Binder: "Errore super stupido cadere nel giro di formazione"

Brad Binder ha definito "super stupido" l'incidente avvenuto nel giro di formazione del Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna, facendosi sorprendere dai freni ancora freddi.

Binder: "Errore super stupido cadere nel giro di formazione"

Il pilota della KTM ha vissuto un fine settimana complicato a Misano, ritrovandosi al 19° posto sullo schieramento di partenza, mentre il compagno di squadra Miguel Oliveira è stato capace di artigliare il quinto.

Bender è scivolato alla curva 10 mentre stava portando la sua RC16 in griglia prima della gara, quando aveva scelto di montare una gomma dura all'anteriore, stessa soluzione adottata poi in gara da Pecco Bagnaia e Jack Miller, entrambi caduti alla curva 15.

Il sudafricano ha spiegato che il suo errore è stato dovuto in parte al tentativo di scaldare la gomma anteriore, ma di essere stato beffato anche dalla temperatura ancora bassa dei freni in carbonio. E questo incidente poi lo ha costretto a prendere il via dal fondo dello schieramento.

"Non so nemmeno da dove iniziare se devo essere onesto. Che fine settimana...", ha detto Binder. "A volte si vivono quei fine settimana in cui niente sembra andare come previsto".

"Proprio quando sembra che stai andando nella direzione giusta, fai un bel passo indietro o hai una battuta d'arresto. Onestamente, non ho davvero nulla da dire se non che mi dispiace per la squadra".

"Non c'è molto da dire. Il warm-up era in condizioni miste, quindi non avevo fatto nessun giro sull'asciutto. Sono entrato per la gara abbastanza fiducioso, ho deciso di montare la dura all'anteriore e andando in griglia quindi ho cercato di scaldarla, ma ho commesso un errore enorme".

"Non ho scaldato i freni e, con i dischi in carbonio, è normale che nel momento in cui si scaldano, frenano davvero forte. Purtroppo è successo improvvisamente e appena ho afferrato il freno si è bloccata la ruota davanti, quindi sono caduto".

"E' la prima volta che cado nel giro di formazione. E spero anche l'ultima. Sicuramente non è stato per niente bello, quindi devo chiedere scusa alla mia squadra per quell'errore stupido. Fortunatamente, sono stato in grado di prendere il via, ma dall'ultima posizione. Anche se non è cambiato molto, perché solo andato indietro solo di poche posizioni".

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Dopo questa disavventura, Binder è tornato sui suoi passi per quanto riguarda la scelta della gomma anteriore, passando alla media, ma i suoi problemi sono proseguiti quando gli è stata inflitta una long la penalty per essere andato troppe volte oltre i track limits. Cosa che lo ha lasciato perplesso, perché ha spiegato di non essersi reso conto di essere andato largo così tante volte.

"Ho fatto una partenza incredibile, ma le mie gomme erano fredde i primi due giri, perché aspettando di uscire dalla pitlane prima di arrivare in griglia si erano congelate e all'inizio non potevo spingere", ha detto sull'inizio della gara conclusa all'11° posto.

Leggi anche:

"Proprio quando ho iniziato a sentire che stavo trovando il ritmo, ho ricevuto una long lap penalty, ma in realtà non ho idea di dove io abbia toccato il verde. Non me ne sono accorto se devo essere onesto".

"Quindi, è stato un po' uno shock per me. Ho fatto la long lap penalty, poi ho faticato a ritrovare il ritmo. Ho fatto un po' fatica anche a livello di grip alla fine".

"Non è stato un buon fine settimana per noi, ora devo guardare indietro per capire gli errori che ho commesso ed imparare da questi".

condividi
commenti
Quartararo: "Il titolo ci fa dimenticare i momenti difficili della Yamaha"
Articolo precedente

Quartararo: "Il titolo ci fa dimenticare i momenti difficili della Yamaha"

Articolo successivo

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre”

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre”
Carica i commenti