Sepang, Libere 3: Pedrosa ancora davanti a Lorenzo

condividi
commenti
Sepang, Libere 3: Pedrosa ancora davanti a Lorenzo
Di: Matteo Nugnes
20 ott 2012, 07:15

Stoner perde terreno e paga 0"5. A terra entrambe le Ducati, con Rossi staccato di 1"8

La situazione sembra piuttosto chiara: se la pista è asciutta Dani Pedrosa sembra averne veramente di più rispetto a tutto il resto del gruppo. Lo spagnolo ha messo tutti in fila anche nella terza ed ultima sessione di prove libere del Gp della Malesia di MotoGp, realizzando un crono di 2'01"186, nonostante un pista molto scivolosa. Lo spagnolo della Honda ha preceduto di 158 millesimi la Yamaha del leader della classifica iridata Jorge Lorenzo, che rispetto a ieri si è avvicinato ed è riuscito a scavalcare Casey Stoner, che è precipitato a mezzo secondo di ritardo con la seconda Honda ufficiale. Dietro a Casey completano la top five le due Yamaha del team Tech 3, che sono le ultime due moto ad essere rimaste al di sotto del secondo di distacco da Pedrosa, con il "Dovi" che in particolare è riuscito a chiudere con un gap di appena 3 millesimi nei confronti di Stoner. Ben Spies apre invece la schiera di coloro che non sono riusciti a scendere sotto al 2'02", precedendo Alvaro Bautista e Nicky Hayden, che è incappato anche in una scivolata. Stessa sorte capitata anche a Valentino Rossi, che poi ha anche anche strattonato un commissario per recuperare la sua moto: la situazione per lui comunque non è delle migliori, visto che è decimo a 1"8. Veniamo ora alle CRT, tra le quali Aleix Espargaro è riuscito a rispondere con grinta al compagno di squadra Randy De Puniet. Il pilota del Team Aspar ha portato in 12esima posizione la sua ART-Aprilia, mettendo ben otto decimi tra sé ed il francese, che ha chiuso dietro anche a Karel Abraham.

MotoGp - Sepang - Libere 3

Prossimo articolo MotoGP
Yonny Hernandez rinuncia al Gp della Malesia

Previous article

Yonny Hernandez rinuncia al Gp della Malesia

Next article

Lorenzo pensa di poter reggere il ritmo delle Honda

Lorenzo pensa di poter reggere il ritmo delle Honda

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie