Dall’Igna: “Quando pensi abbia raggiunto il livello, Pecco fa uno step”

Il direttore generale della Ducati Gigi Dall'Igna afferma che Francesco Bagnaia compie un altro passo in avanti ogni volta che ci si aspetta che raggiunga davvero il suo livello in MotoGP.

Dall’Igna: “Quando pensi abbia raggiunto il livello, Pecco fa uno step”

Dopo due stagioni difficili in sella alla Ducati del team Pramac, Pecco Bagnaia è passato al team factory nel 2021, dove ha disputato un campionato ricco di successi. Vincendo quattro gare, il piemontese è stato un protagonista della lotta al titolo fino alle ultime fasi della stagione, chiudendo in seconda posizione a 26 punti di distacco dal campione del mondo Fabio Quartararo.

Bagnaia è stato solo uno dei diversi piloti che hanno fatto la storia della Ducati nel 2021: il compagno di squadra Jack Miller che ha vinto due volte, il rookie del team Pramac Jorge Martin ha conquistato una sensazionale vittoria al Gran Premio della Stiria, mentre il debuttante Avintia Enea Bastianini è salito sul podio in due occasioni con la GP19.

Quando a Gigi Dall’Igna è stato chiesto chi lo avesse sorpreso di più durante questa stagione, ha risposto: “Tutti i ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro, questo è ovvio. Martin ha ottenuto la pole nella sua seconda gara di MotoGP, che è molto difficile da fare. Ha vinto una gara nella sua prima stagione, non è facile. Ma anche Pecco ha fatto un grande lavoro, soprattutto nella seconda parte della stagione, è stato il migliore. Ha vinto quattro delle ultime sei gare, che sarebbero dovute essere cinque se non fosse caduto a Misano. È stato sul podio ad Austin. Ad essere onesti, Pecco è un pilota che continua a migliorare ogni anno e quando ti aspetti che raggiunga davvero il suo livello, fa un altro passo”.

“Non so chi mi ha sorpreso di più – prosegue – Anche Enea, che non aveva la moto ufficiale, è andato forte. Ha dovuto usare una GP19 perché non potevamo fare altro, anche con quella moto è stato brillante in certi momenti come a Misano. Ciò che è particolarmente impressionante è che è molto competitivo nell'ultima parte della gara, spesso gira sugli stessi tempi del vincitore. Ha bisogno di migliorare venerdì e sabato, ma se può partire più avanti penso che sarà della partita”.

All'inizio di quest'anno, Ducati ha annunciato che sarebbe stato l'unico fornitore di moto per la Coppa del Mondo MotoE, prendendo il posto di Energica dal 2023. Commentando questa nuova avventura per Ducati, Dall'Igna dice che ci sono molte cose che sono interessanti dal punto di vista di un ingegnere ed è contento di poterci lavorare: “È una novità per noi, ma dobbiamo fare in modo che con Ducati Corse portiamo in pista una buona moto”.

“Penso che la moto elettrica sia una bella sfida per un ingegnere, si può sviluppare qualcosa in un modo completamente diverso. Come si ha intenzione di ottenere energia dalla batteria, come si vuole ricaricarla...ci sono molte cose che sono molto interessanti dal punto di vista di un ingegnere, non vedo l'ora di questa sfida. Sono contento di poterci lavorare, preferisco iniziare subito”.

condividi
commenti
Yamaha: Dovizioso ancora lontano dal "riferimento" Quartararo
Articolo precedente

Yamaha: Dovizioso ancora lontano dal "riferimento" Quartararo

Articolo successivo

SIC: ecco il trailer ed il poster del film su Marco Simoncelli

SIC: ecco il trailer ed il poster del film su Marco Simoncelli
Carica i commenti