16 South Africa Brad Binder
KTM 19 1'33.589 2.285 0.091 166.404
17 Japan Takaaki Nakagami
Honda 15 1'33.658 2.354 0.069 166.281
18 Italy Danilo Carlo Petrucci
KTM 15 1'33.684 2.380 0.026 166.235
19 Spain Jorge Martin
Ducati 20 1'33.906 2.602 0.222 165.842
20 United Kingdom Cal Crutchlow
Yamaha 19 1'33.954 2.650 0.048 165.757
21 Spain Daniel Pedrosa
KTM 17 1'33.954 2.650 0.000 165.757
22 Italy Valentino Rossi
Yamaha 20 1'34.582 3.278 0.628 164.657
23 Portugal Miguel Ângelo Falcão de Oliveira
KTM 1
condividi
commenti
MotoGP, Stiria, Libere 1: Nakagami al top, indietro le Ducati
Articolo precedente

MotoGP, Stiria, Libere 1: Nakagami al top, indietro le Ducati

Articolo successivo

Quartararo: "Oggi un incubo. La M1 ha zero grip sul dritto!"

Quartararo: "Oggi un incubo. La M1 ha zero grip sul dritto!"
Carica i commenti